hero image

I 10 cibi per combattere l’artrosi

Sono ricchi di fibre, antiossidanti, vitamine e minerali. Scopri quali sono e come portarli a tavola

credits: iStock




La cura delle articolazioni comincia a tavola. Ne è assolutamente convinto il dottor Marco Lanzetta, uno dei microchirurghi più conosciuti al mondo (nel 2000 eseguì il primo trapianto di mano in Italia), che ha da poco scritto un libro sugli alimenti antiartrosi (vedi qui di seguito).

Per prevenire l’usura di ossa e cartilagini, che è favorita dalla predisposizione genetica e dall’avanzare dell’età, occorre tenere sotto controllo la glicemia (cioè il livello di zuccheri nel sangue) e il grado di acidità e infiammazione delle cellule, contrastando, in più, l’azione dei radicali liberi.

Il dottor Lanzetta ha individuato i 100 cibi più efficaci per il benessere articolare e li ha suddivisi in cinque gruppi in base alla loro funzione principale. Vediamole una per una.


Funzione depurante: per eliminare le tossine

«Il metabolismo cellulare produce delle scorie. Non solo. A “intossicarci” è anche l’uso continuativo di farmaci (antinfiammatori e cortisonici) ai quali spesso ricorre chi soffre di artrosi», spiega l’esperto.

«Per ridurre l’accumu lo di sostanze dannose bisogna inserire, in ogni pasto della giornata, alimenti ricchi di fibre, che migliorano la funzionalità dell’intestino e il lavoro del fegato, l’organo che più di tutti ha il compito di “ripulire” il sangue. Sono poi molto utili tutti i cibi ricchi di acqua, che stimolano la diuresi, favoriscono il drenaggio dei liquidi e contrastano la ritenzione idrica».

Nel tuo menu inserisci, alternandoli, carciofi, farro, fagioli azuchi, sedano, germogli di crescione, farro, aglio...


Funzione antiossidante: per proteggere i tessuti 

L’eccessiva presenza di radicali liberi, he aggrediscono le membrane delle cellule, irrigidendole, è una delle cause della degenerazione articolare. 

«La capacità dell’organismo di rendere inoffensive queste molecole dipende molto dall’alimentazione. Ecco perché è importante mangiare, sia a colazione sia a pranzo e cena, cibi ricchi di antiossidanti: cavoli, broccoli, pere, frutti di bosco, melagrana, olio extravergine d’oliva, sciroppo d’acero», afferma l’esperto.

«Contengono flavonoidi, come per esempio le antocianine, che prevengono i danni causati dai radicali».


Funzione antinfiammatoria: per spegnere il dolore

L’infiammazione è una risposta di difesa dell’organismo. Ma se diventa cronica, può portare alla comparsa di malattie differenti, comprese quelle  delle articolazioni.

«Per contrastarla sì a frutta e verdura in abbondanza, (inparticolare a cipolla rossa, ananas, mela), ai cibi contenenti Omega 3 (come i semi di lino), alle spezie e al tè verde», suggerisce il dottor Lanzetta.


Funzione antiacido: per mantenere le ossa integre

Il nostro organismo funziona al meglio se il pH (l’unità di misura dell’acidità) del sangue è stabile e pari a 7,4 (cioè leggermente alcalino).

«Un’eccessiva assunzione di grassi e proteine di origine animali (cibi acidificanti) può portare sia all’accumulo di tossine, che a loro volta determinano un aumento dell’infiammazione, sia alla perdita di calcio dalle ossa.

Per evitare che ciò accada, la soluzione è semplice: portare in tavola cibi alcalinizzanti, primo fra tutti l’acqua non gassata, con pH superiore a 7,5 (controlla il valore indicato sull’etichetta o chiedi informazioni alla società che gestisce l’acquedotto del tuo Comune). Ok inoltre alle alghe (dulse, kombu) e al miso, ricchi di minerali a effetto antiacido».


Finzione complementare: per equilibrare proteine e zuccheri

I cibi appartenenti a questo gruppo sono quelli necessari a garantire all’organismo il giusto apporto di macronutrienti. «La dieta amica delle articolazioni esclude la carne, il formaggio, il latte, il tuorlo d’uovo (solo l’albume è ammesso) e limita il pesce a un paio di volte alla settimana», puntualizza il dottor Lanzetta. «Ecco perché è indispensabile prevedere nel menu i legumi, buone fonti di proteine di origine vegetale».

Per tenere sotto controllo l’infiammazione è poi obbligatorio rinunciare allo zucchero semplice, che causa picchi di insulina (l’ormone secreto dal pancreas per abbassare il tasso di glicemia), portando da un lato all’accumulo di tessuto adiposo (con aumento dell’infiammazione) e dall’altro alla liberazione di radicali liberi: fattori che mettono entrambi a rischio la salute delle articolazioni.

«Gli zuccheri vanno sostituiti con i carboidrati complessi apportati dai cereali integrali (miglio, bulgur, grano saraceno, pasta e riso), ricchi di fibre e che in più apportano aminoacidi in grado di migliorare la qualità delle proteine dei legumi».

Funzione complementare hanno infine alcuni alimenti che forniscono i minerali e le vitamine più utili contro l’artrosi: la banana, ricca di potassio, il sorgo e le mandorle, fonti di magnesio.


Fai una settimana di semi digiuno per prepararti alla dieta

La dieta per scongiurare l’artrosi è semplice: tutti i pasti della giornata devono prevedere un cibo per ognuna delle funzioni appena analizzate, cercando di variare il più possibile le proprie scelte. 

Inoltre, prima però di passare allo schema proposto, il dottor Marco Lanzetta consiglia di fare una settimana di pulizia e disintossicazione generale.

«Un giorno di digiuno totale, uno in cui è concesso bere tè verde a metà mattina e a metà pomeriggio e un altro nel quale va aggiunta una bevanda antiossidante a colazione.

Dal quarto al settimo, invece, si possono reintrodurre alcuni cibi solidi: riso integrale con olio extravergine d’oliva a pranzo, passato di verdura a cena e un frutto come spuntino.

Serve per creare un distacco rispetto alla normale alimentazione in vista di passare a nuove (e sane) abitudini salva-articolazioni», conclude lo specialista.


Da poco in libreria

Con il nuovo testo di Marco Lanzetta scopri quali sono i principali cibi antiartrosi (I 100  alimenti antiartrosi, Demetra, 190 pagine, 14,90 €).


1 Alga kombu

Viene largamente utilizzata in Giappone per ottenere il dashi, una specie di brodo. Contiene fucoidani, molecole che riducono la sopravvivenza delle cellule infiammate dai processi artrosici. E presenta anche una buona concentrazione di minerali, come potassio, fosforo e iodio, dall’azione alcalinizzante. 

Funzione antiacido 

2 Pera

È uno dei frutti con il maggior effetto protettivo per le articolazioni. Attenzione, però: i suoi antiossidanti, appartenenti alla famiglia dei flavonoidi, sono concentrati soprattutto nella buccia.

Quindi acquista solo pere biologiche certificate e consumale senza pelarle.

Funzione antiossidante

3 Miso

Questa pasta densa, ottenuta dalla fermentazione dei fagioli della soia gialla in acqua e sale marino, contiene sali minerali alcalinizzanti (come calcio, magnesio, sodio), utili per contrastare l’usura del tessuto osseo.

Funzione antiacido

4 Carciofo

Favorisce l’eliminazione delle tossine, contribuendo a diminuire il gonfiore delle articolazioni.

Inoltre, grazie alla cinarina, che migliora la funzionalità del fegato e della cistifellea, ha un’azione depurante molto utile quando l’organismo è intossicato da un frequente uso di farmaci antinfiammatori. 

Funzione depurante

5 Farro

Fornisce molte fibre insolubili che, stimolando il lavoro dell’intestino, contribuiscono alla depurazione dell’organismo.

Inoltre, a differenza degli altri cereali, il farro contiene un aminoacido essenziale, la metionina, che è indispensabile per il corretto mantenimento delle cartilagini ossee.

Funzione depurante

6 Cipolla rossa

È ricca di quercetina, un antiossidante della famiglia dei flavonoidi che contrasta sia i radicali liberi sia l’infiammazione dell’organismo.

In più, questa sostanza è in grado di bloccare la formazione di acido arachidonico, precursore di altre molecole che “incendiano” le articolazioni.

Funzione antinfiammatoria

7 Muesli

Concentra in sé alcuni dei migliori alimenti antiartrosi. Preparalo tu miscelando fiocchi di avena, frutta secca, semi di girasole, di chia, di lino o di canapa, bacche di goji e mirtilli freschi.

E poi consumalo con latte di soia o di mandorla non zuccherati.

Funzione complementare

8 Sciroppo d’acero

Ha un elevato contenuto di sali minerali (su tutti potassio, calcio e ferro) ed è costituito da 54 sostanze dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Più è scuro, maggiore è il suo effetto benefico.

Funzione antiossidante

9 Riso integrale

Contiene tutte le componenti del chicco, cioè anche la crusca e il germe, ricchi di principi nutritivi che si perdono quasi interamente durante il processo di raffinazione: le fibre, i minerali come ferro, zinco, rame e magnesio, vitamine E e del gruppo B, antiossidanti e grassi insaturi.

Funzione complementare 

10 Ananas

È fonte di bromelina, un antinfiammatorio naturale, che contribuisce a ridurre gli edemi, i dolori muscoloscheletrici, le borsiti e le tendiniti.

Questa sostanza, che attenua il dolore e la rigidità articolare, in Germania viene utilizzata per il trattamento dell’infiammazione e del gonfiore conseguenti a interventi chirurgici.


Funzione antinfiammatoria


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 48 di Starbene in edicola dal 14/11/2017

Leggi anche

Artrosi: le donne le più colpite

Artrosi al ginocchio: la cartilagine si ripara con le staminali

Le nuove "punturine" contro l'artrosi

Artrosi: i rimedi naturali

La dieta per proteggere le ossa