ZIPRASIDONE SAN 56CPS 60MG - Effetti indesiderati

ZIPRASIDONE SAN 56CPS 60MG Controindicazioni Posologia Avvertenze e precauzioni Interazioni Effetti indesiderati Gravidanza e allattamento Conservazione

Lo ziprasidone orale è stato somministrato negli studi clinici (vedere paragrafo 5.1) a circa 6.500 soggetti adulti. Le reazioni avverse più comuni negli studi clinici sulla schizofrenia sono state sedazione e acatisia. Negli studi clinici sulla mania bipolare le reazioni avverse più comuni sono state sedazione, acatisia, disturbi extrapiramidali e capogiri. Nella tabella sottostante sono riportati gli eventi avversi che si sono verificati negli studi a breve termine sulla schizofrenia (4–6 settimane) condotti con dose fissa e negli studi a breve termine sulla mania bipolare (3 settimane) condotti con dose flessibile e per i quali è stata stabilita una correlazione probabile o possibile con ziprasidone e che si sono verificati con un’incidenza superiore al placebo. Ulteriori effetti indesiderati riportati nella fase di commercializzazione del prodotto sono riportati in corsivo nella lista seguente come frequenza "non nota". Tutte le reazioni avverse sono classificate per classe e frequenza, come definito di seguito: molto comune (≥ 1/10) comune (≥1/100 < 1/10) non comune (≥1/1.000 < 1/100) raro (≥ 1/10.000 < 1/1.000) molto raro (< 1/10.000) non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili) Le reazioni avverse elencate di seguito possono anche essere associate alla malattia di base e/o all’impiego di farmaci concomitanti. Elenco in forma tabulare delle reazioni avverse:

Classificazione per sistemi e organi Frequenza Reazioni avverse
Infezioni e infestazioni  
Raro Rinite
Patologie del sistema emolinfopoietico  
Raro Linfopenia, aumento della conta degli eosinofili
Disturbi del sistema immunitario  
Non nota Reazioni anafilattiche
Disturbi del metabolismo e della nutrizione  
Non comune Aumento dell’appetito
Raro Ipocalcemia
Disturbi psichiatrici  
Comune Irrequietezza
Non comune Agitazione, ansia, senso di soffocamento, incubi
Raro Attacchi di panico, sintomi depressivi, bradifrenia, appiattimento dell’affettività, anorgasmia
Non nota Insonnia; mania/ipomania
Patologie del sistema nervoso  
Comune Distonia, acatisia, disturbi extrapiramidali, parkinsonismo (inclusi rigidità a ruota dentata, bradicinesia, ipocinesia), tremori, capogiri, sedazione, sonnolenza, cefalea
Non comune Convulsioni tonico–cloniche generalizzate, discinesia tardiva, discinesia, scialorrea, atassia, disartria, crisi oculogire, disturbi dell’attenzione, ipersonnia, ipoestesia, parestesia, letargia
Raro Torcicollo, paresi, acinesia, ipertonia, sindrome delle gambe senza riposo
Non nota Sindrome neurolettica maligna; sindrome da serotonina (vedere paragrafo 4.5); caduta muscolare del viso
Patologie dell’occhio  
Comune Non comune Offuscamento della vista Fotofobia
Raro Ambliopia, disturbi della vista, prurito agli occhi, secchezza oculare
Patologie dell’orecchio e del labirinto  
Non comune Vertigini, tinnito
Raro Dolore alle orecchie
Patologie cardiache  
Non comune Palpitazioni, tachicardia
Raro Prolungamento dell’intervallo QT corretto rilevato all’elettrocardiogramma
Non nota Torsione di punta (vedere paragrafo 4.4)
Patologie vascolari  
Non comune Crisi ipertensive, ipertensione, ipotensione ortostatica, ipotensione
Raro Ipertensione sistolica, ipertensione diastolica, pressione arteriosa instabile
Non nota Sincope, tromboembolismo venoso (inclusa embolia polmonare e trombosi venosa profonda)
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche  
Non comune Dispnea, mal di gola
Raro Singhiozzo
Patologie gastrointestinali  
Comune Nausea, vomito, stipsi, dispepsia, secchezza delle fauci, ipersecrezione salivare
Non comune Diarrea, disfagia, gastrite, disturbi gastrointestinali, edema della lingua, lingua spessa, flatulenza
Raro Reflusso gastroesofageo, feci molli
Patologie epatobiliari  
Non comune Aumento degli enzimi epatici
Raro Alterazione dei test di funzionalità epatica
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo  
Non comune Orticaria, eruzione cutanea, eruzione maculo–papulare, acne
Raro Psoriasi, dermatite allergica, alopecia, edema del viso, eritema, eruzione papulare, irritazione cutanea
Non nota Ipersensibilità, angioedema, reazione al farmaco con eosinofilia e sintomi sistemici (DRESS)
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo  
Comune Rigidità muscoloscheletrica
Non comune Disturbi muscoloscheletrici, crampi muscolari, dolore delle estremità, rigidità delle articolazioni
Raro Trisma
Patologie renali e urinarie  
Raro Incontinenza urinaria, disuria
Non nota Enuresi
Gravidanza, puerperio e condizioni prenatali  
Non nota Sindrome da astinenza neonatale (vedere paragrafo 4.6)
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella  
Raro Disfunzione erettile, aumento dell’erezione, galattorrea, ginecomastia
Non nota Priapismo
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione  
Comune Astenia, stanchezza
Non comune Disturbi al torace, andatura alterata, dolore, sete
Raro Piressia, sensazione di caldo
Esami diagnostici  
Raro Aumento della lattato deidrogenasi nel sangue
Negli studi clinici a breve termine e a lungo termine con ziprasidone sulla schizofrenia e la mania bipolare, l’incidenza dei casi di convulsioni tonico–cloniche e di ipotensione è stata non comune, e questi eventi si sono verificati in meno del 1% dei pazienti trattati con ziprasidone. Ziprasidone causa un prolungamento da lieve a moderato e dose–correlato dell’intervallo QT (vedere paragrafo 5.1). Negli studi clinici sulla schizofrenia è stato osservato un incremento di 30–60 msec nel 12,3% (976/7941) dei tracciati ECG dei pazienti trattati con ziprasidone e nel 7,5% (73/975) dei tracciati ECG dei pazienti in trattamento con placebo. Un prolungamento >60 msec è stato osservato nell’1,6% (128/7941) e nell’1,2% (12/975) dei tracciati dei pazienti trattati rispettivamente con ziprasidone e placebo. L’incidenza del prolungamento dell’intervallo QTc al di sopra di 500 msec è stato rilevato in 3 pazienti su un totale di 3266 pazienti (0,1%) trattati con ziprasidone ed in 1 paziente su un totale di 538 pazienti (0,2%) in trattamento con placebo. Dati sovrapponibili sono stati osservati negli studi clinici sulla mania bipolare. Nel corso degli studi clinici sulla schizofrenia sulla terapia di mantenimento a lungo termine, i livelli di prolattina nei pazienti in trattamento con ziprasidone sono talvolta aumentati, ma nella maggior parte dei casi si sono normalizzati senza interrompere il trattamento. Inoltre, le possibili manifestazioni cliniche (per es. ginecomastia e ingrossamento del seno) si sono verificate solo raramente. Effetti Popolazione pediatrica e adolescenziale affetta da mania bipolare e adolescenti con schizofrenia In uno studio sul disturbo bipolare controllato con placebo (età 10–17 anni), le reazioni avverse più frequenti (segnalate con una frequenza> 10%) sono state sedazione, sonnolenza, mal di testa, stanchezza, nausea e vertigini. In uno studio sulla schizofrenia controllato con placebo (età 13–17 anni), le reazioni avverse più frequenti (segnalate con una frequenza> 10%) sono state sonnolenza e disturbi extrapiramidali. La frequenza, il tipo e la gravità delle reazioni avverse in questi soggetti erano generalmente simili a quelli negli adulti con disturbo bipolare o schizofrenia che erano stati trattati con ziprasidone. Negli studi clinici sul disturbo bipolare e schizofrenia condotti in pazienti pediatrici, ziprasidone è stato associato ad un prolungamento dell’intervallo QT da lieve a moderato, correlato alla dose, simile a quello osservato nella popolazione adulta. Convulsioni tonico–cloniche e ipotensione non sono state riportate negli studi clinici sui pazienti pediatrici con disturbo bipolare trattati con placebo. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni–reazioni–avverse.

Farmaci

PFIZER ITALIA Srl

ZELDOX 56CPS 20MG

PRINCIPIO ATTIVO: ZIPRASIDONE CLORIDRATO

PREZZO INDICATIVO: 113,13 €

PFIZER ITALIA Srl

ZELDOX 56CPS 40MG

PRINCIPIO ATTIVO: ZIPRASIDONE CLORIDRATO

PREZZO INDICATIVO: 113,13 €

PFIZER ITALIA Srl

ZELDOX 56CPS 60MG

PRINCIPIO ATTIVO: ZIPRASIDONE CLORIDRATO

PREZZO INDICATIVO: 133,09 €