A A
hero image

Malva: ecco tutti i suoi poteri benefici

Quest’erba spontanea ha importanti proprietà benefiche e curative. Assicurarsele è facile: basta preparare un infuso, come suggerisce la nostra fitoterapeuta

iStock



0

di Nicola Pistoia


Malva significa dolcezza e serenità. Ma questa pianta erbacea, originaria del Nord Africa, ha proprietà straordinarie ed è in grado di contrastare diversi malesseri e disturbi. La fitoterapeuta Roberta Severa, esperta di medicina olistica e alternativa, ci ha rivelato i superpoteri di questa pianta.


  1. ANTINFIAMMATORIA è consigliata a chi soffre di dolori osteoarticolari, ma anche contro i mali di stagione, le infiammazioni urinarie e respiratorie.
  1. GASTROPROTETTIVA: le sostanze contenute nella malva si rilevano utili per placare gastrite e bruciori di stomaco.
  1. CICATRIZZANTE grazie alle mucillagini, la malva, ha un effetto cicatrizzante e può aiutare ad accelerare la guarigione delle ferite.
  1. LENITIVA ottima per curare gli arrossamenti della pelle, le infiammazioni, le punture d’insetto e le irritazioni.
  1. SEDATIVA l’infuso di malva è consigliato soprattutto per la tosse, specie quella grassa, per i problemi di gola irritata (laringiti e faringiti), per le infiammazioni del cavo orale e contro il raffreddore, ma anche per calmare ansia e agitazione.
  1. LASSATIVA è nota fin dall’antichità per le sue proprietà lassative che la rendono ideale contro la stitichezza, ma anche le coliti e l’intestino irritato.
  1. DISINFETTANTE ha un’azione disinfettante sulle mucose ed è utile contro le vaginiti.
  1. DEPURATIVA stimola la regolarità intestinale e aiuta il colon a svolgere il suo compito di depurare l’organismo.


PREPARA UN INFUSO

La malva non presenta particolari rischi o controindicazioni salvo, ovviamente, il caso in cui sia presente un’allergia a questa pianta. Per avere questi effetti benefici, basta preparare un’infusione berne una tazza due tre volte al giorno, fino a che i sintomi saranno scomparsi.

Ecco come procedere: acquista la malva (in fiori oppure in foglie) in erboristeria. Lasciali in infusione nell’acqua calda (calcola un cucchiaio per tazza) per qualche ora. Quindi, porta a ebollizione l’acqua e spegni il fuoco. Poi, con un colino, filtra e bevi. Per addolcire preferisci il miele allo zucchero.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Leggi anche

Stitichezza e pancia gonfia? Le piante medicinali più indicate

Fitoterapia contro gli squilibri ormonali

Betulla, la pianta delle donne

Una pianta strepitosa: la perilla

Borragine, la pianta del buonumore

Pubblica un commento