TRIAZOLAM ZENTIVA 20CPR0,125MG

ZENTIVA ITALIA Srl

Principio attivo: TRIAZOLAM

€ 7,00
prezzo indicativo
ATC: N05CD05 Descrizione tipo ricetta:
RR - RIPETIBILE 3V IN 30GIORNI
Presenza Glutine: No glutine
Classe 1: C Forma farmaceutica:
COMPRESSE
Presenza Lattosio: Si lattosio
TRIAZOLAM ZENTIVA 20CPR0,125MG Controindicazioni Posologia Avvertenze e precauzioni Interazioni Effetti indesiderati Gravidanza e allattamento Conservazione

Trattamento a breve termine dell’insonnia. Le benzodiazepine sono indicate soltanto quando l’insonnia è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio.

Scheda tecnica (RCP) Eccipienti:

Interazioni farmacocinetiche possono verificarsi quando triazolam viene somministrato insieme a farmaci che interferiscono con il suo metabolismo. Sostanze che inibiscono alcuni enzimi epatici (in particolare il citocromo P4503A4) possono aumentare la concentrazione di triazolam e potenziare la sua attività. Dati provenienti da studi clinici e da studi in vitro con triazolam, e da studi clinici con farmaci metabolizzati in modo simile a triazolam hanno fornito evidenze su vari gradi di interazione e di possibile interazione tra triazolam e un certo numero di farmaci. Sulla base del grado di interazione e del tipo di dato disponibile, sono state elaborate le seguenti raccomandazioni: • È controindicata la co-somministrazione di triazolam con ketoconazolo, itraconazolo, e nefazodone (vedere paragrafo 4.3). • Non è raccomandata la co-somministrazione di triazolam con altri antifungini azolici. • Si raccomanda cautela e una valutazione in merito alla riduzione della dose quando triazolam è somministrato con cimetidina o antibiotici macrolidi come l'eritromicina, la claritromicina e la troleandomicina. • Si raccomanda cautela quando triazolam è co-somministrato con isoniazide, fluvoxamina, sertralina, paroxetina, diltiazem e verapamil. • I contraccettivi orali e l’imatinib possono indurre un’accentuazione degli effetti clinici di triazolam, in seguito all’inibizione dell’isoenzima CYP3A4. Pertanto si raccomanda cautela in caso di uso concomitante con triazolam. • Rifampicina e carbamazepina sono induttori del CYP3A4; pertanto, l'efficacia di triazolam può diminuire in modo significativo durante la terapia con rifampicina o carbamazepina. I pazienti devono passare ad una terapia con ipnotici alternativi, che siano eliminati principalmente come glucuronidi. • Le interazioni che coinvolgono gli inibitori della proteasi HIV (ad esempio ritonavir) e il triazolam sono complesse e dipendenti dal tempo. Basse dosi di ritonavir determinano una marcata compromissione della clearance di triazolam, prolungano la sua emivita di eliminazione e accentuano i suoi effetti clinici. Tuttavia, dopo una prolungata esposizione a ritonavir, l’induzione di CYP3A compensa tale inibizione. Questa interazione richiede o una riduzione della dose o l'interruzione della terapia con triazolam. • Efavirenz inibisce il metabolismo ossidativo del triazolam e può indurre effetti pericolosi per la vita quali la sedazione prolungata e la depressione respiratoria. Come precauzione il trattamento concomitante è pertanto controindicato (vedere paragrafo 4.3). • Aprepitant: l’accentuazione degli effetti clinici può verificarsi in caso di concomitante somministrazione con triazolam a causa della inibizione del CYP3A4. Questa interazione può richiedere una riduzione del dosaggio di triazolam. •Le benzodiazepine producono un effetto clinico potenziato quando somministrate in associazione con alcool o altre sostanze che deprimono il SNC. L'assunzione concomitante con alcool deve essere evitata. Triazolam deve essere usato con cautela in combinazione con sostanze che deprimono il SNC. Un’accentuazione dell’effetto depressivo centrale può verificarsi in caso di uso concomitante con antipsicotici (neurolettici), ipnotici, ansiolitici / sedativi, antidepressivi, analgesici narcotici, farmaci antiepilettici, anestetici e antistaminici sedativi. Nel caso di analgesici narcotici si può manifestare anche una accentuazione dell’euforia che induce un aumento della dipendenza psichica (vedere paragrafo 4.4). •Aumento della biodisponibilità del triazolam è stato osservato quando assunto contemporaneamente con succo di pompelmo. • Oppioidi: l’uso concomitante di medicinali sedativi quali le benzodiazepine o farmaci correlati ad esse quali Triazolam Zentiva con gli oppioidi aumenta il rischio di sedazione, depressione respiratoria, coma e morte a causa dell’effetto depressivo aggiuntivo sul SNC. La dose e la durata dell’uso concomitante devono essere limitate (vedere paragrafo 4.4).

Scheda tecnica (RCP) Composizione:

TRIAZOLAM ZENTIVA 0,125 mg compresse Ogni compressa contiene: Principio attivo: triazolam 0,125 mg. Eccipiente con effetto noto: Lattosio monoidrato Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1. TRIAZOLAM ZENTIVA 0,25 mg compresse Ogni compressa contiene: Principio attivo: triazolam 0,25 mg. Eccipiente con effetto noto: Lattosio monoidrato Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Farmaci

PFIZER ITALIA Srl

HALCION 10CPR 250MCG

PRINCIPIO ATTIVO: TRIAZOLAM

PREZZO INDICATIVO: 7,90 €

PFIZER ITALIA Srl

HALCION 20CPR 125MCG

PRINCIPIO ATTIVO: TRIAZOLAM

PREZZO INDICATIVO: 9,30 €

PROGRAMMI SANIT.INTEGRATI Srl

HALCION 20CPR 125MCG

PRINCIPIO ATTIVO: TRIAZOLAM

PREZZO INDICATIVO: 9,25 €