Solitudine

gentile dottore sono in una situazione che sta diventando pesante a causa degli altri. Ho 55 anni, due figli, un matrimonio finito ed una storia segreta con un uomo impegnato che però mi basta così com'è. Tengo volontariamente amici e amiche a distanza e sono spesso sola ma sto bene e sono serena. Purtroppo questo è incomprensibile a tutti e a volte sento di far pena e mi viene rabbia. Ho passato gli ultimi venticinque anni in overdose di persone nella vita a vario titolo ed ora vivo l'essere sola come un privilegio. Come posso far capire che sto bene così? Mi da fastidio che mi compatiscano per un problema che io non sento.

La risposta

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Vedo che Lei usa benissimo il significato delle parole, che forse altri non comprendono. Faccia capire che un conto è l’isolamento, che dipende da fattori esterni o da problemi personali, e un altro è la solitudine, che è una esigenza che forse Lei sente come indispensabile, oggi. Per il domani nessuno può saperlo, potrà continuare ad essere felice così, oppure avrà il desiderio di cambiare: ma se ci fosse questa seconda opzione, sono certo che sarebbe benissimo in grado di cambiare le Sue abitudini. Grazie e Buone Feste.

Domande correlate

Consigli sull’ansia da prestazione?

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

I rapporti occasionali non sono la stessa cosa di una relazione continuativa. Occasionalmente una eventuale defaillance non origina troppi problemi, ma in una relazione si. Occorre indagare se si...

Vedi tutta la risposta

Il segreto

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Con un professionista che ha il compito di aiutarti, la sincerità è la prima cosa.

Vedi tutta la risposta

Orientamento sessuale?

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Occorre chiarire questo elemento fondamentale: uno psicologo esperto potrebbe essere la soluzione migliore, per avere una guida competente e sicura.

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio