hero image

Climaterio: durata, sintomi e rimedi

Il climaterio rappresenta una fase di cambiamento molto importante nella vita di una donna

iStock



di Serena Allevi


Conoscere la sintomatologia del climaterio e i rimedi più efficaci per affrontare cambiamenti e fastidi di questo periodo, è la strategia migliore. E la soluzione che può dare anche sorprendenti risultati in termini di benessere immediato. 


Climaterio: cos'è

Innazitutto, specifichiamo cosa si intende con climaterio. Questa fase è un momento di transizione (più o meno lungo) che precede e segue la menopausa. Il climaterio, dunque, non è una patologia ma semplicemente una fase della vita che ha, generalmente, il suo esordio attorno ai 40-50 anni, con la pre-menopausa, e prosegue con la manopausa e la post-menopausa. La sua durata, infatti, va dai 7 ai 10 anni.

Durante il climaterio si verificano cambiamenti ormonali importanti e sono proprio questi mutamenti a dare origine alla sitomatologia tipica del periodo, tanto che si parla di sindrome climaterica. Il climaterio è caratterizzato quindi da una carenza ormonale (soprattutto di estrogeni) e da un'involuzione della funzionalità ovarica

Il climaterio non riguarda, però, soltanto la salute femminile. Anche per l'uomo, infatti, si può parlare di climaterio. Ovvero del periodo che, nel caso maschile, precede l'andropausa


Sintomi del climaterio

Quali sono i sintomi associati al climaterio, che costituiscono spesso quella che viene chiamata sindrome climaterica

Vampate di calore, irritabilità, sbalzi d'umore, insonnia, secchezza vaginale, aumento di peso, palpitazioni, prurito, calo del desiderio sessuale, ansia, depressione lieve. 

Inoltre, proprio con l'esordio del climaterio, può verificarsi un aumento del rischio cardiovascolare e può insogere l'osteoporosi. Ma non solo: non sono poche le donne che riferiscono problemi alla cute o ai capelli, così come vaginiti o cistiti più frequenti. 


Alterazioni del flusso mestruale

Il climaterio comprende dunque tutto il ciclo della salute riproduttiva femminile che va dalla premenopausa alla post-menopausa.

La premenopausa prevede la comparsa di una serie di disturbi, che differiscono da donna a donna, sia come tipologia sia come intensità. Ad ogni modo, generalmente, in questo periodo il ciclo mestruale diventa irregolare, diventando più frequente e ravvicinato (polimenorrea) oppure più diradato nel tempo (oligomenorrea)

La menopausa vera e propria, invece, coincide con l'ultima mestruazione. Solitamente si presenta tra i 45 e i 55 anni: se si verifica prima, si parla di menopausa precoce, se invece si presenta dopo i 55 anni, viene definita menopausa tardiva. In questo periodo la funzionalità ovarica e di conseguenza la vita fertile termina, e si manifestano tutti i sintomi tipici della menopausa, come vampate, palpitazioni, insonnia, sbalzi d'umore, secchezza vaginale.  

La post-menopausa, infine, è il periodo che segue la menopausa, e coincide con i momento in cui tutti i sintomi legati alla menopausa si sono risolti. 


Rimedi per i sintomi del climaterio

Ovviamente sia l'intensità sia la tipologia dei sintomi del climaterio variano da donna a donna. A volte se ne possono presentare solo alcuni, in altri casi invece il quadro può essere più pesante (e anche invalidante) poiché i sintomi si manifestano tutti insieme dando appunto origine a quella che definiamo sindrome climaterica. 

Come si diagnostica il climaterio? Per la diagnosi occorrono una serie di esami specifici come ecografie, analisi del sangue, dosaggi ormonali. La strategia per arrivare alla diagnosi è decisa dal medico curante e dallo specialista. In modo che la sintomatologia sia, infine, riferibile esattamente al climaterio e non ad altri tipi di patologie. 

Una volta accertata la diagnosi, le terapie possono essere diverse a seconda dei differenti casi. E sempre decise e monitorate dal medico. La terapia farmacologica, sempre più precisa e studiata sulle necessità specifiche della paziente, può comprendere terapie oromonali sostitutive, contraccettivi orali e, all'occorrenza, la precrizione di blandi farmaci psicoattivi

La stessa terapia ormonale sostitutiva oggi assume diverse forme a seconda delle differenti necessità e dal grado di tollerabilità per ogni singolo caso. Può assumere la forma di pillola, cerotto, gel o anello vaginale. Sarà il medico specialista (ginecologo) a decidere quale sia la più adatta, anche considerando variabili come la predisposizione individuale a diverse patologie (rischio cardiovascolare, per esempio). 


Stile di vita e rimedi dolci per il climaterio 

Non solo farmaci. Esistono anche diverse cure dolci ed efficaci per intervenire sulla sintomatologia del climaterio. Questi rimedi naturali possono essere usati da soli se i sintomi sono lievl e non costanti, oppure insieme ai farmaci, ma in quest'ultimo caso sempre e solo su indicazione del medico. 

I rimedi dolci più usati ed efficaci sono i fitoestrogeni, il trifoglio rosso e gli antiossidanti naturali (ricavati, per esempio, dai frutti rossi). Per contrastare ansia e insonnia, vengono in soccorso fitoestratti come la valeriana, la camomilla, la melissa e il tiglio. E i cali di umore possono essere contrastati con l'assunzione di magnesio e di rodiola. 

Certamente anche lo stile di vita assume una rilevanza fondamentale per migliorare la sintomatologia del climaterio. Nello specifico, è importante evitare di ingrassare e anzi perdere i chili in eccesso seguendo un'alimentazione sana ed equilibrata. Inoltre, no alla sedentarietà: camminare tutti i giorni e praticare nuoto o yoga due volte alla settimana sono idee efficaci sia sul breve sia sul lungo termine. 

Anche la vita sessuale non dovrebbe subire uno stop: per contrastare la secchezza vaginale esistono oggi numerosi rimedi da scegliere su consiglio del ginecologo (per esempio, i gel lubrificanti di ultima generazione). 

Infine, diminuire drasticamente il consumo di alcolici e smettere di fumare sono sicuramente due strategie vincenti per riconquistare subito il benessere e per diminuire il rischio cardiovascolare. 


Menopausa: meglio conoscerla

Menopausa: come evitare i disturbi più comuni

Vampate di calore in menopausa: rimedi naturali

Intimità di coppia in menopausa

Secchezza vaginale: i nuovi rimedi

Contro i disturbi della menopausa prova gli isoflavoni