hero image

Melone re dell’estate: meno cellulite, più abbronzatura – Video

Favorisce l’eliminazione dei liquidi e delle tossine. E protegge la pelle come un filtro solare

Foto: iStock



«Il melone fornisce potassio, che favorisce il lavoro dei reni», spiega la dottoressa Anna D’Eugenio, medico nutrizionista. «È quindi utile per eliminare scorie e tossine, ti aiuta a sgonfiarti e a contrastare la cellulite che spesso si forma proprio a causa del ristagno di liquidi. Un pasto composto da prosciutto e melone, un’insalata e una fetta di pane (facile da consumare anche in spiaggia o in ufficio) è ottimo. E non solo per stimolare la diuresi. Non va infatti dimenticato che il potassio aiuta a regolarizzare la pressione (contrastandone l’abbassamento dovuto al caldo)».

Protegge la pelle dal sole

Un altro punto di forza del melone è il suo contenuto di betacarotene (al quale deve il colore arancione della polpa) e di vitamina C. «Il betacarotene, come un filtro, scherma l’aggressione dei raggi ultravioletti», aggiunge la nostra esperta. «Protegge quindi la pelle dalle scottature e dal photoaging, il precoce invecchiamento dovuto all’esposizione al sole. Invece la vitamina C interviene nella produzione del collagene e mantiene la pelle tonica ed elastica. Un centrifugato di melone al giorno è ok per prepararti all’abbronzatura».


Così lo digerisci meglio

Il melone è molto ricco di acqua e zucchero, che possono scatenare il mal di stomaco. Il problema è facilmente arginabile aggiungendo un pizzico di sale o consumandolo insieme ad alimenti molto sapidi. Così ne sfrutterai tutti i benefici senza effetti collaterali.


Controlla se è maturo

«Bussa leggermente sulla sua buccia», consiglia la Coldiretti. «Se il suono è sordo, è pronto da tagliare. Per capire se è maturo valuta anche il profumo (deve essere molto dolce) e la consistenza del picciolo (che non deve risultare secco, ma morbido, e tendere a staccarsi facilmente).


Meglio lisco o retato?

Cantalupo
Di media grandezza, ha superficie liscia e venature verde scuro. È considerato il più saporito e profumato, ma va consumato nel giro di pochi giorni.

Reticolato
Ha la superficie coperta da una fitta rezzatura: per questo è chiamato anche retato. È meno gustoso ma si conserva meglio.

Valori nutrizionali
Un etto di melone fornisce 32 mg di vitamina C, 189 mcg di betacarotene, 333 mg di potassio, 90,1 g di acqua e 33 cal.


Articolo pubblicato sul n.25 di Starbene in edicola dal 09/06/2015


Leggi anche

Melone giallo e melone bianco: quali virtù?

Albicocche: gusto, bellezza e buonumore