Sospetto Feocromocitoma

Egregio dottore, sono un ragazzo di 35 anni, le pongo un quesito del quale se possibile spero di ricevere una risposta dirimente che non sono riuscito ad avere da alcuni suoi colleghi e neanche a trovare sul web. Credo di avere fin da piccolo una produzione aumentata di catecolamine. Questo problema mi causa un innalzamento contestuale della glicemia. Successivamente all'uso di benzodiazepine nell'arco di un mese la glicemia si stabilizza e con essa tutti i disturbi che mimano un diabete di tipo2. Appena provo a sospendere infatti le gocce ricominciano i sintomi: dita dei piedi cianotiche tra il blu scuro ed il nero, soprattutto nel postprandiale, ipertensione ortostatica, perdita importante di muscolatura e di conseguenza di peso mantenendo la stessa alimentazione, iperidrosi con sudorazione fredda, neuropatie periferiche con insensibilità totale di arti, formicolii e parestesie, indebolimento dei capelli e ritenzione di liquidi sul viso. Ho pensato ad un possibile feocromocitoma o paraganglioma. La mia domanda è: visto che con l'assunzione di grosse dosi di benzodiazepine tutti questi sintomi scompaiono è possibile che si tratti di una patologia riconducibile ad un fortissimo stress cronico? Se dovesse trattarsi di un Feocromocitoma le benzodiazepine avrebbero questo effetto? Riuscirebbero a bloccare questo surplus di catecolamine e ad abbassare la glicemia o rimarrebbe tutto invariato? Se volessi inoltre sottopormi ad esami analitici ematici ed urinari delle catecolamine e strumentali come RMN, o più specificatamente a scintigrafia con MIBG, l'uso concomitante di ansiolitici potrebbe in qualche modo falsare il risultato dei test? Grazie in anticipo per la cortese risposta Cordialità

La risposta

avatar Endocrinologia - Giorgio Ciacci Dott. Giorgio Ciacci

Il suo quadro clinico è piuttosto confuso e , mi permetta, influenzato da una sua ricerca troppo personale.Per quanto riguarda le catecolamine sarebbe sufficiente il dosaggio di quelle urinarie nelle 24 ore, sempre che il quadro clinico si tale da indicare questo esame ( ipertensione nono solo ortostatica come afferma lei / altri sintomi orientativi ).Per quanto riguarda il resto, l’uso di benzodiazepine a dosaggi alti e per lunghi periodi può provocare dipendenza e non risolve la patologia di base.Faccia un programma con il suo medico di famiglia che preveda un trattamento efficace anche del disturbo dell’umore.

Domande correlate

Tiroidite di Hashimoto?

avatar Endocrinologia - Giorgio Ciacci Dott. Giorgio Ciacci

La sua tiroidite ( Ac positivi ) attualmente si manifesta con ipertiroidismo ( la tiroide funziona troppo ) per cui deve curare questo.I beta bloccanti come Inderal sono utili per frenare i sintomi...

Vedi tutta la risposta

Capelli radi: non so piú cosa fare!

avatar Endocrinologia - Giorgio Ciacci Dott. Giorgio Ciacci

Attenzione a perdere peso troppo velocemente e seguire una dieta chetogenica per lunghi periodi. Controlli gli esami di laboratorio ( rene compreso ).Provi come integratore per i capelli Cistidil...

Vedi tutta la risposta

Tiroide

avatar Endocrinologia - Giorgio Ciacci Dott. Giorgio Ciacci

Non so dire l’indicazione alla terapia con Tirosint, tuttavia prenda sempre a digiuno il farmaco tutti i giorni e faccia l’esame del TSH sempre nello stesso laboratorio, da ripetere tra...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio