A A

Cellulite: così la curi anche a Natale

Basta fare le giuste scelte a tavola per evitare che le feste mettano a rischio la silhouette



0

La cellulite è un problema insidioso, difficile da risolvere e complesso da trattare. Quello che più conta comunque contro cuscinetti e pelle a buccia d’arancia è non abbassare mai la guardia.

Anche sotto le feste, prestare attenzione a quello che si mangia, oltre a fare un po’ di movimento e a scegliere i cosmetici giusti, rappresenta la soluzione migliore per evitare che la figura si appesantisca nei punti critici.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

Innanzitutto, evitare gli eccessi

«Non servono grandi imprese, ma piccoli gesti quotidiani per tenere sotto controllo la cellulite – spiega la professoressa Gabriella Fabbrocini,  docente di Dermatologia e Venereologia presso l’Università Federico II di Napoli – La strategia di maggior successo gioca sul lungo termine mettendo in campo le armi più diverse che vanno dal movimento lento ma costante ogni giorno alle attenzioni a tavola».

Non si tratta comunque di stare a dieta, impresa difficile soprattutto in questo periodo, ma di fare scelte ben ponderate. La prima regola? «Anche sulle tavole natalizie evitare gli eccessi di grassi, zuccheri e sale, che peggiorano la ritenzione, il gonfiore e fanno salire l’ago della bilancia».

Attenzione ai cibi salati

Tra tartine e salatini, salumi e cotechini si rischia un eccesso di sale che è particolarmente dannoso in caso di cellulite. «Il sodio causa ritenzione e favorisce il gonfiore» afferma la professoressa Fabbrocini.

Meglio quindi limitare al massimo l’aggiunta diretta di sale nei cibi, ad esempio nelle insalate o sulle verdure, e contenere il consumo di cibi che contengono molto sodio: se ad esempio si scelgono ìgli affettati per antipasto, niente formaggio né sul primo né a fine pasto e vicersa.

Buona regola anche quella di bere molta acqua, anche più del solito, sia durante il pasto che dopo per favorire l’eliminazione del sale.

Meglio il pesce della carne

«Il pesce è il secondo ideale per le tavole natalizie» suggerisce l’esperta. Delicato nel sapore, leggero e digeribile, si presta alle preparazioni più raffinate. «Per di più, con la sua ricchezza in iodio stimola il metabolismo e favorisce la trasformazione di grassi e zuccheri in energia, evitando che si accumulino sotto forma di antiestetici cuscinetti».

Ideale accompagnarlo sempre con verdure miste, cotte con leggerezza e condite con olio extravergine di oliva, un contorno che «con il suo contenuto di antiossidanti, contribuisce all’azione anti-infiammatoria, mantiene regolato l’intestino grazie alle fibre e permette così di evitare accumuli di scorie» conclude Fabbrocini.

Dolce, sì ma anche frutta

Difficile rinunciare al dolce? Una fetta di panettone è concessa, così come qualche quadretto di cioccolato fondente, ricco di sostanze antiossidanti protettive per il tessuto cutaneo. No invece a creme e dolci elaborati.

In alternativa, per soddisfare il palato, ci si può concere una macedonia di frutta con melagrana, mirtilli, lamponi, uva e magari qualche bacca di goji. «Gli antociani presenti soprattutto nei piccoli frutti rafforzano invece il microcircolo, contrastano la dilatazione dei capillari e vengono in aiuto in caso di gonfiori, pesantezza alle gambe e cellulite» precisa l’esperta.

Cosa bere a tavola?

«Durante il pasto ci si può concedere un bicchiere di buon vino ricco di polifenoli che hanno un’azione antiossidante e protettiva nei confronti del microcircolo» suggerisce l’esperta. Niente superalcolici invece a fine pasto che hanno solo calorie vuote, prive di nutrienti.

Ideale sarebbe, una volta alzate da tavola, fare una passeggiata e, a fine giornata, prendere una tisana di biancospino: con la sua ricchezza in flavonoidi, acido ursolico, ammine, steroli e tannini stimola la circolazione, impedisce ai liquidi di depositarsi e aiuta a sgonfiare oltre che essere un ottimo rilassante.

Leggi anche

Consigli per un pranzo di Natale light

La dieta tra Natale e Capodanno

Tre mini diete dopo-Natale

Strategie brucia-calorie

Suggerimenti per un Natale in movimento

Sport a Natale: quali attività fisiche?

È (quasi) stagione degli sport invernali

Pubblica un commento