Sospensione da tegretol

Buongiorno, ecco il quesito. Mio nonno è stato ricoverato in seguito a delle patologie cardiache. Arrivato in ospedale in condizioni critiche, o presi da queste urgenze e quindi per dimenticanza o forse volontariamente, sebbene sia stato fatto presente che il paziente assumesse tegretol da decenni, non gli è stato più somministrato il farmaco sospendendo di fatto il trattamento bruscamente dopo molto tempo. Ieri, dopo una settimana circa di ricovero, mio nonno ha presentato agitazione e irascibilità nei confronti degli infermieri e confusione mentale tanto da dover essere sedato. Ancora oggi al risveglio presenta confusione alternando momenti di non lucidità. Volevo chiedere se questi sintomi sono riconducibili totalmente alla brusca interruzione da tegretol o se bisogna temere altro dal punto di vista mentale. Grazie della disponibilità.

La risposta

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Cara lettrice/lettore, l’effetto della sospensione della carbamazepina dipende anche da dosaggio iniziale che non è specificato. I sintomi che descrive in suo nonno potrebbero essere legati a cause differenti dalla sospensione della carbamazepina per cui, qualora i sintomi persistano nel tempo, è consigliabile una valutazione più globale da un geriatra o un neurologo. Cordiali saluti

Domande correlate

Interruzione gocce dropaxin

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

la sospensione della paroxetina deve essere decisa e guidata dallo psichiatra che saprà darle in consiglio più giusto nel suo caso personale. In generale dopo che ha ripreso una cura con...

Vedi tutta la risposta

Disturbo ossessivo compulsivo

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro Lettore il neuropsichiatra infantile segue le persone fino a i 18 anni, lo psichiatra generalmente in età adulta. La scelta di seguire un paziente in età adulta dipende sia dalla struttura...

Vedi tutta la risposta

Palpitazioni

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro lettore, è possibile che la sua reazione cardiologica sia legata a una vulnerabilità al disturbo di panico. Chieda il parere di uno psichiatra esperto in ansia. Cordiali saluti

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio