A A

Cioccolato: buono, goloso e anche sano

Irresistibilmente goloso, nella versione fondente è uno dei cibi più preziosi per il benessere dell’intero organismo



0

Adorato dai più piccoli, ma amato anche dai grandi, il cioccolato non è solo un’irresistibile tentazione, ma è anche un cibo prezioso che, dall’antichità fino ad oggi, assicura all’organismo una serie di nutrienti che aiutano non solo a stare bene ma anche a tenere lontane molte malattie.

La versione da preferire? Rigorosamente quella fondente, che assicura una maggior quantità di nutrienti con una minor percentuale di grassi, zuccheri e calorie. Ovvio che le quantità non devono essere eccessive: 30-40 grammi al giorno, pari a circa sei quadratini, sono la dose ideale per mettere d’accordo gusto, linea e salute, mentre chi preferisce il cacao in polvere può usarne due, tre cucchiai al giorno.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

È ricchissimo di polifenoli protettivi

Il cioccolato fondente è uno degli alimenti più ricchi in assoluto di antiossidanti, in particolare di flavonoidi, che preservano le cellule dall’invecchiamento precoce contrastando gli effetti dannosi dei radicali liberi.

È un valido aiuto quindi anche per la bellezza; contribuisce infatti a tenere lontane le rughe, che danno un aspetto stanco al volto, e a prevenire i cedimenti che tolgono definizione al profilo della figura; inoltre si rivela prezioso per mantenere piena e luminosa la chioma.

È amico della circolazione

Una ricerca della Società Italiana di Medicina Interna ha evidenziato che 40 grammi di cioccolato fondente al giorno hanno effetti benefici per la circolazione. Merito ancora una volta dei polifenoli, capaci di ridurre i rischi legati all’irrigidimento delle arterie, di cui favoriscono invece la dilatazione, e di arginare malattie particolarmente gravi come l’aterosclerosi dei vasi periferici.

Lo studio ha dimostrato anche che il cioccolato al latte, avendo un contenuto di polifenoli inferiore di circa tre volte rispetto al fondente, non ha nessun beneficio a livello circolatorio.

Contrasta l’anemia

Il cacao contiene una quantità di ferro doppia rispetto a quella presente nella carne. In sostanza 30-40 grammi di cacao vantano un quantitativo di questo prezioso minerale analogo a quello contenuto in una bistecca di manzo.

Per questa ragione il cioccolato fondente è un alleato prezioso sia delle donne, che soprattutto in presenza di mestruazioni abbondanti possono soffrire di anemia, sia dei bambini, che tendono ad essere anemici se mangiano poca carne. Aiuta poi in situazioni di stanchezza e di superlavoro, e qualora serva più ferro per sentirsi in forza e carichi di energia.

Migliora l’umore e la lucidità mentale

Il cacao è una fonte privilegiata di teobromina, un alcaloide naturale capace di contrastare la depressione e di modulare in senso positivo l’umore e migliorare le capacità di concentrazione.

Nel cioccolato fondente c’è anche l’anandamide, una sostanza in grado di regalare una sensazione di appagamento e di benessere: non a caso la parola “ananda” in sanscrito significa felicità. Preziosa anche l’azione dello zinco, altro elemento contenuto nel cacao, che aiuta a dare benessere e tenere sotto controllo l’ansia e il malumore.

Aiuta a mantenere la linea

Il cioccolato fondente è concesso anche a chi è a dieta. Innanzitutto perché soddisfa il gusto senza esagerare con le calorie, come succede con altri dolci: 30 grammi forniscono infatti 150 calorie, mentre una tazza di cioccolata con 30 grammi di cacao e 150 ml di latte parzialmente scremato arriva a 170 calorie.

Ma c’è di più: il cacao contiene acido clorogenico capace di tenere sotto controllo l’insulina e rallentare l’assorbimento degli zuccheri a tutto vantaggio della linea; la anandamide invece, dando una sensazione di calma e di benessere, evita che si esageri con altri cibi più calorici.

Leggi anche

Gelati e sorbetti: golosità in linea

Aperitivo: così è davvero in linea

Spuntini e dieta: pro e contro

Elisir di lunga vita

Maqui: il super berry di lunga vita

Mangiare piccante allunga la vita

Supercibi: gli errori in cucina

Pubblica un commento