BENAZEPRIL EG 14CPR RIV 10MG

EG SpA

Principio attivo: BENAZEPRIL CLORIDRATO

ATC: C09AA07 Descrizione tipo ricetta:
RR - RIPETIBILE 10V IN 6MESI
Presenza Glutine: No glutine
Classe 1: A Forma farmaceutica:
COMPRESSE RIVESTITE DIVISIBILI
Presenza Lattosio: Si lattosio
BENAZEPRIL EG 14CPR RIV 10MG Controindicazioni Posologia Avvertenze e precauzioni Interazioni Effetti indesiderati Gravidanza e allattamento Conservazione

Ipertensione essenziale, insufficienza cardiaca congestizia - in aggiunta a diuretici e soprattutto a glicosidi digitalici nei casi di grave insufficienza cardiaca congestizia.

Scheda tecnica (RCP) Eccipienti:

I dati degli studi clinici hanno dimostrato che il duplice blocco del sistema renina-angiotensinaaldosterone (RAAS) attraverso l’uso combinato di ACE-inibitori, antagonisti del recettore dell’angiotensina II o aliskiren, è associato ad una maggiore frequenza di eventi avversi quali ipotensione, iperpotassiemia e riduzione della funzionalità renale (inclusa l’insufficienza renale acuta) rispetto all’uso di un singolo agente attivo sul sistema RAAS (vedere paragrafi 4.3, 4.4 e 5.1). Diuretici I pazienti in trattamento con diuretici, e specialmente quelli con deplezione salina e/o della volemia, possono manifestare occasionalmente un’eccessiva riduzione della pressione sanguigna quando si inizia una terapia con un ACE inibitore. La comparsa di effetti ipotensivi in questi pazienti può essere diminuita sospendendo la terapia con il diuretico (per almeno tre giorni prima del trattamento con il benazepril), aumentando l’assunzione di sale prima dell’assunzione dell’ACE inibitore e iniziando la terapia con l’ACE inibitore alle dosi più basse. Successivi aumenti di dosaggio devono avvenire con prudenza (vedere paragrafi 4.2 e 4.4). Agenti antipertensivi, antidepressivi triciclici, antipsicotici, anestetici L’effetto antiipertensivo è solitamente additivo e può manifestarsi un’eccessiva ipotensione sintomatica. La somministrazione contemporanea di nitroglicerina e altri nitrati o altri vasodilatatori può ridurre ulteriormente la pressione sanguigna. Diuretici risparmiatori di potassio. L’uso contemporaneo di diuretici risparmiatori di potassio (ad es. spironolattone, triamterene, amiloride, eplerenone), integratori di potassio, o sostituti del sale contenenti potassio non è raccomandato in pazienti che ricevono ACE inibitori, poiché ciò può portare a un aumento significativo del potassio sierico (soprattutto in pazienti con compromissione della funzione renale). Comunque, se la co-somministrazione è ritenuta necessaria, si raccomanda un frequente controllo del potassio sierico. Simpaticomimetici Riduzione dell’effetto antiipertensivo. Allopurinolo, procainamide, citostatici, agenti immunosoppressivi, corticosteroidi sistemici ed altri farmaci che modificano il quadro ematico Aumento del rischio di reazioni ematologiche, soprattutto leucocitosi, leucopenia. Litio Aumenti dei livelli sierici di litio e dei sintomi della tossicità del litio sono stati segnalati in pazienti che assumevano ACE inibitori durante la terapia con litio. Questi farmaci devono essere co-somministrati con attenzione, e si raccomanda un frequente monitoraggio dei livelli sierici di litio. Se viene usato anche un diuretico, il rischio di tossicità del litio può aumentare. Agenti antidiabetici La somministrazione concomitante di ACE inibitori e medicinali antidiabetici (insulina, agenti ipoglicemizzanti orali) può causare un aumento dell’effetto ipoglicemizzante con il rischio di ipoglicemia. Questo fenomeno avviene maggiormente durante le prime settimane di trattamento combinato e in pazienti con compromissione renale. Medicinali antinfiammatori non steroidei (FANS), compreso acido acetilsalicilico usato come agente antinfiammatorio Quando gli ACE-inibitori vengono somministrati contemporaneamente con farmaci antinfiammatori non steroidei, può verificarsi un’attenuazione dell’effetto antipertensivo. L’utilizzo concomitante di ACE-inibitori e di FANS può condurre a un aumento del rischio di peggioramento della funzione renale, compresa una possibile insufficienza renale acuta, e a un aumento del potassio sierico, in particolare in pazienti con una precaria funzione renale preesistente. L’associazione deve essere somministrata con cautela, in particolare negli anziani. I pazienti devono essere adeguatamente idratati e si deve prestare attenzione al monitoraggio della funzione renale dopo l’inizio della terapia concomitante e periodicamente nel prosieguo. Ciclosporina ed eparina Può presentarsi iperkaliemia durante l’utilizzo concomitante di ACE-inibitori con ciclosporina e con eparina. Si raccomanda il monitoraggio del potassio sierico. Inibitori mTOR (ad es. temsirolimus, sirolimus, everolimus) I pazienti che assumono una terapia concomitante con inibitori mTOR possono essere esposti a maggior rischio di angioedema (vedere paragrafo 4.4). Cotrimoxazolo (trimetoprim/sulfametossazolo) I pazienti che assumono cotrimossazolo concomitante (trimetoprim/sulfametossazolo) possono essere esposti a un maggiore rischio di iperkaliemia (vedere paragrafo 4.4). Alcool Aumento dell’effetto ipertensivo e dell’effetto dell’alcool. Cloruro di sodio Riduzione dell’effetto antiipertensivo. Oro Raramente sono state segnalate reazioni nitritoidi (i sintomi includono vampate di calore al volto, nausea, vomito e ipotensione) in pazienti in terapia con oro iniettabile (aurotiomalato di sodio) e terapia concomitante con ACE inibitori.

Scheda tecnica (RCP) Composizione:

Una compressa rivestita con film contiene 5/10 mg di benazepril cloridrato. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Farmaci

EG SpA

BENAZEPRIL EG 28CPR RIV 5MG

PRINCIPIO ATTIVO: BENAZEPRIL CLORIDRATO

PREZZO INDICATIVO: 5,18 €

SANDOZ SpA

BENAZEPRIL SAND 14CPR RIV 10MG

PRINCIPIO ATTIVO: BENAZEPRIL CLORIDRATO

PREZZO INDICATIVO: 4,88 €

SANDOZ SpA

BENAZEPRIL SAND 28CPR RIV 5MG

PRINCIPIO ATTIVO: BENAZEPRIL CLORIDRATO

PREZZO INDICATIVO: 5,18 €