Vivere con tanta ansia la propria sessualità

Gentili dottori, buonasera. Perdonate il disturbo. Sono una ragazza di 27 anni che, da circa un mese, ha cominciato la propria vita sessuale. Ho aspettato tanto perché non mi sentivo pronta, ma non fisicamente. Era la mia mente a bloccarmi. Sono epilettica da quando avevo 13 anni, sono anche audiolesa e, di recente, anche i miei occhi sembra che vogliano abbandonarmi. Giro come una trottola per gli ospedali da anni, ma mai nessuno ha saputo dirmi il perchè di tutto questo. Epilessia? Un caso. Sordità unilaterale? Un virus. Vista che va e viene? Ignoto. Cosa c'entra con tutto questo la mia vita sessuale? La mia costante ansia che il sesso possa nuocere alla mia salute. Mi chiedo come sia possibile che una cosa così bella possa farmi del male. Ma, a quanto pare, succede. Un settimana dopo il mio primo rapporto, avvenuto senza dolore, si è sviluppata una lieve infiammazione. Mi sono vista costretta a recarmi da un ginecologo (la mia prima visita), che mi ha tranquillizzata. Dopo due settimane di terapia con ovuli vaginali, il tutto sembrava risolto. In me, però, cresceva qualcos'altro: l'ansia. Il disturbo d'ansia che mi tormenta da anni e che sfocia in crisi epilettiche. Dopo ogni rapporto, sebbene protetto con preservativo, dal momento che, a causa degli antiepilettici, non posso assumere anticoncezionalipetting, petting o penetrazione con le dita, temo di essere rimasta incinta. Mi vedo costretta, allora, ad avere un rapporto al mese poco prima del ciclo. Adesso, dopo 6 giorni dal mio secondo rapporto, è arrivato il ciclo e un rigonfiamento, abbastanza esteso, accanto alle grandi labbra. Suppongo che si tratti della ghiandola di Bartolini infiammata. Come lo penso? Ho cercato via internet: la cosa più errata che si possa fare se si soffre d'ansia. Questo, forse, mi porterà, ancora, a far visita alla mia ginecologa. Sarebbe la seconda visita in due mesi. Nella mia testa, credo che la soluzione migliore sia rinunciare al sesso, all'avere un ragazzo. Perchè tutto quello che faccio, in questo caso i rapporti, si trasforma in qualche disturbo fisico? Voglio lasciare il mio ragazzo. Se resto sola, mi dico, evito il sesso e, quindi, di stare male fisicamente. A volte, inoltre, non riesco a guardare in faccia i miei genitori. Loro non sanno della mia vita sessuale o del mio ragazzo. Ma sto male fisicamente e, se dovessero scoprirlo, ne morirei. Sono all'antica e anziani e sono già disperati per dovermi accompagnare ancora in giro per gli ospedali. Mi sento in colpa con loro. Hanno fatto così tanto per me. Perchè deluderli restando incinta o sapendo che ho infezioni vaginali. Ho sempre brividi (sarà l'infezione?), non mangio e dormo male. Dovrei andare da uno psicologo, ma sono stanca di camici bianchi. Cosa mi consigliate? Non voglio deludere chi voglio bene, non voglio andare in ospedale. Voglio solo vivere. Grazie anticipatamente Ps Perdonate la lunghezza del testo

La risposta

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Ha ragione: Lei deve solo vivere, possibilmente con meno ansie e problemi. Il fatto è che da un lato Lei potrebbe non aver accettato bene i problemi che Lei ha, in particolare l’epilessia e il considerarsi audiolesa. Forse non accetta che a 27 anni si possano avere questi problemi, che peraltro, Le sarà stato spiegato, non alterano minimamente la funzionalità della persona e la qualità complessiva della vita. Si faccia consigliare una brava psicologa (o psicologo, se preferisce) perché occorre una valutazione psicodiagnostica per sapere se questa ansia e in parte una certa fobia sessuale appartengono allo spettro ansioso, nel qual caso sono possibili cambiamenti utili a farLa tornare davvero a vivere pienamente.

Domande correlate

Sovradosaggio contramal

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Credo che i medici l’abbiano rassicurata sul fatto che si tratta di fenomeni momentanei, destinati a scomparire in un tempo ragionevole. Se però la situazione dovesse persistere, chieda...

Vedi tutta la risposta

Daparox e fertilità

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

I medici dicono sicuramente la verità. Però direi che due mesi senza che sia iniziata una gravidanza mi pare un lasso di tempo nel quale la maggior parte delle persone non riescono ad avviare il...

Vedi tutta la risposta

Orfana

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

I legami con la propria famiglia di origine spesso stentano a modificarsi, nonostante una nuova vita familiare. Ma non si tratta di far capire a Suo marito la differenza tra chi i genitori li ha e...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio