hero image

Perché la natura è cura di corpo e psiche e attiva risorse mentali

Ogni luogo naturale produce un’influenza profonda e incisiva in ciascuno di noi. Un’esperienza dal potere catartico. Ne parliamo con Samantha Walton, studiosa di biofilia

Foto: iStock



Mare, lago, montagna, collina: siamo abituati a considerare la natura come a un prodotto uguale a tanti altri, una merce da acquistare in base ai propri gusti per avere un momento di puro piacere fine se stesso. E, poi una volta esaurita l’esperienza, tornare a quello che eravamo prima. A rovesciare questa tendenza usa-e-getta dell’universo naturale è Samantha Walton, studiosa di biofilia di Bristol, che analizza il legame tra natura e salute mentale, che nel suo ultimo libro Luoghi per guarire. Il potere curativo della natura (Ponte alle Grazie) dice ben altro: ogni luogo naturale, per le sue caratteristiche fisiche e i significati culturali a esso associati, produce un’influenza profonda e incisiva in ciascuno di noi. È una cura di psiche e corpo, basta scegliere il contesto ambientale più efficace per lo stato d’animo del momento.


Perché il contatto con la natura è essenziale?

Lo sperimentiamo tutti, e tante teorie scientifiche lo provano: nel verde si abbassa la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, gli ormoni dello stress e ci sentiamo più calmi e concentrati. In più, come dice il biologo Edward Osborne Wilson, l’amore che l’umanità prova per la natura (biofilia) è innato, frutto di millenni di evoluzione: i nostri istinti, il nostro fisico e i nostri sensi si sono perfettamente adattati a distinguere le minacce naturali e a trovare salvezza, rifugio e sostentamento negli ambienti in cui si è sviluppata la vita. Ma più ancora, la natura è il fondamento delle nostre fantasie, permea le lingue che parliamo; è la chiave della nostra soddisfazione estetica, intellettuale e persino spirituale. La nostra biofilia è amore della vita.


Qual è il suo effetto prevalente?

La natura “corregge” le tante distorsioni della vita moderna, fatta di frenesia e competitività. Mentre gli ecosistemi naturali, nella loro complessa interconnessione tra esseri vegetali e animali, ci insegnano che ciascun elemento ha una funzione precisa, utile e indispensabile per l’esistenza di quella struttura. In soldoni, osservare i meccanismi della natura rallenta la nostra corsa individuale ed espande il senso di appartenenza al resto del mondo. Così capiamo di avere un peso specifico, che annulla senso d’impotenza e frustrazione.


Non è solo, quindi, un antistress…

La natura può essere un medico per le ferite dell’anima, perché ha un potenziale catartico: infatti, è una via fondamentale per accettare la realtà, fatta anche di malinconia, dolore, difficoltà, fallimenti. Non si tratta, perciò, di immergersi in un paesaggio naturale per rifuggire i problemi, semmai per accettarli e imparare a conviverci con l’aiuto della natura stessa, che porta pace, liberazione e calma. Ci mette nelle condizioni migliori per rielaborare l’affanno quotidiano.


Come si sfrutta il potere curativo?

La natura, in ogni sua manifestazione, ci offre delle sorprese che possono trasformarsi in risorse mentali: succede osservando le foglie che si staccano dall’albero davanti a casa così come una distesa oceanica, dall’altro capo del mondo. Questo per dire che le relazioni curative con la natura sono personali ed esclusive, e rifuggono dalle classificazioni anche se ci sono degli effetti che la maggior parte di noi sperimenta in luoghi specifici. Ma non c’è un posto naturale più terapeutico dell’altro!



Fai la tua domanda ai nostri esperti


Leggi anche

Bagni di foresta, 3 mete da provare in Italia

5 buoni motivi per riconnettersi con la natura

Glamping, campeggio con stile: 6 località in Italia scelte da noi

Load More