A A

Vita da vespa: le dritte per ottenerla

Il corpo a clessidra è un obiettivo raggiungibile con il programma giusto. Ecco cosa fare



0

di Claudia Bortolato

C’è chi per ottenerla non esita a ricorrere al waist training, l’uso di corsetti che la assottiglia progressivamente (e dolorosamente). Ma per avere o riavere una vita sottile è molto meglio puntare su sistemi più sicuri. Come quelli raccomandati dalle nostre due esperte, da abbinare a un programma fitness specifico da concordare in palestra.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

COSMETICI


«Sono indicate le formule riducenti e rimodellanti con principi attivi lipolitici», dice Patrizia Piersini, medico estetico a Torino. «Per esempio l’alga fucus, la caffeina, che stimola la lipasi (gli enzimi che sciolgono i grassi nelle cellule) e l’estratto di guaranà, ricco appunto di caffeina. 


Utile anche l’estratto di pepe rosa, che rende i trigliceridi più attaccabili dagli enzimi lipolitici, e l’alga sphacelaria scoparia, che ha un’azione antistoccaggio, ossia limita la formazione di trigliceridi all’interno dell’adipocita».


Per favorire la penetrazione dei principi attivi e mantenere la pelle morbida ed elastica, ricordati di esfoliare con cura anche il punto vita, per raggiungere meglio anche il “lato b” del tuo vitino. Attenzione, però: per ottenere dei risultati devi essere costante e metodica nell’applicazione dei prodotti.

RELAX E BUON SONNO


Impara a rilassarti, perché la tensione e il nervosismo fanno accumulare grasso soprattutto sul girovita. Colpa del cortisolo, l’ormone dello stress, che insieme all’insulina influisce sull’accumulo di grasso addominale. La terapia più semplice? Fai respiri diaframmatici, yoga, meditazione, massaggi rilassanti.


E una passeggiata alla luce naturale di almeno mezz’ora, tutti i giorni: aiuta a sincronizzare meglio il rapporto tra cortisolo/serotonina/melatonina, con benefiche ricadute anche sul sonno. Perché altrettanto importante è dormire bene e a sufficienza: quando si dorme poco e male, si tende a mangiare alimenti più calorici e a utilizzare male le calorie ingurgitate.


Per riposare come un bebè mantieni regolari i ritmi sonno/veglia ed evita fonti luminose dopo le 22, per non interferire con la produzione di melatonina. Un’ora prima di coricarti, bevi una tisana rilassante preparata con melissa, luppolo, camomilla romana, tiglio e passiflora in parti uguali.

MEDICINA ESTETICA & PROTEINE


Per prima cosa addio per sempre al junk food, che aumenta soprattutto il grasso addominale. Ma per rimodellare il punto vita senza ricorrere a tecniche strong come la liposuzione e la liposcultura, puoi provare la carbossiterapia abbinata alla dieta proteinata, che fa perdere massa grassa.


«Il regime alimentare, che deve essere personalizzato dal medico e seguito sotto il suo controllo, consiste nell’assunzione di integratori (per colazione, pranzo, cena e spuntini) che contengono un mix bilanciato di proteine ad alto potere biologico, derivate da latte, uova e soia e arricchite con potassio e Omega 3 e 6», spiega Piersini.


Alla dieta puoi associare la carbossiterapia, con microiniezioni sul punto vita di anidride carbonica medicale, che aumenta la velocità del microcircolo, l’ossigenazione dei tessuti e la lipolisi. «Consiglio di iniziare con 15 giorni di dieta e continuare con 10 sedute settimanali di carbossiterapia».


I costi: 70-90 € a seduta la carbossiterapia; per la dieta la visita iniziale circa 150-200 €, più costo degli alimenti. L’alternativa alla carbossiterapia è la mesoterapia con sostanze lipolitiche, come la carnitina o la fosfatidilcolina (10-15 sedute da 70-90 € l’una).

PIU' SOTTILE EQUIVALE A PIU' SANA


Il rapporto vita/fianchi ideale non è una questione di gusti: le ricerche hanno stabilito che quello ideale è uguale o inferiore a 0,7. Per esempio, se la circonferenza dei fianchi è 95 centimetri, il punto vita dovrebbe misurarne 66 o meno.


Oltre a essere gradevole esteticamente, infatti (e a essere un elemento del sex appeal), il corpo a clessidra aiuta a tenere a distanza malattie importanti: il grasso addominale aumenta l’infiammazione e il rischio di sviluppare problemi cardiovascolari e metabolici.

Articolo pubblicato sul n.16 di Starbene in edicola dal 05/04/2016

Leggi anche

Pancia: i cibi per sgonfiarla

Pancia piatta con 5 mosse anti-gonfiore

Linea: 4 erbe "amiche"

Pole dance: pancia piatta e braccia toniche

Come allenare tutto il corpo in 6 minuti?

Pubblica un commento