SIAMO AMICI O NON LO SIAMO?

Gent.ma dott.ssa, sono amica di un ragazzo da 12 anni e la nostra relazione è molto strana. Quando ci siamo conosciuti io ero fidanzata e gli amici in comune mi hanno detto che questo amico provava attrazione per me. In seguito mi sono lasciata con questo ragazzo e ho avuto altre esperienze ma ho sempre avvertito una strana sensazione in presenza di questo amico. Con lui riesco a passare giornate intere a parlare di qualsiasi cosa, siamo molto simili e abbiamo trascorso estati intere vedendoci tutti i giorni. Siamo andati addirittura in vacanza assieme da soli più di una volta ma non è mai successo nulla. Insieme stiamo benissimo ma è come se ci fosse un blocco tra noi. Ogni tanto non lo sento più per un periodo di tempo, anche lungo, ma periodicamente lui torna comunque a farsi sentire, e sempre quando io lo penso! Sembra quasi che ci sia telepatia. Quando penso a lui, anche dopo mesi che non lo sento, lui dopo qualche ora mi scrive. Non l'ho mai visto con nessuna ragazza, so che si è frequentato con qualcuna ma non ho mai saputo di una sua storia seria e lui non tocca mai l'argomento fidanzate. Io quando sono con lui non riesco a dirgli se mi vedo con qualcuno o se sono fidanzata, mi vergogno ad ammetterlo ma glielo tengo nascosto. Ora è un periodo che penso a lui sempre e mi chiedo come sarebbe stare con lui anche se dovrei prendere una decisione seria per andare a convivere con un ragazzo con il quale sono fidanzata da 5 anni, al quale tengo e che non voglio fare soffrire. Penso che vorrei che il mio amico non lo sapesse e mi chiedo come faccio a vederlo se vado a convivere? Il problema è che avverto questo muro tra di noi quando siamo soli, per quanto siamo in sintonia a livello caratteriale e possiamo stare ore e ore soli a casa sua sento come un'impossibilità anche solo a sfiorarlo e avverto da parte sua la stessa cosa. Sto pensando che forse dovrei affrontare la questione e ammettere che almeno da parte mia c'è una cotta, forse dovrei provare ad uscire con lui come non amica e parlargli di questo? Lei cosa mi consiglia? Non vorrei perderlo come amico e non vorrei gettare al vento una relazione con il mio attuale partner con cui comunque sto bene. Non riesco a capire che razza di amicizia è la nostra. Chi ci vede da fuori dice che quando siamo insieme sembriamo talmente pacifici che sembra che esistiamo solo noi. A volte ho provato a stuzzicarlo ma vedo che lui anche se è incuriosito si irrigidisce. La ringrazio E.

La risposta

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Buonasera Carissima,Alla base di quanto ha spiegato le consiglio di affrontare la situazione con entrambi, sia con il suo amico sia con il suo partner. Innanzitutto di guardarsi dentro con sincerità e osservare se nutre un sentimento diverso dall’amicizia per questo ragazzo di cui mi parla. Sembra essersi invaghita di lui, forse come reazione all’andare a convivere? forse per dei gesti cortesi che lui ha nei suoi confronti? Poi le converrebbe parlare con estrema sincerità e trasparenza con il suo amico. Questo le permetterà di chiarire e definire meglio questa relazione tra voi che lei stessa definisce “molto strana”, inoltre ritengo utile anche parlarne con il suo partner, a maggior ragione se riporta di essere prossimi ad una convivenza. Tutto ciò le permetterà di vivere più serenamente e di avere ciò che davvero vuole, senza accontentarsi. Solo lei può avere la risposta perchè è celata nelle sue emozioni, le lasci libere di contattarla e di parlarle.un caro saluto

Domande correlate

Sto male

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Gentile utente, ha provato a parlare con il suo compagno spiegandogli come si sente, cosa prova e, soprattutto, come vorrebbe che screscesse e si evolvesse il vostro rapporto? Spesso le parole, i...

Vedi tutta la risposta

Dolore al centro del petto,dispnea

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Gentile utente, ho notato che i suoi percorsi si sono interrotti troppo presto. La psicoterapia non può risolvere nessuna difficoltà in solo due settimane. La invito a rivolgersi a uno...

Vedi tutta la risposta

Vita scontenta

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Egregia dottoressa io sono perito chimico ma sono affetto da disturbi psichiatrici
e sono stato declassato a aiutante bibliotecario a scuola, ho una madre vecchia
e delle sorelle...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio