Prendere l'aereo per un volo di 2 ore dopo trombosi venosi profonda in poplitea

Buongiorno, mi scuso in anticipo per il lungo post che Le sto per scrivere. 2 anni fa ho avuto un episodio di trombosi venosa profonda in poplitea con successiva cura con iniezioni di fondaparinux sodico (Arixtra) e dal giorno dell'episodio utilizzo tutti i giorni le calze a compressione graduata riposanti di fascia media in quanto faccio un lavoro da scrivania per 8 ore al giorno. Dovrei prendere l'aereo per un viaggio di 2 ore, posso stare tranquilla o meglio che mi faccia prescrivere l'aspirina in modo da iniziarla qualche giorno prima del volo e smetterla successivamente al volo di ritorno? Naturalmente indosserò le mie solite calze a compressione graduata di fascia media e cercherò di fare almeno dei movimenti con le caviglie così da mantenere in movimento le gambe. Dovrò avere altri accorgimenti? Assumo la pillola anticoncezionale solo progestica con desogestrel (Azalia) pensa che possa rappresentare un "pericolo per il volo"? Ho fatto le analisi del sangue per la trombofia che mi hanno dato riscontro negativo per la trombofilia ( mutazione fattore V assente, LAC assente, proteina C e S coagulative nella norma,resistenza alla proteina C attivata 2.9 - range tra 2.1/999.0, ho solamente la mutazione dell'omocisteina MTHFR c677t in eterozigosi). La ringrazio anticipatamente per l'aiuto che mi darà Buona giornata

La risposta

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Credo che possa affrontare il volo in piena sicurezza e con tranquillità. Le precauzioni che ha preso sono sufficienti a garantirle un viaggio in aereo sicuro e privo di rischi ed eviterei anche di assumere l’acido acetilsalicilico (aspirina).

Domande correlate

Domanda 3)

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Bene, non ci saranno problemi.

Vedi tutta la risposta

Domanda 2)

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Escludo questa possibilità.

Vedi tutta la risposta

Domanda

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

In ogni caso il rischio infettivo è scongiurato da un energico lavaggio dello spazzolino che poi, dato il suo costo, alla fine, converrà ricomprarselo. 

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio