A A

Cambio di stagione: i cibi ok

Ricchi di vitamine, minerali e fibre aiutano corpo e mente a superare i piccoli malesseri di primavera



0

di Angela Altomare

BANANA - PER CONTRASTARE LA SPOSSATEZZA


Questo frutto di origini tropicali è una riserva di magnesio e potassio, due sali minerali utili per tenere lontano il senso di stanchezza tipico del passaggio dall’inverno alla primavera. «Il potassio, in particolare, assicura un buon funzionamento dei muscoli e del sistema nervoso. E aiuta a riequilibrare
la pressione», spiega la dottoressa Paola Salgarelli, biologa specializzata in scienza dell’alimentazione. 


Questo frutto, inoltre, ha un elevato contenuto vitaminico. In particolare, «è ricco di B1, B2 e PP, tutte sostanze coinvolte nel metabolismo di zuccheri, grassi e proteine. Ha poi straordinarie proprietà energetiche dovute anche alla presenza di saccarosio, fruttosio e glucosio, che possono essere usati dall’organismo come “benzina” prontamente disponibile», aggiunge
la nutrizionista. 


Gustala così: è lo spuntino ideale da portare in ufficio per contrastare i cali di concentrazione dovuti alla stanchezza. Dopo lo sport, invece, ti aiuta a reintegrare i minerali persi con il sudore. 


Prova anche: le albicocche disidratate. Pratiche e disponibili tutto l’anno, sono ricchissime di potassio.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

PORRO PER DISINTOSSICARTI


Apprezzato già dagli antichi per le sue proprietà “terapeutiche”, questo ortaggio dal sapore simile alla cipolla è un alleato della salute e della dieta. Tutto merito della sua elevata concentrazione di acqua (poco meno del 90%), del suo contenuto di fibre (preziose per ripulire l’intestino) e del suo basso apporto energetico (29 calorie ogni 100 g). Non solo.


Il porro ha anche una spiccata azione depurativa, che lo rende un ottimo alimento per eliminare le scorie accumulate dall’organismo con i menu invernali, più ricchi di grassi e zuccheri. Il suo effetto detox è determinato dallo zolfo di cui è ricco. «Le sostanze sulfuree, infatti, rendono più solubili le tossine, aiutando il fegato a eliminarle senza difficoltà», spiega la nutrizionista.


Gustalo così: crudo, in insalata, o cotto, in zuppe e passati. Puoi anche usarlo per il soffritto al posto della cipolla. 


Prova anche: il cavolfiore. Velocizza tutte le funzioni dell’organismo, comprese quelle detox.

AVENA - PER COMBATTERE L’IRRITABILITÀ


Questo cereale è conosciuto e apprezzato soprattutto per le sue fibre solubili, che lo rendono un alimento dal notevole potere saziante: rilascia lentamente gli zuccheri nel sangue fornendo energia di lunga durata. Per questa proprietà (tienila presente se devi perdere peso!) è ottimo per affrontare i periodi più intensi dal punto di vista psicofisico, come, appunto, il cambio di stagione. Quello che forse non sai, però, è che l’avena è anche un cibo altamente rilassante. Il merito è della presenza di vitexina, una sostanza utile per combattere lo stress. 


Gustala così: per combattere nervosismo e irritabilità inizia la giornata con una zuppa nutriente, energizzante e antiansia a base di fiocchi d’avena, latte, miele, frutta fresca di stagione e secca a guscio.


Prova anche: la segale. Come l’avena è un cereale a basso indice glicemico, quindi in grado di assicurare un senso di sazietà a lungo termine.

SGOMBRO PER MIGLIORARE L’UMORE


È una miniera di Omega 3, acidi grassi essenziali preziosi per l’organismo. Fanno bene al cuore, in quanto riducono il deposito di colesterolo “cattivo” nel sangue, ma sono utili anche per il cervello e il tono dell’umore. «Si accumulano in prossimità delle sinapsi (il punto di contatto tra due cellule nervose) e contribuiscono a una maggiore produzione e rilascio di serotonina, il nostro “ormone del buonumore” », spiega la nutrizionista.


Gustalo così: per assicurarti il massimo contenuto di acidi grassi essenziali, acquista quello fresco. Fai anche attenzione a come lo cucini. Per preservare tutte le virtù nutritive e gustarne al meglio morbidezza e sapore cuocilo al cartoccio.


Prova anche: le aringhe. Come tutto il pesce azzurro, hanno un buon contenuto di acidi grassi essenziali. Se non ami i prodotti del mare, sono ottime fonti di acido alfalinolenico (un tipo di Omega 3) anche la frutta secca a guscio (in particolare le noci) e i semi di chia.

MIELE PER POTENZIARE LE DIFESE


Quello di timo cura il raffredddore, quello di eucalipto calma la tosse, quello di castagno è ricostituente. «Ma tutti i tipi di miele, alcuni di più, altri di meno, sono super alleati del sistema immunitario, soprattutto durante il cambio di stagione, quando gli sbalzi di temperatura e il tempo instabile possono favorire le infiammazioni delle vie respiratorie», afferma la specialista in scienza dell’alimentazione.


Il cosiddetto “nettare degli dei” è ricco di sostanze dall’azione mucolitica ed espettorante. I monosaccaridi, cioè gli zuccheri che contiene, favoriscono la produzione di secrezioni più fluide, mentre altri principi, come le inibine, hanno un effetto antibiotico-simile


Gustalo così: l’ideale è consumarne un cucchiaino la mattina a colazione. Per potenziarne i benefici contro la tosse aggiungilo a un infuso a base di salvia, che ha un potere balsamico. 


Prova anche: lo sciroppo d’acero. Ha le stesse proprietà emollienti del miele e in più sembra essere d’aiuto per perdere peso.

Articolo pubblicato sul n.14 di Starbene in edicola dal 22/03/2016

Il menu light antistanchezza

È primavera: prova la dieta dell'orto

6 super alimenti che allungano la vita

Cura le tue carenze con i cibi ok

8 alberi per salutare la primavera

Pubblica un commento