Senso di oppressione al petto, delucidazioni a seguito di esami di approfondimento

Gentilissimi dottori, premetto che sono un ragazzo di 22 anni in buona salute, peso normale e non fumo. Da novembre scorso sento un fastidio in una zona del petto in alto a sinistra (sopra il capezzolo, per intenderci) che si presenta come un senso di oppressione che ovviamente la mia mente riconduce al cuore: si presenta nei momenti di stress, ansia e nervosismo ma i battiti, invece, non sono mai stranamente accelerati (me li sento da solo tastando il collo) o altro e la mia pressione è 120-80. Ogni tanto, sporadicamente (qualche volta ogni settimana) sento un colpetto o più di extrasistole... Aggiungo i controlli che ho fatto in questi mesi: - due anni fa una visita medico sportiva agonistica che è andata e buon fine - a dicembre scorso ho fatto una visita dal mio cardiologo con annesso elettrocardiogramma ed ecocardiografia che non hanno riscontrato anomalie, insomma tutto apposto tranne un leggero soffio che il medico aveva già notato a una vecchia visita anni fa - lo stesso cardiologo mi ha suggerito, in caso fosse continuato, di fare un monitoraggio di 24H tramite Holter cardiaco che ho eseguito a metà maggio in un centro per il cuore di Roma: nel referto il cardiologo in questione ha scritto “RS con fc media di 83 bpm, fc massima di 158 e minima di 48. Assenza di battiti ectopici ventricolari e sopra-ventricolari. Assenza di pause significative. Da segnalare anomalie della ripolarizzazione ventricolare sinistra (onde T invertite) durante tachicardia e correlate ai sintomi in diario. Utile approfondimento cardiologico." - successivamente verso metà giugno ho eseguito proprio lo stesso approfondimento consigliato dal cardiologo che ha refertato l'holter che includeva Visita cardiologica + Ecg normale + Ecg sotto sforzo su cyclette con il seguente referto “PA: 120/80 mmHg, EOC: ACR; toni netti, pause apparentemente libere, EOT: SCP; MV fisiologico, no edemi declivi, buon compenso emodinamico, ECG: RS con fc di 80 bpm, PQ nei limiti, normale tratto ST, polsi periferici: iso-normo-sfigmici, assenza di soffi carotidei, buon compenso emodinamico. Si consiglia controllo annuale”. Nella visita mi ha detto che, portando il cuore fino a 160 battiti circa, non ha trovato più tracce di quelle anomalie della ripolarizzazione e che quindi era tutto apposto. Le domande che mi pongo sono: - E' un fastidio che ho cominciato a sentire quando ho conosciuto una ragazza che però è fidanzata (quindi c'è di mezzo anche una questione di "cuore", ovvero sentimenti e psiche) e sento che è strettamente legato a questo: come credo, si tratta di una somatizzazione in quel punto? Ed è proprio nel cuore che somatizzo oppure solo sul petto? - Questo fenomeno a lungo andare potrebbe danneggiare il mio cuore? Può succedere qualcosa se si somma al normale sforzo fisico del cuore? - A seguito dei miei esami posso escludere una causa cardiaca? Si tratta solo di fattore psicologico? Grazie in anticipo.

La risposta

avatar Cardiologia - Valentina Mantovani Dott.ssa Valentina Mantovani

Buongiorno,le indagini da lei fatte mi sembrano molto complete e mi pare abbiano escluso anomalie cardiologiche.L’unica anomalia riscontrata all’Holter non è stata confermata alla prova da sforzo.Quindi direi che il suo cardiologo abbia eseguito tutte le indagini del caso e lei possa stare tranquillo a tal proposito.Cordialità.

Domande correlate

Può leggermi questo ecg?grazie

avatar Cardiologia - Valentina Mantovani Dott.ssa Valentina Mantovani

Buongiorno,questo è il referto  eseguito dal refertatore automatico dell’apparecchio.La lettura dell’ECG necessita della visione del tracciato e non rientra in questo tipo di...

Vedi tutta la risposta

Dolori sparsi al torace

avatar Cardiologia - Valentina Mantovani Dott.ssa Valentina Mantovani

Buongiorno,i dolori che lei riferisce non sono di univoca interpretazione. Tuttavia non possiamo parlare di somatizzazione o ansia senza avere escluso cause organiche.In questo le consiglio di...

Vedi tutta la risposta

Circa il colesterolo

avatar Cardiologia - Valentina Mantovani Dott.ssa Valentina Mantovani

Le evidenza scientifiche riguardo l’efficacia degli omega 3 nel ridurre gli eventi cardiovascolari non sono univoci. Cioè in alcuni lavori non si sono dimostrati efficaci mentre in altri...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio