A A

Bambini che mangiano troppo: 7 errori da non fare

Dietro a una richiesta eccessiva di cibo ci possono essere abitudini sbagliate, ma anche difficoltà relazionali con mamma e papà. Forse tuo figlio vuole comunicarti qualcosa. Ecco i comportamenti da evitare



1

di Angela Altomare

Solo il 17% dei genitori italiani si accorge del peso eccessivo dei propri figli, mentre il 98% non lo considera un problema medico. A rivelarlo è un'indagine di Altroconsumo su ventimila famiglie con figli under 10. Un dato allarmante che fotografa come spesso dietro un rapporto sbagliato con il cibo dei bambini ci siano non solo stili di vita scorretti adottati in famiglia, ma anche una sottovalutazione del fenomeno da parte di mamme e papà. 

«Il consumo eccessivo di cibo è segno di un linguaggio della sofferenza infantile che occorre decodificare», spiega Rosanna Schiralli, psicologa e psicoterapeuta. «La richiesta eccessiva di cibo può rappresentare spesso una difficoltà nella relazione con il genitore e come tale non va sottovalutata. A volte può trattarsi di “fame” di coccole, attenzioni, considerazione. Altre volte, invece, può essere l’incapacità a gestire la noia o i momenti vuoti e non programmati della giornata, che vengono vissuti come “buchi neri” da riempire a tutti i costi, visto che purtroppo quasi sempre i bambini sono abituati a fare o ricevere continuamente qualcosa (stimoli, doni, insegnamenti). Le regole anche per quanto riguarda i pasti sono fondamentali. Un bambino necessita di limiti all'interno dei quali sentirsi al sicuro»

Ma quali sono le abitudini e i comportamenti sbagliati che possono indurre i bambini a mangiare in modo eccessivo? Scopriamoli insieme (sfoglia l'articolo).

Fai la tua domanda ai nostri esperti

1. SALTARE LA COLAZIONE

La colazione è fondamentale per non arrivare troppo affamati al pasto successivo e mangiare di più nell’arco dell’intera giornata. L’ideale è condividerla con tutta la famiglia a tavola, ma se al mattino vai di fretta «prepara la sera prima dei piccoli contenitori con frutta già tagliata: tuo figlio potrà consumarla mentre si reca a scuola», è il suggerimento di Paola Salgarelli, biologa nutrizionista e specialista in Scienze dell’alimentazione.
L’importante è non saltare il pasto del mattino. «Il rischio è che l’organismo riceva un segnale ormonale che fa sì che il corpo “consumi meno” e comporti un abbassamento del metabolismo basale».
La colazione ideale per i bambini? «Dovrebbe contenere gli elementi indispensabili per la crescita, cioè carboidrati di cui sono ricchi alimenti come pane, biscotti, fette biscottate, miele e marmellata, calcio contenuto in latte, yogurt e formaggio, vitamine e sali minerali, di cui sono una buona fonte frutta e spremute. Andrebbero limitati, invece, i cibi come burro e merendine perché contenenti troppi grassi». Un trucco per aumentare il senso di sazietà del piccolo? «Scegli alimenti ricchi di fibre come pane integrale, fette integrali», dice la nutrizionista.

2. MANGIARE DAVANTI A TV E TABLET

Meglio evitare le distrazioni a tavola, una regola che non dovrebbe valere solo per i più piccoli, ma anche per gli adulti di casa. Consumare i pasti davanti a tablet, PC e altri apparecchi digitali può essere dannoso. «Favorisce l'obesità e riduce la capacità di controllare consapevolmente la quantità di cibo che si mangia. Non permette di assaporare a pieno la qualità e la bontà di ciò che si sta consumando», spiega la nutrizionista. Inoltre, aggiunge la psicologa Schiralli, «rende difficile distinguere il pieno dal vuoto, la fame dalla sazietà, avviando un processo di disconoscimento delle sensazioni fisiche e delle emozioni».

3. SCEGLIERE FUORI ORARIO SNACK IPERCALORICI

«A metà mattina e a metà pomeriggio è molto importante spezzare il digiuno con uno spuntino che permetta al piccolo di arrivare troppo affamato ai pasti principali e che, allo stesso tempo, non rovini l’appetito per il pranzo o per la cena», spiega la dottoressa Salgarelli.
Da evitare cibi elaborati e ricchi di grassi. Spazio, invece, alla frutta. «Per la scuola è molto pratica la banana o anche una mela da sgranocchiare, ma se per il bimbo è poco pratico si possono preparare piccoli contenitori con macedonie di frutta condita con un po’ di succo di limone», suggerisce la nutrizionista. «Anche 30-40 g di frutta disidratata (mele, albicocche, uvetta) risultano molto graditi ai più piccoli e rappresentano una scelta molto sana. Oppure possiamo scegliere piccoli panini (bocconcini da 30 g) magari integrali, farciti con prosciutto o qualche quadratino di cioccolato fondente o marmellata. Ai succhi di frutta e alle bibite zuccherate meglio preferire una bottiglietta di acqua».

4. MANGIARE SPESSO AL FAST FOOD

Soprattutto se il bambino è in sovrappeso è bene limitare il consumo di pasti preparati industrialmente. Meglio evitare hamburger, patatine, salse e altri cibi da fast food. «Si tratta di alimenti ricchi di grassi saturi, sale e zuccheri, colesterolo, carboidrati raffinati e altre sostanze dannose», spiega la nutrizionista. «Attenzione, poi, alle bevande zuccherate. Il consumo eccessivo di zuccheri semplici risulta essere una delle prime cause dell'obesità infantile. Questo perché gli zuccheri in eccesso, guidati dall'azione dell'insulina, vengono immagazzinati sotto forma di grassi all'interno dei tessuti adiposi».

5. FARE POCO MOVIMENTO

Bando alla pigrizia. Anche svolgere una disciplina sportiva può essere di aiuto per rieducare il piccolo a una sana e corretta alimentazione.
«L’attività fisica, se fatta in maniera costante, permette di ottenere progressivamente un innalzamento del metabolismo basale che fa sì che l’organismo consumi di più, anche a riposo», afferma la nutrizionista. «Questo vale per grandi e piccini. Nei piccoli in sovrappeso questo meccanismo permette di contenere l’aumento di peso senza particolari sacrifici a tavola».

6. DIRE AL PICCOLO CHE MANGIA TROPPO

Mortificare un bambino che mangia troppo, umiliarlo o ridicolizzarlo, così come sgridarlo, non serve, anzi, si potrebbe ottenere l’effetto contrario. «Meglio cercare di capire cosa il bambino stia cercando di comunicare con questo atteggiamento, dedicare del tempo per stare insieme, giocare e condividere emozioni insieme a lui», suggerisce la psicologa. «Ripetere al bambino cosa è meglio fare o non fare a proposito del cibo si rivela sempre un pessimo metodo educativo. Occorre armarsi di pazienza ed educare il proprio bambino ad accettare gli alimenti sani, magari facendo la spesa insieme e coinvolgendolo nella cucina».

7. RIPETERE CHE UN CIBO DI CUI È GHIOTTO FA INGRASSARE

È sbagliato ripetere all'infinito a tuo figlio che un cibo di cui va matto fa ingrassare. «Occorre semplicemente non comprare quell'alimento» dice la psicologa Schiralli. «Ai bambini non va spiegato sempre tutto. Come potrebbe capire la differenza tra zuccheri semplici e composti? Cosa potrebbe capire di colesterolo? Insomma: se ci avventurassimo a convincere un bambino con questi argomenti di biologia molecolare, lui capirebbe soltanto che abbiamo una grande difficoltà a dire "no". E quindi insisterà fino allo sfinimento. Cercate, invece, di non chiedere al bambino cosa vuole mangiare e non fornite menù alternativi».

Leggi anche

Come contrastare l’obesità infantile?

Obesità: le nuove cure

Obesità: l’importanza della prevenzione

Pubblica un commento