A A

Bambini e carie: con il laser il dentista non fa più paura

L’anestesia e il trapano rendono un incubo sedersi sulla poltrona odontoiatrica. Ma una nuova tecnologia permette di evitarli. Scopri di che si tratta



0

Fa più paura l’anestesia o il trapano del dentista? Un bel match. Entrambi spaventano molto, al punto che sedersi sulla poltrona odontoiatrica è un vero e proprio incubo per bimbi, mamme e dottori. Un problema che oggi può essere bypassato dall’avvento della tecnologia laser, che consente di sostituire senza il minimo fastidio le procedure terapeutiche tradizionali. Si tratta, in pratica, di una tecnica minimamente invasiva, utile a curare le carie dei bambini (ma anche quelle di mamma e papà) e a eseguire otturazioni rinunciando sia all’anestesia locale sia al rumoroso e vibrante trapano a turbina.

Nessun contatto diretto con il dente cariato, nessuna “puntura” anestetica e niente vibrazioni del trapano o di altri strumenti meccanici. Solo impulsi luminosi, che agiscono alla distanza di 2-3 millimetri dal dente, in grado di rimuovere il tessuto cariato in maniera altamente selettiva, senza intaccare i tessuti sani circostanti.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

LASER, ADATTO ALL'80% DELLE CARIE

«Come riportato da un recente studio condotto dall’Aiola (Accademia Internazionale Odontostomatologia Laser Assistita), nell’80% dei casi è possibile curare le carie infantili senza far ricorso all’anestesia», premette il dottor Giuseppe Maccheroni, odontoiatra a Milano e Seregno e uno dei primi in Italia ad aver adottato il laser alla fine degli anni ’90. «Ultraselettivo e delicato, il laser ad erbium (Erbium-Yag) agisce solo sullo smalto e sulla dentina ed è quindi indicato per la stragrande maggioranza delle carie, sia dei denti decidui (quelli “da latte”) sia di quelli permanenti. Solo nel 20% dei casi ci troviamo di fronte a carie profonde, che interessano la camera pulpare e il nervo, per le quali è necessario ricorrere alla tradizionale puntura anestetica».

COSÌ SI RIDUCONO I TEMPI

«In maniera quasi impercettibile, senza nemmeno avvertire il calore, la fibra ottica del laser emette microimpulsi luminosi che vaporizzano all’istante il tessuto cariato cellula per cellula. Un’operazione che non procura alcun fastidio e che richiede pochi minuti in tutto», spiega il dottor Maccheroni. «Inclusa l’otturazione, i tempi si riducono di un terzo, passando da 25-30 minuti delle procedure standard a 5 o 10 minuti di quelle laser-assistite. Fatto che evita di spazientire il bambino e facilita enormemente il lavoro del dentista».
Nel caso, poi, di carie che interessano gli incisivi, i tempi si riducono ulteriormente, perché lo smalto è più malleabile e sensibile agli spot “vaporizzanti” del laser ad erbium.

CON GLI OCCHIALINI COME I SUPEREROI

Il ricorso alle moderne tecnologie laser ha un impatto psicologico positivo sul bambino. Facendogli indossare gli speciali occhialini di protezione si può giocare sul fatto che si trasforma in Iron Man, il mitico supereroe che emette radiazioni-killer dagli occhi.
«Il laser, inoltre, ha un effetto emostatico e cicatrizzante: azzera il rischio di sanguinamenti ed evita al bambino di assumere antibiotici, antidolorifici e antinfiammatori nel post-trattamento», prosegue il dottor Maccheroni. «Grazie al suo effetto antibatterico e antivirale, può essere presentato come un’arma potente che non solo vaporizza il nemico (la carie) in pochi secondi ma svolge un’efficace azione decontaminante nei confronti degli agenti che formano la placca batterica. Tant’è che viene usato anche per curare l’iperplasia gengivale (gengive gonfie e sanguinanti) nei bambini poco avvezzi a dentifricio e spazzolino».

IL COSTO DEL LASER

Il costo delle otturazioni hi-tech? Sovrapponibili a quelle tradizionali: da 100 a 120 euro, col vantaggio che accorciandosi di molto i tempi è possibile trattare anche 3-4 carie per volta. Senza far strillare i piccoli pazienti.

Leggi anche

Dentista low cost: conviene davvero?

Sbiancare i denti con i metodi naturali

Denti: come avere un sorriso da star

Pubblica un commento