hero image

Mani screpolate: quali rimedi?

Freddo, vento e riscaldamento possono causare pelle secca e mani screpolate. Ecco cosa fare in questi casi

Shutterstock



di Margherita Monfroni


Insieme al viso, le mani sono la parte del corpo più a contatto con l’ambiente esterno durante tutta la stagione invernale. Proprio la continua esposizione a freddo e vento, unita al riscaldamento che rende l’aria molto secca e alla frequenza con cui ci si lava le mani per scampare da influenze e raffreddori, infatti, è spesso causa di screpolature e disidratazione che rendono le mani secche e ruvide.

Ma non solo: oltre ai fattori ambientali, la capacità delle mani di sopportare freddo e aria secca è determinata dalla resistenza del film idrolipidico, ovvero della naturale barriera protettiva che ricopre tutta l’epidermide garantendone protezione e idratazione. Se il film idrolipidico è particolarmente fragile (una condizione inscritta nei geni) risulterà frequente la comparsa di sintomi tipici di una pelle sensibile, come prurito, infiammazione ed eczema, e le mani avranno maggiori probabilità di diventare molto secche in inverno.

Ecco alcuni accorgimenti da seguire in caso di mani ruvide e screpolate.


Idratazione al primo posto

Per trattare le mani secche e screpolate, è necessario innanzitutto fornire alla pelle un’adeguata quantità d’acqua.

Per fare questo, è necessario applicare cinque o sei volte al giorno un prodotto idratante e idrorepellente che contribuisca a creare una barriera in grado di proteggere la pelle dalla aggressioni esterne e nel contempo di trattenere l’acqua all’interno dell’epidermide, mantenendola così morbida e idratata.

Per ottenere un risultato davvero soddisfacente, è consigliabile iniziare ad utilizzare la crema come strumento preventivo, ovvero prima che le mani comincino a screpolarsi.  


Crema mani: quali ingredienti?

Le creme per le mani disponibili in commercio sono davvero numerose e orientarsi tra le diverse opzioni può risultare davvero difficile.

In linea di massima, in caso di mani screpolate è consigliabile scegliere un prodotto contenente ingredienti dall’azione emolliente e umettante: le sostanze emollienti come olio di jojoba, lanolina, palmitato di isopropile, glicole propilenico, squalene e Glyceryl Stearate, infatti, aiutano a mantenere la pelle morbida, liscia ed elastica, mentre gli umettanti come glicerina, acido ialuronico, sorbitolo, glicerolo propilenico, urea e acido lattico trattengono l’umidità sulla superficie cutanea, aumentando il contenuto di acqua dell’epidermide.

In presenza di screpolature profonde e sanguinanti, invece, è consigliabile un prodotto dall’azione intensiva, come per esempio la vaselina: basta applicare un sottile strato di crema sulle mani asciutte e pulite prima di andare a dormire, indossare un paio di guanti o calze in cotone e lasciar agire il prodotto per tutta la notte.

In alternativa, si può ricorrere a creme dalla formulazione densa e ricca, contenenti ingredienti quali dimeticone, burro di cacao o di karité e cera d'api.


Altri accorgimenti utili

Per quanto riguarda il modo in cui lavarsi le mani in caso di pelle secca e screpolata, è consigliabile utilizzare un sapone delicato, utilizzare acqua tiepida, tamponare accuratamente le mani ed applicare subito dopo una crema idratante.

Oltre ad utilizzare sempre i guanti per uscire all’aperto, infine, può essere utile ricorrere all’impiego di un umidificatore, un valido alleato per mantenere un corretto livello di umidità tra le mura domestiche e quindi per contrastare secchezza e irritazione di mani, labbra, pelle, naso e gola.

Leggi anche

Inverno e pelle del corpo molto secca: cause e rimedi

Mani: le strategie per curarle

Gli alimenti per idratare la pelle