Ecco perché l’amore è una scelta. Alla faccia delle fiabe

Donne emancipate, quelle d’oggi. Eppure nell’immaginario femminile, il mito del principe azzurro ancora resiste. E continua a produrre illusioni, come spiega un libro



254097

Dalla notte dei tempi, è per eccellezza un tormentone tutto femminile: l’amore è una questione di fortuna (o di sfortuna)? Una risposta ci arriva dal libro Principe Azzurro o Barbablù? (Ed. Il Punto d’Incontro), in cui la psicologa e psicoterapeuta Anna Coda s’allontana dal fato, e parla d’altro. «Astri, karma e fatalità c’entrano poco», assicura Coda. «Incontrare qualcuno è un caso, certo, ma decidere di farlo rimanere nella nostra vita è una scelta. Non esiste il principe azzurro come lo abbiamo sempre immaginato, così come non esiste la relazione tutta rose e fiori. In compenso, esiste la capacità di entrambi i partner di creare un legame solido, vitale, duraturo».

Lo aveva già detto anche Erich Fromm: l’amore è come un’arte che va appresa e poi richiede dedizione. Bello, bellissimo, ma come si fa?


Il sentimento è circolare

Lui, bello, dolce, gentile e forte allo stesso tempo, che salva lei, fragile e appassionata. «Ben più di un sogno romantico, è un vero condizionamento culturale, ancora duro a morire», interviene Giovanna De Maio, psicoterapeuta e love coach. «Il messaggio indiretto che ne deriva è che, prima o poi, arriva un salvatore a cambiarci la vita. Come se la felicità andasse delegata a qualcun altro».

In realtà, desiderare un uomo perfetto e in completa adorazione di noi, inevitabilmente, porta alla delusione.

«Il principe azzurro è un’idea che è molto distante dalla condizione umana, dove tutto è tendente al difetto perché ciascuno ha i suoi pro e contro», continua Coda. «Questa mitizzazione dell’amore e della coppia ha, poi, l’effetto di deresponsabilizzarci: ci convinciamo che qualunque fallimento non dipenda da noi, ma dal destino. Quando, invece, è vero l’esatto contrario: il noi si crea dall’interazione di due persone, che è sempre circolare e non lineare, nel senso che lo scambio non va da un partner all’altro e poi si ferma, ma va da uno all’altro e poi torna indietro».


Il “terremoto” della novità

Dal punto di vista psicologico, il miraggio del partner inebriato d’amore ricalca la relazione infantile con la madre: c’è un bambino onnipotente che tutto chiede e una mamma remissiva che tutto dà.

«È tipico di quelle donne che da piccole non si sono sentite amate e, d’istinto, pretendono un uomo iper presente, sempre attento e che le adori sopra ogni cosa», spiega Giovanna De Maio.

Questo mare di bisogni irrisolti è mosso anche dalle onde della società moderna, così frenetica e vorace anche dal punto di vista sentimentale. «Viviamo un permanente conflitto tra la libertà di scegliere fra più opportunità relazionali e il bisogno di sicurezza, fra il desiderio di invecchiare insieme e la paura della quotidianità, della noia», riprende Coda.

«L’intolleranza alla routine viene coltivata sin da piccoli, quando i giochi vecchi vengono rimpiazzati da quelli nuovi. Solo il nuovo, insomma, stimola la meraviglia ed è degno di nota. Anche nei legami: si sta insieme finché c’è qualcosa da scoprire o da sperimentare. Ma quando subentra l’abitudine, quando pensiamo di conoscere l’altro come le nostre tasche, tiriamo i remi in barca. E ci accorgiamo che l’incantesimo d’amore era pura illusione».

Forse, è anche colpa di questa doccia fredda se oggi ci si lascia in fretta e volentieri. 


Conta soprattutto la volontà

Una lezione sul tema arriva dal film L’hotel degli amori smarriti: dopo vent’anni di matrimonio, Richard scopre che Maria lo tradisce. Lei decide di trasferirsi nell’hotel di fronte. E dalla sua camera avrà una vista privilegiata sul suo appartamento, sul marito e sul loro matrimonio. Non ci sono principi azzurri né principesse da salvare, ma sentimenti, ricordi, desideri e rimpianti che, in una storia corale, dimostrano come l’amore sia sempre questione di scelte e volontà. A partire da noi stesse: per incontrare la persona giusta dobbiamo anche imparare ad amarci.

«Altrimenti, sarà come affidare a un altro la guida della nostra vita. Siamo certe che la sua destinazione vada bene anche per noi?», conclude De Maio. «Se non riflettiamo su cosa vogliamo, sui nostri desideri e se non facciamo nulla per raggiungerli, inevitabilmente ci sentiremo frustrate, incomplete, insoddisfatte». Alla faccia delle fiabe.


La sindrome di Barbablù

C’è chi al principe azzurro preferisce Barbablù. All’inizio è affascinante, seduttivo, carismatico. Poi diventa egoista, aggressivo, sgarbato.

Chi cade nella sua rete? Spesso una donna che accetta l’inaccettabile, perché tende a svalutarsi e cerca conferme in un uomo grandioso. Questo crea una dipendenza affettiva, dove la coppia diventa un modo per dare un senso alla propria vita. Il pensiero fisso è: “Prima o poi tu cambierai e mi amerai”. Puntualmente non avviene, però.



Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 10 di Starbene in edicola dal 18 febbraio 2020


Leggi anche

Cosa fare quando finisce un amore: 6 strategie per stare meglio

Scopri che cosa fare quando in amore va tutto storto

Amore: come riconoscerlo e coltivarlo