Genitorialità

Buongiorno, in qualità di madre di due figli, di cui una maggiorenne (19) anni felicemente residente all'estero (Londra) ormai da quasi tre anni, inizialmente per studio, poi anche per lavoro ed interessi personali quali diversi rapporti di amicizia instaurati, mi trovo in difficoltà con mio marito, padre della ragazza e dell'altro figlio sedicenne che vive con noi, il quale a sua volta mi consiglia di rivolgermi a qualcuno perché inizia ad avvertire disagio per la situazione familiare creatasi. Il padre è in un continuo stato di ansia al pensiero della figlia, soprattutto se lei non risponde subito ai messaggi inviati al cellulare, nonostante ogni giorno ci fornisca sue notizie. Lui non riesce ad accettare la scelta della figlia di rimanere all'estero, perché sostiene che si sentirebbe più tranquillo se lei rimanesse in Italia accanto ai familiari. Ogni giorno si discute perché io appoggio la ragazza vedendola felice e realizzata, mentre lui ritiene che io stia sbagliando e che dovrei convincerla in senso contrario. Dal momento che sull'argomento io non sono disposta a cambiare idea e lui nemmeno, ormai si litiga da tre anni e comincio ad avvertire la stanchezza per la situazione, con continui mal di testa, mal di stomaco e risvegli notturni. Chiedo per favore come posso comportarmi in questo caso per tranquillizzare il padre che ha paura dell'allontanamento della figlia e portare un po' di pace in famiglia, anche per il benessere mentale dell'altro figlio. Grazie per la cortese attenzione. Cordiali saluti Mara Gazzini

La risposta

avatar Psichiatria - Federico Baranzini Dott. Federico Baranzini

Gentile Signora Maracredo che la situazione, per come da lei descritta, sia abbastanza chiara. Quello che dovrebbe essere un passaggio naturale nella storia di una famiglia, ovvero l’uscita e l’allontanamento dei figli, e quindi necessariamente di un genitore, nel caso di suo marito è divenuto un fatto (presumibilmente) traumatico. Credo in ciò accentuato, o forse determinato, dal particolare rapporto che si può venire a strutturare tra un padre e una figlia. Come nei casi di traumi maggiori anche l’allontanamento -con tutto ciò che comporta (perdita del contatto, della possibilità di “controllare” un figlio, di far valere il proprio ascendente, di essere riconosciuto come punto di riferimento ecc..)- può lasciare un segno, una cicatrice nella persona che lo subisce. A maggior ragione se vi sono tratti sottostanti di personalità di un certo tipo, cosa che non posso affermare per suo marito ma nemmeno escludere.Credo che debba lavorare soprattutto sulla possibilità di convincere/coinvolgere suo marito ad avviare dei colloqui familiari (che quindi coinvolgano anche suo figlio) con una equipe di terapia familiare e, col tempo, valutare se instradare/invitare suo marito ad un percorso individuale. Un cordiali salutoFederico Baranzini

Domande correlate

Figllio di 8 anni

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Siccome parliamo di un bambino di 8 anni, che penso abbia come riferimento un padre e una madre (e lo stesso per la bambina), la nuova dimensione affettiva delle mamme non creerà loro particolari...

Vedi tutta la risposta

Pensieri ossessivi

avatar Psichiatria - Federico Baranzini Dott. Federico Baranzini

Buongiornoquello che descrive sembra rientrare nell’ordine di una reazione da stress alla pandemia di natura apparentemente ossessiva. I pensieri ricorrenti, il tema legato alla perdita...

Vedi tutta la risposta

Ansia ed attacchi di panico dovuti al periodo covid

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

cara Lettrice, il suo potrebbe essere una manifestazione di un disturbo ossessivo compulsivo rivolto alla paura della contaminazione. E’ fondamentale che si rivolga ad uno psichiatra per una...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio