hero image

Carezze per l’anima: perché ne abbiamo bisogno

Non solo il tocco della mani: una carezza è qualsiasi gesto che arriva al cuore e comunica all’altro: “Tu esisti per me”, “ti voglio bene”. La psicologa spiega come farle e come riceverle

iStock




Una carezza? Non è solo un tocco fisico delle mani. È qualsiasi gesto o parola che comporta il riconoscimento dell’esistenza dell’altro e che ha una valenza affettiva, anche minima. Come un saluto, un complimento, un dono. Ma anche ascoltare qualcuno con attenzione.

Lo psicoterapeuta Giacomo Magrograssi ha scritto il saggio Le carezze come nutrimento (Baldini &Castoldi), in cui approfondisce il pensiero della scuola di analisi transazionale: ricevere (e dare) carezze è indispensabile come mangiare. Perché sono segnali che la nostra identità viene riconosciuta dagli altri, quindi sono necessari per crescere e raggiungere il benessere psicofisico. Per capire meglio il valore delle carezze per la formazione individuale (e relativa sicurezza) Starbene ha intervistato Daria Beda, psicoterapeuta e analista transazionale.


Le carezze non sono tutte uguali

«Ci sono le carezze incondizionate (o gratuite) e quelle condizionate. Le prime le riceviamo solo perché esistiamo, senza che facciamo nulla per meritarle. Fondamentali per i bambini, rimangono preziose per tutta la vita.

Le seconde sono legate a qualità, capacità, comportamenti. Vengono veicolate da frasi come “Sei stato molto comprensivo”, oltre che da pacche sulle spalle, strette di mano, sguardi di ammirazione, e diventano importanti dai 18 mesi in su.

Possono essere usate come premio o incentivo: chi le riceve è portato a perseverare in ciò che gli ha permesso di ottenerle. Detto questo, il libero scambio di riconoscimenti è una capacità, una propensione e un diritto umano. Ma le carezze scarseggiano, anche tra chi si ama o si stima».


Perché spesso siamo avari di carezze

«La “dieta” di carezze inizia da piccoli, quando i genitori non coccolano troppo i figli per non viziarli. Poi gli insegnanti distribuiscono lodi con il contagocce per spronare gli alunni a fare di più.  Prosegue tra amici e sul lavoro, quando i riconoscimenti vengono concessi secondo dinamiche di do ut des, ovvero: “Mi complimento perché spero che tu faccia altrettanto con me”.

Insomma, veniamo indotti a essere avari di noi stessi: siamo abituati a credere che le carezze elargite gratis creino obblighi e aspettative; che quelle ottenute su richiesta non siano spontanee; che non convenga darle a noi stessi, perché “chi si loda si imbroda”. Tutte falsità.

Il bello delle carezze è che sono illimitate. E imparare a essere più generosi sarebbe un bene per tutti. Bisogna accordarsi il permesso di chiederle e di offrirle. E pure di darle a se stessi, perché le “auto-carezze” hanno lo stesso valore di quelle ricevute da altri».


Qualche consiglio su come fare e ricevere carezze

«La carezza deve essere calibrata sul destinatario: i neonati hanno bisogno di quelle fisiche, agli adulti bastano riconoscimenti simbolici. Solo che, per imbarazzo o vergogna, spesso carezziamo “alla cieca” o, meglio, secondo ciò che vorremmo per noi.

Per esempio, una donna carezza fisicamente il marito perché desidera che lui la tocchi, lui la carezza a parole, perché vuole sentirsi dire quanto è amato. Questo scambio implicito può creare equivoci. Ma basterebbe parlarsi per ricalibrarlo e renderlo soddisfacente per entrambi! Per ricevere carezze riflettiamo sui riconoscimenti che ci piace dare: sono quelli che a noi mancano, potremmo provare a chiederli alle persone più vicine».


Gli esercizi suggeriti dalla psicologa

La psicologa Daria Beda propone due attività per valorizzare il ruolo delle carezze nella tua vita.

- Lo scrigno: prendi un quaderno (o un cofanetto con tanti biglietti) e scrivi sia le tue qualità, abilità, successi, sia le cose belle (materiali e immateriali) ricevute dagli altri. Poiché le carezze sono cumulabili e non hanno scadenza, lo scrigno ti tornerà utile nei momenti di carestia.

- Il cerchio: invita i tuoi famigliari a un momento di pausa nella giornata, in cui vi trasmetterete carezze positive, nutrienti per l’autostima. Il cerchio si può fare anche in coppia, parlando, tenendosi per mano e scambiandosi abbracci, baci, massaggi.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 41 di Starbene in edicola dal 26/9/2017



leggi anche

Contro il bullismo scegli la Gentilezza

Sesso: il potere della gentilezza

Il segreto delle coppie più felici? Condividere

Ricette vegetariane in versione zen