hero image

Tiroide, la dieta che la rimette in riga

Il menu va costruito su misura. In base al problema da risolvere. E alle tue caratteristiche fisiche e psicologiche. Come spiega un libro appena uscito




Sono circa 6 milioni gli italiani, soprattutto donne, che hanno problemi di tiroide. Ma i numeri potrebbero essere molto più alti.

Molte persone non sanno che stanchezza, sovrappeso, battito accelerato e altro ancora potrebbero dipendere dal cattivo funzionamento di questa ghiandola endocrina situata nel collo. Chi ha uno o più di questi disturbi è meglio che ne parli al proprio medico: sarà lui a consigliare gli esami giusti (spesso basta un semplice prelievo del sangue) per capire se a scatenare i sintomi è, per esempio, un ipo o un ipertiroidismo.

«Quanto alle cure, l’alimentazione può fare miracoli», assicura la dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista a Roma, che sa benissimo, per esperienza personale, cosa significhi convivere con una tiroide “mal funzionante” e come sia difficile rimetterla in riga puntando esclusivamente sui farmaci. Insieme ad Alessandro Gelli, ricercatore scientifico che da anni usa i cibi come terapia, ha scritto La dieta della tiroide (LSWR Edizioni, 19,90 €). I due esperti suggeriscono un piano articolato, fatto di menu mirati (oltre che di uso di integratori e tecniche di gestione dello stress) per curare una ghiandola che funziona poco, troppo o che è infiammata.

Con l’aiuto della dottoressa Missori facciamo il punto sulla nutrizione, che va personalizzata pensando sia al disturbo da tenere sotto controllo, sia alle caratteristiche fisiche e psicologiche di ciascuno di noi.

«L’obiettivo è favorire il riequilibrio dei meccanismi biochimici e fisiologici alterati, in modo da permettere al corpo di “ripararsi” da solo, per quanto possibile», afferma Serena Missori. In che modo? «Portando in tavola gli alimenti che contengono i micronutrienti indispensabili per la sintesi (o la trasformazione) ottimale degli ormoni tiroidei, come la tirosina (un aminoacido), lo iodio, il selenio, lo zinco, la vitamina A, il ferro. Senza dimenticare quelli ricchi di vitamine D e del gruppo B, che servono per regolare il metabolismo, e di grassi sani, che spengono l’infiammazione dell’organismo, una delle cause principali del cattivo funzionamento tiroideo», dice l’esperta.


I CIBI SÌ

Tra gli alimenti da prediligere ci sono i cereali senza glutine (riso, miglio, sorgo, teff...), gli pseudo-cereali (grano saraceno, quinoa, amaranto), i tuberi e le radici tuberose (batate, ravanelli, sedano rapa, barbabietola rossa), uova e carne biologiche (agnello, maiale, pollo, manzo, tacchino), affettati senza l’aggiunta di nitrati, nitriti, lattosio e proteine del latte.

Si può mangiare il pesce fresco o surgelato escludendo sempre lo spada (che potrebbe essere contaminato dal mercurio) e la tilapia e il pangasio (perché sopravvivono anche nelle acque molto inquinate e sono poveri di grassi buoni Omega 3) e limitandosi, in caso di ipertiroidismo, a non più di 2 porzioni alla settimana di pesce di mare, molluschi e alghe.

Tutte le spezie e le erbe aromatiche (origano, timo, semi di finocchio, salvia, rosmarino) possono essere usate sempre.

Verdure, ortaggi e frutta vanno scelti tra quelli di stagione e a chilometro zero. Ok ad asparagi, finocchi, lattuga, spinaci e a tutti i tipi di cavolo, purché cotti. Sì poi ad albicocche, banane, fragole, kiwi, pompelmo, mirtilli, nespole, pere, pesche, sempre preferibilmente biologici: «Non contengono residui di pesticidi e fitofarmaci, che sono dannosi per la salute in generale e per la tiroide in particolare. Alcuni (definiti per questo interferenti endocrini) possono infatti alterarne il funzionamento», spiega la dottoressa Serena Missori. «Nel caso in cui non si acquistino prodotti bio, per rimuovere le sostanze chimiche e le cere eventualmente presenti consiglio di utilizzare sapone di Marsiglia e bicarbonato di sodio».


I CIBI NO

«Durante la “terapia”, che deve durare almeno 4 settimane, vanno evitati tutti gli alimenti che favoriscono l’infiammazione», afferma l’endocrinologa e nutrizionista. «Per primi quelli che contengono il glutine: frumento, segale, orzo, kamut, farro, spelta, triticale, monococco e tutti i prodotti “derivati”, come pasta, pane, pizza, cracker, biscotti (la presenza di questa proteina è sempre segnalata in grassetto nella lista degli ingredienti). Va poi escluso il latte di origine animale. Occhio quindi a burro, yogurt, formaggi, gelati, dolci (anche in questo caso è fondamentale controllare con attenzione le informazioni riportate sull’etichetta dei prodotti confezionati)».

Il motivo di queste esclusioni? «Secondo diversi studi la caseina, così come il glutine, è responsabile del “mimetismo molecolare”: un meccanismo che spinge gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario ad attaccare non i nemici esterni ma i propri organi, compresa la tiroide», chiarisce l’esperta.

Tra gli alimenti da limitare ci sono i vegetali (pomodoro, melanzane, peperoni, peperoncino fresco) appartenenti alla famiglia delle solanacee. «Sono ricche di saponine, sostanze che possono contribuire a sviluppare la permeabilità intestinale (malattia autoimmune) e ad alterare l’equilibrio della flora batterica intestinale che, stando a ricerche recenti, è responsabile dei problemi della tiroide», afferma l’esperta.

Vanno infine ridotti i legumi e gli altri “ingredienti” che possono irritare l’intestino. «Tutti i cibi citati possono essere reintrodotti gradualmente, uno alla volta, al termine della quarta settimana di dieta», rassicura la dottoressa Missori.


IN QUALE BIOTIPO TI RICONOSCI DI PIÙ?

«Capirlo è fondamentale per sapere quale menu seguire. E quando (e in quali quantità) portare in tavola i vari nutrienti che, consumati nel momento giusto della giornata, veicolano un’informazione corretta al corpo e lo aiutano ad autoripararsi», spiega la dottoressa Missori.

Leggi dunque le descrizioni seguenti e poi adotta il menu su misura per te.

↘Cerebrale: ha viso triangolare, tempie ampie, pelle tendenzialmente secca e disidratata, muscolatura sempre contratta, ossatura sottile, temperamento iperattivo, ipersensibilità psichica, acutezza e nervosismo, sindrome del primo della classe. Soffre spesso di cefalea tensiva, colite nervosa, gastrite.

↘Bilioso: ha viso ovale, zigomi pronunciati, collo magro, muscolatura e ossatura medie, pelle tonica, idratata ed elastica, acutezza mentale senza essere iperattivo in modo inconcludente, forza fisica e resistenza. Può soffrire di insonnia e tendere all’aumento di peso.

↘Sanguigno: ha il viso quadrato o a parallelepipedo, torace importante, muscolatura e ossatura robuste. Può essere molto buono, mite e accondiscendente, ma essere incline alla depressione e alle abbuffate consolatorie, o essere collerico, autoritario, aggressivo. In entrambi i casi accumula il grasso sull’addome.

↘Linfatico: ha viso a trapezio, mandibola pronunciata, collo largo, adipe molliccio a causa della ritenzione idrica. È flemmatico, pigro, piagnucoloso e vittimista.

E adesso continua a leggere e scopri, nel dettaglio, come organizzare il menu giusto per te.

114241

MENU PER IL TIPO CEREBRALE

I carboidrati (cereali senza glutine, pseudo-cereali, granaglie, frutta, tuberi e radici tuberose) devono essere sempre presenti nei pasti principali (colazione, pranzo e cena) mentre a metà mattina e a metà pomeriggio il loro consumo è facoltativo. La “dose” va aumentata (mangiandoli sempre come snack) se la tua tiroide funziona troppo.

114234

MENU PER IL TIPO LINFATICO

In caso di ipotiroidismo e tiroidite i carboidrati vanno consumati solo a colazione (e non obbligatoriamente). Per la cura dell’ipertiroidismo, invece, vanno portati in tavola sempre a colazione e a giorni alterni a cena. Alla sera, inoltre, la porzione va dimezzata rispetto a quella che mangi abitualmente.

114239

MENU PER IL TIPO BILIOSO

I carboidrati sono consentiti a giorni alterni a colazione e a pranzo, e sempre a cena (per favorire il sonno) se il tuo problema è l’ipotiroidismo o la tiroidite. In caso di ipertiroidismo, invece, possono essere mangiati tutti i giorni anche a colazione e a pranzo. Come spuntino sono facoltativi, qualunque disturbo tu abbia.

114236

MENU PER IL TIPO SANGUIGNO

Sì ai carboidrati a colazione (sempre) e a cena (a giorni alterni dimezzando la porzione abituale) se sei ipotiroidea o hai la tiroidite. In caso di ipertiroidismo, invece, puoi consumarli tutti i giorni sia a colazione sia a cena (rispettando la mezza porzione). Agli spuntini non sono mai obbligatori.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 19 di Starbene in edicola dal 24/04/2018

Leggi anche

Sei ipotiroidea? Prova la nuova tiroide secca

Tiroide e levotiroxina, le cose da sapere

Tiroide, cosa può succedere a seconda dell'età

Tiroide e menopausa: cause, sintomi e cure

Tiroide: i sintomi e le cure