hero image

Dimagrire: meglio iniziare il pasto con il secondo

Questa scelta permette di consumare più cibi proteici e verdure e ha molti altri vantaggi. Scopri perché fa bene



Risponde la dott.ssa Roberta Martinoli, medico nutrizionista a Roma

Di recente ha suscitato curiosità la scelta di due istituti primari di Bologna che hanno scelto di servire, nella mensa scolastica, la pietanza all’inizio del pasto, in modo che i bambini possano consumare più verdura. E i vantaggi non si fermano a questo.

Ecco gli altri.

1 Aumento delle probabilità che i bambini con scarso appetito mangino anche cibi proteici, anziché sentirsi già soddisfatti dalla prima portata.

2 Riduzione dell’introito di carboidrati e calorie negli alunni più mangioni, che arrivano affamati all’ora di pranzo e spesso richiedono il bis di pasta o pane.

3 Minore assorbimento dei grassi e degli zuccheri contenuti nell’intero pasto. Gli alimenti ricchi di fibre come le verdure, infatti, rallentano la digestione e mantengono costante la glicemia post-prandiale, evitando che i piccoli si abbuffino all’uscita da scuola.

4 Nutrimento (grazie alle fibre) dei batteri intestinali “buoni (probiotici) che contrastano lo sviluppo di quelli “cattivi”, responsabili di gonfiori addominali e infiammazioni. La scelta è dunque ottima. E andrebbe imitata anche da mamme e papà.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n.20 di Starbene in edicola dal 25/04/2017


Leggi anche

Proteine: tutta la verità

Proteine: le amiche della terza età

Abbassa l'indice glicemico con la dieta strategica

Juicing, la novità dell'estate

Per dimagrire, meglio non saltare i pasti