hero image

Antiage: perché il pesce azzurro ti aiuta a combattere le rughe

È un vero elisir di giovinezza, e non solo per la pelle: le ultime ricerche dimostrano che è perfino in grado di rallentare l’invecchiamento dei neuroni

iStock




Sano, gustoso e alleato nella lotta contro il tempo che passa: il pesce azzurro, come lo sgombro, le alici e le sarde, deve questa sua proprietà alla ricchezza di acidi grassi polinsaturi Omega 3, vitamina E e minerali, come spiega Sonia Bolognesi, biologa nutrizionista a Porto Sant’Elpidio (Fermo) e Osimo (Ancona).


UN MIX UNICO DI SOSTANZE ANTIAGE

«Gli Omega 3 sono dotati di una spiccata attività antinfiammatoria: infatti nell’organismo regolano la produzione di citochine pro-infiammatorie, sostanze che, se presenti in eccesso, possono attivare processi cronicodegenerativi», afferma la nutrizionista.

Gli studi più aggiornati, tra cui un’autorevole ricerca americana della University of California e dell’Ohio State University College, ipotizzano che siano perfino in grado di frenare l’accorciamento dei telomeri (ovvero la parte terminale dei cromosomi), causa dell’invecchiamento cellulare.

«La loro efficacia si manifesta sia a livello di organi importantissimi, come il cuore, sia dei tessuti, epidermide compresa, sulla quale agisce in sinergia con la vitamina E, svolgendo una potente azione antiossidante. Non basta, perché il pesce azzurro contiene anche calcio, fosforo e vitamina D, quindi preserva la salute delle ossa e dei denti e previene l’invecchiamento dei neuroni, tanto da essere in grado di difendere il cervello dal declino cognitivo e da alcune serie patologie degenerative quali l’Alzheimer, come dimostrato da una ricerca dell’Istituto di neurologia del Policlinico Agostino Gemelli e dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma», conclude la dottoressa Bolognesi.


ALICI “ARREGANATE”

Ricetta della foodblogger Simonetta Savino (lacuocagalante.com)

Ingredienti per 4 persone

1 kg di alici fresche, 150 g di pane raffermo grattugiato, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 spicchio d’aglio, 1 limone bio, origano, sale e pepe nero q.b.

Pulisci le alici: elimina la testa, togli le interiora e la lisca centrale e aprile a libro, poi sciacquale bene e asciugale. Accendi il forno a 180 °C. Trita l’aglio, uniscilo al pane grattugiato, incorpora l’origano, la buccia grattugiata del limone e una macinata di pepe e metti da parte. Sistema le alici in una teglia da forno unta d’olio con il dorso rivolto verso il basso: fai un primo strato, ricopri con il pane grattugiato e aggiungi un altro strato di alici, procedendo così fino a esaurire gli ingredienti e terminando con altro pane grattugiato. Completa irrorando con il succo del limone e un filo di olio extra vergine di oliva. Inforna e cuoci per circa 15 minuti. Sforna, fai riposare pochi minuti e servi accompagnando il piatto con insalata fresca.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 42 di Starbene in edicola dal 2/10/2018

Leggi anche

Posso mangiare la frittura di pesce anche se sono a dieta?

Come faccio a capire se il pesce è davvero fresco?

Pesce spada: perché previene l'invecchiamento

I 5 cibi più ricchi di Omega 3 (pesce escluso)

Dieta: le virtù del pesce fresco