LISINOPRIL ID MY 14CPR 20+12,5 - Interazioni

LISINOPRIL ID MY 14CPR 20+12,5 Controindicazioni Posologia Avvertenze e precauzioni Interazioni Effetti indesiderati Gravidanza e allattamento Conservazione

Duplice blocco del sistema renina–angiotensina–aldosterone (RAAS) Dati clinici hanno dimostrato che il duplice blocco del sistema renina–angiotensina–aldosterone (RAAS), attraverso l’uso combinato di ACE inibitori, inibitori dei recettori dell’angiotensina,, o aliskiren, è associato ad un aumentato rischio di reazioni avverse come ipotensione, iperkaliemia e riduzione della funzionalità renale (compresa insufficienza renale acuta) rispetto alla monoterapia (vedere paragrafi 4.3, 4.4 e 5.1). Litio Durante la somministrazione concomitante di litio e ACE–inibitori sono stati segnalati aumenti reversibili delle concentrazioni sieriche di litio e tossicità. Gli agenti diuretici e gli ACE–inibitori riducono la clearance renale del litio e creano un alto rischio di tossicità da litio. Pertanto l’impiego di lisinopril/idroclorotiazide in associazione con il litio non è raccomandato, ma, se l’associazione è necessaria, si deve eseguire un accurato monitoraggio dei livelli sierici di litio (vedere il paragrafo 4.4). Integratori di potassio, diuretici risparmiatori di potassio o sostituti del sale contenenti potassio. L’effetto di perdita del potassio dei diuretici tiazidici viene di solito attenuato dall’effetto risparmiatore di potassio del lisinopril. L’uso di integratori di potassio, agenti diuretici risparmiatori di potassio o sostituti del sale contenenti potassio, in particolare in pazienti con compromissione della funzione renale o diabete mellito, può portare a notevole incremento dei livelli di potassio nel siero. Se è richiesto l’uso concomitante di lisinopril/idroclorotiazide o di uno qualsiasi di questi agenti, questi devono essere usati con cautela e con un frequente monitoraggio del potassio sierico (vedere paragrafo 4.4). Farmaci che inducono torsioni di punta A causa del rischio di ipokaliemia, è opportuno usare cautela nella somministrazione di idroclorotiazide in concomitanza con farmaci che inducono torsioni di punta, per esempio alcuni antiaritmici, alcuni antipsicotici ed altri farmaci che notoriamente inducono torsioni di punta. Antidepressivi triciclici/Antipsicotici/Anestetici L’impiego concomitante di alcuni anestetici, antidepressivi triciclici e antipsicotici con gli ACE–inibitori può determinare un’ulteriore riduzione della pressione sanguigna (vedere paragrafo 4.4). Farmaci antiinfiammatori non steroidei(FANS) incluso l’acido acetilsalicilico La somministrazione cronica di FANS (inclusi gli inibitori selettivi della COX–2, acido acetil salicilico >3g/giorno e FANS non selettivi) può ridurre l’effetto antiipertensivo e diuretico di un ACE–inibitore e di un diuretico tiazidico. I FANS e gli ACE–inibitori possono esercitare un ulteriore effetto sull’aumento del potassio nel siero, determinando un peggioramento della funzione renale. Tali effetti sono di solito reversibili. Raramente può verificarsi un’insufficienza renale acuta, specialmente in pazienti con compromissione della funzione renale come gli anziani o i soggetti disidratati. Oro Reazioni nitritoidi (sintomi di vasodilatazione, inclusi vampate, nausea, capogiro ed ipotensione, che possono essere molto gravi) a seguito di iniezione di oro (per esempio oro–tiomalato di sodio) sono state segnalate più frequentemente in pazienti in terapia con ACE–inibitori. Simpaticomimetici I simpaticomimetici possono ridurre gli effetti antiipertensivi degli ACE–inibitori. Altri medicinali antiipertensivi L’impiego concomitante di questi medicinali può aumentare gli effetti ipotensivi di lisinopril/ idroclotiazide. L’impiego concomitante di nitroglicerina e altri nitrati o altri vasodilatatori può ulteriormente ridurre la pressione sanguigna. Antidiabetici Studi epidemiologici hanno suggerito che la somministrazione concomitante di ACE–inibitori e di antidiabetici (insuline, agenti ipoglicemizzanti orali) possa aumentare l’effetto ipoglicemizzante con conseguente rischio di ipoglicemia. Questo effetto si verifica con maggiore probabilità nelle prime settimane di terapia combinata e nei pazienti con compromissione renale. Amfotericina B (parenterale), carbenoxolone, corticosteroidi, corticotropina (ACTH) o lassativi stimolanti L’idroclorotiazide può causare intensi squilibri elettrolitici, in particolare ipokaliemia. Sali di calcio Un aumento della calcemia conseguentemente a escrezione ridotta si può verificare in seguito a somministrazione concomitante con diuretici tiazidici. Glicosidi cardiaci Aumento del rischio di tossicità da digitale accompagnata da ipokaliemia indotta da tiazide. Colestiramina e colestipolo Possono ridurre o rallentare l’assorbimento dell’idroclorotiazide. Pertanto, i diuretici sulfonamidici devono essere assunti almeno 1 ora prima, o 4–6 ore dopo l’assunzione di questi farmaci. Miorilassanti non–depolarizzanti (per esempio, tubocurarina cloruro) L’effetto di questi farmaci può essere intensificato dall’idroclorotiazide. Trimetoprim La somministrazione concomitante di ACE–inibitori e tiazidi con il trimetoprim aumenta il rischio di iperkaliemia. Sotalolo L’ipokaliemia indotta da tiazide può aumentare il rischio di aritmie indotte dal sotalolo. Allopurinolo La somministrazione concomitante di ACE–inibitori e allopurinolo aumenta il rischio di danno renale e può condurre a un aumento del rischio di leucopenia. Ciclosporina L’uso concomitante di ACE–inibitori e ciclosporina aumenta il rischio di danno renale e iperkaliemia. Lovastatina L’uso concomitante di ACE–inibitori e della lovastatina aumenta il rischio di iperkaliemia. Farmaci citostatici, immunosoppressori, procainamide La somministrazione concomitante di ACE–inibitori può aumentare il rischio di leucopenia (vedere paragrafo 4.4). Altre terapie concomitanti Il trattamento concomitante con attivatori tessutali del plasminogeno può aumentare il rischio di angioedema. Alcool Quando usata con alcool, l’associazione lisinopril/idroclorotiazide può avere un effetto da lieve a moderato su capacità di guidare e usare macchinari (vedere paragrafo 4.7).

Farmaci

EPIFARMA Srl

CLORISIP 14CPR 20MG+12,5MG

PRINCIPIO ATTIVO: LISINOPRIL DIIDRATO-IDROCLOROTIAZIDE

PREZZO INDICATIVO: 2,80 €

S.F.GROUP Srl

DILIS 14CPR 20MG+12,5MG

PRINCIPIO ATTIVO: LISINOPRIL DIIDRATO-IDROCLOROTIAZIDE

PREZZO INDICATIVO: 2,80 €

S.F.GROUP Srl

ENSOR 14CPR 20MG+12,5MG

PRINCIPIO ATTIVO: LISINOPRIL DIIDRATO-IDROCLOROTIAZIDE

PREZZO INDICATIVO: 4,00 €