Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Psicologia - Maria Beatrice Toro

Insegno Psicologia di comunità a Roma e sono presidente dell’Istituto di Mindfulness interpersonale. Sono istruttrice di Mindfulness (MBCT) e autrice di libri su argomenti di psicologia dello sviluppo



avatar

Dove mi sono formata
Mi sono laureata in Filosofia e poi in Psicologia, presso l'Università La Sapienza di Roma. Mi sono specializzata in Psicoterapia cognitivo comportamentale e dal 2000 esercito la libera professione presso il Centro di Psicologia e Mindfulness 2TC, che dirigo dal 2013.
Insegno Psicologia di comunità a Roma e sono presidente dell’Istituto di Mindfulness interpersonale. Dirigo la scuola di specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Interpersonale (aut. Miur 2008). Sono istruttrice di Mindfulness (MBCT).

Qualcosa su di me
Ho preso parte a numerose iniziative pubbliche presso sedi scientifiche e istituzionali (Università La Sapienza, LUMSA, Tribunali per i Minori nel Lazio e in Calabria) incentrate su tematiche relative all’infanzia, all’adolescenza, alle nuove tecnologie, alle relazioni familiari e al sostegno alla genitorialità.
Ho organizzato convegni annuali incentrati sulla mindfulness che rappresentano, ormai, un appuntamento romano consolidato e vedono la partecipazione di noti esponenti nazionali e internazionali del mondo mindfulness.
Il mio blog mindfulnessinterpersonale.com è considerato un riferimento per gli appassionati e gli specialisti delle terapie cognitive di terza generazione, contenendo articoli di taglio sia scientifico che divulgativo, nonché tracce audio e istruzioni pratiche per meditare.

Ho pubblicato
Sono autrice di oltre cento pubblicazioni tra cui libri di psicologia pubblicati con Salani, San Paolo, Franco Angeli, Whitestar e oltre ottanta articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali.
Il libro Crescere con la mindfulness, del 2016, è uno dei primi testi in italiano sulla mindfulness per l’infanzia.
Il libro 7 giorni di mindfulness è stato pubblicato da Franco Angeli nel mese di ottobre 2018.
Dal 2017 sono direttrice editoriale della rivista scientifica peer reviewed Modelli della Mente, Franco Angeli.

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio

( max 100 caratteri )
Dichiaro di aver preso visione, letto e compreso l’Informativa resa da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento EU 679/2016 nonché di aver letto ed accettare espressamente le condizioni di utilizzo del servizio.

Trattamento di Dati appartenenti a Categorie Particolari - Qualora la Sua richiesta contenga dati personali appartenenti a Categorie Particolari di dati personali a norma dell'articolo 9, comma 1 del Regolamento, in quanto idonei a rivelare "l’origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché trattare dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all'orientamento sessuale della persona", Lei

Informativa Privacy

Ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice della Privacy), la società Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. con sede legale in Via Bianca di Savoia 12, Milano (MI), in qualità di Titolare del trattamento, La informa che i Suoi dati personali saranno trattati, con modalità manuali, informatiche e/o telematiche, al fine di dar seguito alla Sua richiesta inoltrata al Titolare tramite il servizio “Esperti di Starbene”.
Il conferimento dei Suoi dati è obbligatorio per tale finalità in mancanza del quale non sarà possibile per il Titolare fornire un riscontro alla Sua richiesta.
Il Titolare potrà venire a conoscenza di dati sensibili ai sensi dell’articolo 4, comma 1, lettera d) del Codice della Privacy, ed in particolare dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.
I Suoi dati sensibili saranno quelli da Lei spontaneamente, liberamente ed eventualmente conferiti e saranno trattati per la finalità di cui sopra nel rispetto delle indicazioni fornite dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali ed ai sensi dell’Autorizzazione generale n. 2 “Autorizzazione al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale” emanata periodicamente dall’Autorità stessa.
I Suoi dati personali saranno trattati da soggetti nominati dal Titolare quali responsabili o incaricati del trattamento.
Il responsabile del trattamento è il responsabile dell’Ufficio Privacy di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. con sede legale in Milano, Via Bianca di Savoia 12, 20122 – Milano e sede amministrativa in Via Mondadori 1, 20090 - Segrate (MI).
I Suoi dati personali potranno essere comunicati a soggetti terzi nominati responsabili del trattamento dal Titolare per la finalità sopraelencata e non formeranno oggetto di diffusione. Lei in qualità di interessato ha diritto di accedere ai propri dati personali, chiederne la rettifica e l'aggiornamento, se incompleti o erronei, oltre alla cancellazione se raccolti in violazione di legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi e specifici ai sensi degli articoli 7 - 10 del Codice della Privacy.
Per esercitare i Suoi diritti, conoscere il nominativo dei responsabili interni ed esterni del trattamento, ottenere informazioni sulle società terze a cui possono essere comunicati i dati personali può rivolgersi scrivendo al Titolare Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Via Mondadori 1, 20090 - Segrate (MI) o, in alternativa, inviando una e-mail all’indirizzo privacy@mondadori.it.

Ultime risposte

Scelte per il futuro

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Cara Ragazza, grazie innanzitutto per avermi scritto.Comprendo il tuo dilemma che nasce anche in seno ad un importante problema sociale che colpisce le generazioni più giovani. La precarietà che caratterizza questo tempo non aiuta nel fare scelte sane e che ci possano nutrire. Altro è il discorso sulla delusione dei tuoi genitori. Mi sembra di capire, da quel poco che mi racconti, che fatichi molto a pensarti ingeniere e che la vita che ti si prospetta davanti non ti alletta e non ti rende felice. Credo che tu stia crescendo e maturando e in questo percorso di crescita è importante iniziare a seguire anche le proprie intuizioni e, visto che sei ancora giovane, per quanto possibile anche i tuoi sogni. E' vero che ingegneria può darti una maggiore affidabilità sul lavoro ma non è una garanzia assoluta. E' soprattutto mentre quando si studia si può decidere di prendersi una pausa, di distrarsi un pò, di allentare per qualche giorno, quando si lavoro questo non è più possibile. E fare un lavoro che non aggrada, che non rende felici, che non genera ambizioni è svuotante. Certo è che non possiamo e non dobbiamo nemmeno immaginare il lavoro da ingeniere come grigio, pallido e monotono. Io le consiglio di seguire di più la pancia e lasciare che le nutrite e spesso infondate preoccupazioni per il futuro arrivino un pò più avanti. E' difficile a soli 19 anni scegliere quale sarà il proprio futuro. Io, per esempio, mi sono laureata prima in filosofia e solo dopo in psicologia perchè ho capito che quella era la mia strada...e non mi sbagliavo. Ma a 18 anni ancora non mi era chiaro. La vita per fortuna ci offre tante possibilità, le colga, soprattutto ora che è giovane. E stia tranquilla che i genitori preferiscono avere figli felici e soddisfatti delle proprie scelte. Provi a parlarci a cuore aperto e dica loro anche della sua paura di deluderli e del grande sforzo che ha dovuto fare al liceo per avere voti alti e sentirsi alla loro altezza o perfetta come loro vorrebbero. La perfezione non la fanno i voti ma la fa la qualità della vita. Più sarà aperta alla sua vita e più farà le scelte giuste. E si ricordi, si può sempre cambiare!Spero di esserle stata utileUn caro saluto

Stress e bocca dello stomaco

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Buonasera, la ringrazio per avermi scritto.Spesso i disturbi gastro intestinali sono correlati a degli stati ansiosi e stressanti. Talvolta, il mal di stomaco è un campanello d'allarme con cui il corpo attira l’attenzione su uno stato d’ansia che si sta protraendo da tempo. Lo stomaco, nel corpo, funziona come una sorta di secondo cervello ed esiste una stretta relazione tra l’equilibrio della flora batterica intestinale e gli stati dell’umore. Detto questo le consiglio di rivolgersi ad uno specialista, per esempio uno psicoterapeuta, che potrà valutare in vivo la situazione e i sintomi ed escludere, eventualmente, altre cause organiche.Spero di esserle stata di aiutoUn saluto

Ipertensione da ansia

avatar Psicologia - Maria Beatrice Toro Prof.ssa Maria Beatrice Toro

Buonasera, spesso in condizioni di ansia e stress la pressione arteriosa aumenta ma vanno comunque escluse cause organiche e fisiologiche. Se ha già fatto tutti gli accertamenti è possibile che la causa sia proprio uno stato ansioso e stressante. Le consiglio di rivolgersi a uno psicoterapeuta per riuscire a fronteggiare al meglio il problema. La mindfulness anche è un ottimo antidoto contro l'ansia.Cari saluti