A A

Arance: buone, sane e in linea

Oltre ad essere un concentrato di preziosa vitamina C, le arance hanno anche ottime proprietà diuretiche e disintossicanti



0

Sono uno dei regali più preziosi del freddo. Fatte dall’80 al 90% di acqua, le arance, oltre ad apportare vitamina C che aiuta ad alzare le difese e a proteggere dalle malattie invernali, contengono una buona percentuale di sali minerali, acidi organici e fibre che ne fanno un valido alleato per chi vuole mantenersi in forma e non far salire l’ago della bilancia.

Le varietà da scegliere? Quelle rosse come le arance Tarocco e Sanguinelle sono ideali da spremere, quelle bionde da mangiare.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Una decisa azione protettiva

Vitamina C e un’alta percentuale di antiossidanti fanno delle arance un frutto prezioso per alzare le difese immunitarie e tenere lontane molte malattie, in particolare quelle tipiche della stagione invernale.

L’azione protettiva contro i radicali liberi contrasta con efficacia l’invecchiamento di tutti i tessuti, pelle compresa. Senza dimenticare che la vitamina C favorisce la produzione del collagene che dà elasticità e protegge il microcircolo tenendo sotto controllo i rossori.

Tante virtù, poche calorie

Con solo quaranta calorie per etto le arance non pesano certo sulla linea: al contrario saziano senza far ingrassare, e consumate a fine pasto possono egregiamente sostituire altri cibi più calorici, in particolare i dolci.

Naturalmente meglio consumare il frutto intero perché le pellicole che avvolgono gli spicchi sono molto ricchi di fibre capaci di regolare l’assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine e favorire il transito intestinale mantenendo pulito l’organismo da scorie e tossine.

Anche in insalata

Spremute e intere, nella macedonia ma anche in insalata, le arance, sbucciate e affettate a rondelle, sono un frutto che si combina bene con le verdure in particolare quelle invernali come i finocchi, i carciofi, l’indivia belga: condite con olio extravergine di oliva e insaporite con qualche gheriglio di noce, un cucchiaio di uvetta e di pinoli danno vita ad un piatto dalle ottime virtù nutrizionali che favorisce il drenaggio, sazia e non appesantisce.

Un aiuto per il cuore

Pressione alta e cuore a rischio? Il succo di arancia può venire in aiuto, come affermato da una ricerca del French National Institute for Agricultural Research condotto su un campione di uomini in sovrappeso tra i 50 e i 65 anni.

Tutto merito dell’esperidina, un flavonoide che sarebbe in grado di regolare i valori pressori, migliorare l’elasticità dei vasi sanguigni e ridurre il rischio cardiovascolare. Naturalmente, per avere benefici effetti, il consumo delle arance deve essere regolare: una, due al giorno nel periodo invernale sono il quantitativo ideale.

Versatili in cucina

Carni bianche e pesci delicati come l’orata e il branzino si possono cuocere con il succo di arancia che li ammorbidisce e li profuma con dolcezza. Un primo originale? Una pasta condita con l’arancia, l’acciuga e i pinoli oppure un risotto profumato, insaporito con la scamorza.

L’arancia è grande protagonista anche di molti dolci nei quali, oltre agli spicchi e al succo, si può usare anche la buccia, meglio se di un’arancia biologica. Attenzione però al momento di grattugiarla di non arrivare alla parte bianca che è amara.

Leggi anche

L'arancia ti fa bella

Faraona al succo d'arancia e mirtilli

Vitamina C, quando ricorrere agli integratori

Tavola d'inverno

La tavola anti-freddo

Carciofi, preziosi alleati di benessere

Freddo: la protezione comincia a tavola

Pubblica un commento