hero image

Finocchi alleati contro gastriti e coliti: tutte le proprietà

Preziosi per l’apparato digerente, i finocchi sono anche depurativi e diuretici. Utilissimi, poi, contro i gonfiori legati alla sindrome premestruale. Ecco come mangiarli per amplificare le loro virtù

(Foto di Katharina Klinski da Pixabay)



Il finocchio, quello coltivato, lo trovi tutto l’anno, ma la sua stagione clou è quella fredda. «Il nostro Paese è leader mondiale nella produzione di finocchi e la parte del leone la fa la Puglia», spiega Coldiretti.

Del finocchio si consuma la grossa guaina bianca (“grumolo”) che si sviluppa alla base della pianta. «Al mercato controlla che sia carnosa, soda e compatta mentre le foglioline devono essere fresche», continua Coldiretti. «Puoi conservarlo per una decina di giorni, senza che perda sapore, se lo metti al fresco in sacchetti con piccoli fori. Oppure puoi surgelarlo, dopo averlo ridotto a spicchi e sbollentato, lasciandolo coperto con l’acqua di cottura».


Crudo aiuta digestione e diuresi

«Grazie all’abbondante contenuto di acqua e sali minerali, in particolare potassio, il finocchio crudo è rinfrescante, depurativo e diuretico» spiega la nutrizionista Anna D’Eugenio.

«Utilissimo, per esempio, contro i gonfiori legati alla sindrome premestruale: consumalo in insalata, insieme a una porzione di pesce bollito e a una macedonia di ananas e fragole, 2-3 giorni prima del flusso, per favorire la diuresi».

La presenza di anetolo, l’olio essenziale che conferisce il tipico sapore simile all’anice, lo rende anche un ottimo digestivo, se lo sgranocchi alla fine di un pasto impegnativo.


Finocchio cotto contro gastriti e coliti

«L’ortaggio cotto diventa sedativo e lenitivo, ottimo soprattutto per spegnere infiammazioni dell’apparato digerente, come gastriti, coliti, reflusso gastroesofageo» continua la nutrizionista. «Consumalo al vapore associato a una porzione di risotto con le zucchine e a una papaia. E se lo fai bollire, puoi bere l’acqua di cottura come una tisana, per ridurre il mal di pancia e la presenza di aria nell’intestino».

Il finocchio cotto facilita anche la montata lattea (quindi è ottimo se stai allattando). Inoltre è lassativo senza irritare le pareti del colon, perché la cottura trasforma e riduce in parte le fibre presenti e rende più disponibili gli zuccheri, che nutrono la flora intestinale.

Un pasto anti stipsi? Crema di finocchi o finocchi gratinati al forno, associati a uova strapazzate e 2 kiwi.


Finocchio, valori nutrizionali

Un etto di finocchi crudi fornisce 93,2 g di acqua, 2,2 g di fibre, 394 mg di potassio, 45 mg di calcio, 16 mg di magnesio, 12 mg di vitamina C e solo 9 calorie.


Tondo o affusolato? Maschio: panciuto, croccante, carnoso e poco filamentoso. Ideale crudo, per insalate o pinzimoni.
Femmina: più piccolo, schiacciato e allungato, meno aromatico e più fibroso, è perfetto cotto.



Fai la tua domanda ai nostri esperti


Leggi anche

Reflusso gastroesofageo: cosa mangiare

Ribes, un alleato della circolazione

Tè matcha contro rughe e buccia d'arancia