Telemedicina e cure a distanza: lo specialista arriva a casa tua

Grazie alla telemedicina, medici e specialisti oggi sono a portata di mouse. Per avere una diagnosi, discutere gli esami o gestire il Covid-19 direttamente da casa



242339

La telemedicina ha oggi un numero di pazienti in costante aumento, grazie ai numerosi vantaggi che offre. Innanzitutto l’abbattimento della distanza geografica. Poi il risparmio di tempo, di denaro e la sicurezza (nessun assembramento). Infine, vantaggi psicologici: dialogare da casa con il medico anche dopo una malattia risulta in questo periodo di pandemia da Covid-19 molto importante.

Ne parliamo con l’ingegnere Elena Bottinelli, AD IRCCS Ospedale San Raffaele e IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi Milano, Gruppo San Donato.


Ingegner Bottinelli, come funziona la telemedicina?

Offre la possibilità di usufruire di visite e consulenze online, collegandosi semplicemente al portale web dedicato in cui si può richiedere una prima visita, una seconda opinione su una diagnosi medica, dei consulti e le visite di controllo. Attraverso la piattaforma integrata, i pazienti possono non solo interagire con gli specialisti, ma anche ottenere immagini radiologiche, certificati e ricette, disponendo poi di uno spazio virtuale privato per la loro documentazione clinica.


La telemedicina può essere di aiuto per la gestione del Covid-19?

In questi casi il paziente viene seguito dallo specialista lungo tutto il processo di cura, sia in ospedale sia a distanza, in funzione della gravità della sintomatologia e dell’evoluzione della stessa, attraverso percorsi diagnostici e di teleconsulto modulati sulle esigenze della persona, limitando così l’accesso alla struttura ospedaliera.


Quali sono le nuove frontiere della telemedicina?

Oggi la telemedicina è in fase di test per quanto riguarda l’integrazione con il SSN. Un progetto è quello di evitare l’iter di pre-ricovero. Ma la vera frontiera sarà la presa in carico complessiva del paziente, che potrà usufruire a 360 gradi delle diverse prestazioni disponibili.


I numeri di un successo

Il servizio di telemedicina dell’Ospedale San Raffaele del Gruppo San Donato ha quasi 18mila iscritti, con oltre 40 specialità disponibili. Tra quelle più richieste la psicologia e la psicoterapia, la psichiatria, la chirurgia generale, l’endocrinologia, l’oncologia e la cardiologia. La telemedicina, mantenendo il ruolo del medico anche a distanza, rende più autonomi nella gestione della malattia.


Per approfondire, guarda il video qui sotto, in cui l'Ing. Elena Bottinelli, AD IRCCS Ospedale San Raffaele e IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi Milano, risponde alle nostre domande: 



Leggi anche

Covid e pazienti cardiopatici: quali precauzioni prendere

Influenza tradizionale e Covid: perché è importante vaccinarsi

Tamponi, test rapidi: come scoprire se si è positivi