Gonfiori, basta una tisana

Grazie alle erbe dall’effetto drenante e detox puoi ritrovare il benessere e dire addio alla ritenzione idrica



di Claudio Buono

Senso di pesantezza alle gambe, borse sotto gli occhi, la pancia che sembra un palloncino... Spesso è colpa della ritenzione idrica, problema che colpisce il 30% delle donne italiane. Se anche tu ne soffri, significa che l’acqua, che compone il 65% del tuo corpo, a volte si accumula dove non dovrebbe.Ma non solo, perché anche la circolazione pigra e la cattiva alimentazione possono provocare  gonfiori. Per fortuna la natura può aiutarti a contrastare questo problema grazie all’effetto drenante e disintossicante di numerose piante. Ecco le più efficaci, consigliate dal dottor Luigi Torchio, esperto di omeopatia e medicina naturale.

Pilosella e Orthosiphon per gambe leggere

Se passi tutta la giornata in piedi o dietro alla scrivania è facile che tu possa ritrovarti, la sera, con le gambe pesanti e le caviglie e i piedi gonfi. Colpa della tua circolazione poco attiva, rallentata ulteriormente dal fatto che resti nella stessa posizione per ore, provocando un ristagno dei liquidi. Attenta però: «Il gonfiore può anche dipendere da fattori ormonali», spiega il dottor Luigi Torchio, docente alla St. John International University di Torino. «Durante il ciclo, il corpo produce più estrogeni, stimolando l’organismo a trattenere liquidi».

Le soluzioni: un mix di pilosella, betulla, centella, rusco, ippocastano, mirtillo e vite rossa: piante che proteggono i vasi sanguigni e stimolano il drenaggio venoso e linfatico. Puoi assumerle sotto forma di tintura madre (20-30 gocce in abbondante acqua, 2-3 volte al giorno a stomaco vuoto, per almeno un mese). Per potenziarne l’effetto, prova anche il Tè di Giava (ortosiphon): me ti un cucchiaino di foglie in una tazza i  acqua calda. Lascia in infusione per 10 minuti, poi filtra e bevine almeno 2-3 volte al giorno, lontano dai pasti.

Tarassaco e finocchio “asciugano” la pancia

L’estate si avvicina e la tua pancia gonfia ti preoccupa? «Colpa dell’alimentazione», dice Torchio. Hai assunto troppi grassi o hai esagerato con i cibi salati. «Ma potrebbe anche essere un’alterazione della flora batterica dell’intestino o un’intolleranza alimentare», chiarisce l’esperto.  

Le soluzioni - Ai fermenti lattici (o probiotici) che aiutano a rigenerare la flora batterica, affianca un trattamento a base di tarassaco, carciofo, boldo e cardo mariano, che stimola il fegato favorendo la digestione, associato ad anice e finocchio. Puoi assumerlo come tintura madre (30 gocce in acqua dopo i pasti, 3 volte al giorno, per 3-4 settimane) o tisana (1 cucchiaino da tè, da lasciare in infusione per 10 minuti in una tazza di acqua bollente prima di filtrare). Bevine 3 tazze al giorno, dopo i pasti, per un mese. Molto utile anche il carbone attivato, associato all’argilla (in farmacia o erboristeria): 2 compresse, 2 volte al giorno dopo i pasti, per 5-10 giorni.

Cetrioli e ortica per un viso tonico

«Un volto gonfio e stanco indica, nella maggior parte dei casi, una ritenzione idrica dei tessuti facciali. In pratica, i fluidi si concentrano nel viso facendolo apparire a “luna piena», spiega Torchio. Il gonfiore può insorgere in qualsiasi punto, ma si fa più evidente quando interessa le labbra, le guance e le palpebre e può anche estendersi alla regione del collo.

Le soluzioni - Il cetriolo, dotato di un sorprendente effetto drenante, può aiutarti a sgonfiare il volto e a cancellare i segni di stanchezza. Ti basterà tagliarne alcune fette e posizionarle fredde sul volto (occhi inclusi), lasciandole agire per circa 10 minuti. Inoltre, ti sarà utile una tisana a base di tarassaco, bardana, finocchio, ortica, salvia e tè verde. Metti un cucchiaino del mix in acqua bollente per una decina di minuti, filtra e bevine una tazza prima di andare a dormire. In questo modo, durante la notte l’organismo sarà idratato e al tuo risveglio il viso dovrebbe essere meno gonfio. Non dimenticare di ridurre drasticamente nella tua alimentazione il sale e gli alimenti salati in generale.

Mirtillo nero ed Eufrasia contro le borse

Se al mattino hai gli occhi “appesantiti”, la colpa può essere di una predisposizione alla ritenzione idrica e di un difetto della microcircolazione. Ma a volte il problema può dipendere da fattori diversi, come una reazione allergica, stanchezza, stress, intolleranze alimentari, cambiamenti ormonali, irritazioni o infezioni.

Le soluzioni - Prova la tintura madre di mirtillo nero: diluiscine 30-50 gocce in mezzo bicchiere d’acqua e bevi, per 3 volte al giorno, finché la situazione non migliora. Sono efficaci anche i colliri a base di eufrasia, camomilla, hammamelis e cineraria maritima, che hanno un effetto lenitivo e calmante (li trovi in farmacia o erboristeria). Applica 2 gocce per occhio, 3-4 volte al giorno. Infine eccoti un rimedio casalingo d’emergenza: prendi 2 bustine di tè verde e immergile in una ciotola di acqua, poi strizzale e mettile in frigo. Quando sono diventate fredde, lasciale appoggiate sulle palpebre chiuse per circa 5-10 minuti.

Un aiuto in più dallo yoga

Se soffri di gonfiore, affianca alle soluzioni green che ti consigliamo queste due asana. Pavanamuktasana: a pancia in su, piega le gambe e, inspirando, portale prima al petto e poi abbracciale. Rimani così per per qualche secondo, quindi torna nella posizione di partenza, espirando. Ripeti  l’esercizio quante volte vuoi. Sarvangasana: sdraiata sulla schiena, con le gambe distese, le braccia lungo il corpo e i palmi verso il basso, solleva prima le gambe, poi il bacino, cercando di raggiungere la posizione verticale, mentre tieni i gomiti puntati a terra e sostieni la schiena con le mani. Rimani in questa posizione per 7 respiri e poi torna nella posizione iniziale.

Articolo pubblicato sul n. 22 di Starbene del 19/05/2015

Leggi anche

Diverticolosi, che cos’è e come si cura: i miti da sfatare

Covid-19 e immunità post vaccino: facciamo chiarezza

Calze compressive, a cosa servono e come si usano

Covid: decorso più grave in chi soffre di disturbi mentali

Caring massage, il massaggio empatico migliore di un farmaco

Dolore alla spalla, cause sintomi, cosa fare

Come bloccare la miopia nei ragazzi

Vacanze a prova di imprevisto

Psoriasi: i rimedi naturali per combatterla

Orticaria e dermatite da contatto: quando è colpa dei vestiti