Yogurt vegetale, amico della dieta. Come sceglierlo

Ha pochi grassi, fornisce proteine vegetali, vitamine e minerali. È un alleato di chi sta a dieta e di chi soffre di allergie e intolleranze. Ma quando acquisti yogurt di riso, d’avena o di mandorle controlla che non siano stati aggiunti zuccheri e grassi




di Angela Altomare


A colazione dà la carica, a fine pasto può sostituire il dessert, a merenda scaccia il languorino. Lo yogurt è un alimento versatile, che può essere mangiato in ogni momento della giornata. Ultimamente sono molto in voga prodotti vegetali, preparati cioè con cereali, frutta secca in guscio, legumi. Che caratteristiche hanno? E come sceglierli? 

Lo yogurt vegetale ha meno grassi rispetto a quello ottenuto dal latte di mucca o di capra, contiene proteine vegetali e fibre. Anche dal punto di vista energetico è più leggero: in genere, 100 g di yogurt vegetale forniscono circa 33 calorie contro le 61 di quello animale. «Va detto, poi, che questo alimento è povero di due nutrienti importanti per la salute delle ossa, la vitamina D e il calcio», dice la nutrizionista Federica Piccolino.

Lo yogurt vegetale è un'alternativa a quello ottenuto dal latte vaccino non solo per chi vuole tenere sotto controllo il peso, desidera variare la dieta o è vegetariano, ma anche per le persone intolleranti al lattosio o allergiche alle proteine del latte».


SAPER SCEGLIERE

Al momento dell’acquisto controlla sulla lista degli ingredienti che non siano stati aggiunti zuccheri (saccarosio, sciroppo di glucosio, destrosio servono per rendere il prodotto più gradevole). L'ideale è sempre scegliere vasetti al naturale ed eventualmente aggiungere pezzetti di frutta fresca, cacao, scaglie di cocco, granella di mandorle.

«Evita anche yogurt in cui sono stati usati aromi, coloranti, addensanti e conservanti. Occhio anche al contenuto di grassi. «Spesso per renderne più omogenea la composizione gli yogurt veg vengono arricchiti di grassi saturi di origine vegetale, come l’acido palmitico, che si ricava dall’olio di palma. Queste sostanze favoriscono l’accumulo di grasso nelle arterie e contribuiscono ad aumentare il colesterolo cattivo (LDL) nel sangue», spiega l'esperta.

«È importante anche controllare percentuale di cereali, frutta secca o legumi contenuta, che dev'essere superiore almeno al 5%», conclude l'esperta.


In commercio ci sono quello di riso, di soia, di mandorle e tanti altri... quale preferire? Continua a sfogliare il nostro articolo per scoprirlo.

YOGURT DI MANDORLE, ALLEATO DELLE OSSA

Spesso in commercio troviamo prodotti a base di latte di soia e latte di mandorla all'1-2% (ma lo yogurt di mandorle può essere preparato con latte di mandorla non zuccherato). I grassi di cui è ricco sono prevalentemente monoinsaturi e polinsaturi quindi non dannosi per la salute.

Contine più calcio, utile per il sistema nervoso e le ossa, rispetto agli altri "latti" vegetali (ne ha circa 120 mg per 100 g). È anche una buona fonte di altri preziosi minerali, come zinco, magnesio e potassio» suggerisce la nutrizionista.

Essendo energetico e nutriente è adatto per la colazione.

YOGURT DI COCCO, RICCO DI GRASSI BUONI

Lo yogurt di cocco in commercio spesso è preparato con una base di latte di soia (al 7-8%), a cui viene aggiunto latte di cocco (al 4-5%). Si trova anche addizionato di vitamina D e vitamina B12, sostanze fondamentali per le ossa.

100 g di yogurt di cocco apportano circa 55 calorie (è uno dei vegetali più calorici, assieme a quello di soia). «Contiene grassi saturi. La metà di questi, però, è rappresentata da acido laurico, un grasso saturo che aiuta a ridurre le LDL, il cosiddetto colesterolo “cattivo”», afferma la dottoressa Piccolino. Ideale a colazione.


YOGURT DI SOIA, SUPER PROTEICO

Lo yogurt a base di latte di soia contiene proteine vegetali ed è a basso carico glicemico. È adatto, quindi, a chi ha problemi di iperglicemia o obesità.

«È ricco di fitosteroli, sostanze che aiutano a ridurre il colesterolo cattivo nel sangue», spiega l’esperta

100 grammi di yogurt di soia bianco, senza zucchero, apportano circa 50 calorie e ha pochi carboidrati. Ideale per chi fa sport.



YOGURT DI RISO, AMICO DELL’INTESTINO

Non contiene lattosio e colesterolo. Lo yogurt di riso è un naturale regolatore della motilità intestinale. Grazie al suo basso impatto sulla digestione e l'assenza di glutine può essere consumato anche da celiaci o da chi è intollerantealla proteina del grano.

Come lo yogurt di avena ha poche proteine. «È adatto a chi fa attività sportiva e a chi ha bisogno di fare il pieno di energia perché è ricco di carboidrati», conclude l’esperta.

YOGURT DI AVENA, FONTE DI FIBRE E VITAMINE

Lo yogurt di avena è utile per chi deve tenere sotto controllo la quota proteica, per esempio, in caso di problemi ai reni o colesterolo alto.

«È una buona fonte di vitamine, in particolare è ricco di vitamina E, alleata della salute della pelle. E sazia, quindi è perfetto a merenda», afferma la nutrizionista.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

Leggi anche

Formaggi vegetali: tutte le proprietà

Latte vegetale: quale scegliere?

Yogurt: salute e benessere in un vasetto

Yogurt, un amico della linea

I 6 migliori yogurt bio alla frutta

Ipertensione? Combattila con lo yogurt