PAUSA DI RIFLESSIONE

Buongiorno, da ieri sono in pausa di riflessione con il mio ragazzo. Siamo insieme da 9 mesi e da 2 e' in una brutta crisi. Lui dice di amarmi che sono il suo punto di riferimento ma ha paura di prendere delle decisioni riguardo alla nostra storia. Io sono sempre stata chiara e sa benissimo che io con il tempo giusto voglio una famiglia con lui. Lo ha sempre saputo perchè ne abbiamo sempre parlato ma fino a due mesi fa la cosa non lo spaventava cosi. Ora come le dicevo siamo in pausa di riflessione ma ho il terrore di perderlo, come mi devo comportare in questo periodo? e se lui torna senza aver riflettutto? gli ho chiesto se in questo periodo poteva pensare bene a quello che realmente vuole.... che devo fare? sono un po spaventata...

La risposta

avatar Altro Starbene Risponde x

il modo migliore per gestire questa situazione è dialogare. dialogare non è discutere: nella discussione c’è sempre uno che porta le sue ragioni e l’altro che deve essere d’accordo o dissentire; c’è sempre uno che ha ragione e uno che ha torto (in genere, l’altro), e uno deve assolutamente vincere o vorrà dire che ha perso.nel dialogo, non è così: nel dialogo, uno porta le sue riflessioni, e l’altro, non le nega ma cerca di comprendere il suo punto di vista. nel dialogo , non si parla insieme, si parla uno per volta, e l’altro riflette prima di dare una risposta.nel dialogo ognuno accetta il punto di vista dell’altro e insieme si cerca di trovare un accordo, un punto di partenza che soddisfi entrambi.in questo caso, bisogna prima di tutto sapere le ragioni dei propri bisogni: per te, perché è importante fare una famiglia? sai dire le tue ragioni?per lui, perchè non è importante fare una famiglia?non la vuole adesso o non la vorrà mai?se la vuole ma non ora, quali sono le sue ragioni? le puoi comprendere? sono accettabili? se non lo sono, quali sono le  tue ragioni? e lui cosa ne pensa?se lui non vuole avere una famiglia, tu puoi cercare di convincerlo, ma prima o poi dovrai prendere una decisione: stare con una persona che non vuole una famiglia, o lasciarlo e aprirsi ad un’altra relazione che lo renda possibile?a volte non si hanno le forze per decidere da soli e in questo caso può essere utile, se siete d’accordo, parlarne con qualcuno, con una persona capace di farvi parlare tra voi e che vi accompagni a capire cosa fare.buona vitaAlessandro  

Domande correlate

Sovradosaggio contramal

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Credo che i medici l’abbiano rassicurata sul fatto che si tratta di fenomeni momentanei, destinati a scomparire in un tempo ragionevole. Se però la situazione dovesse persistere, chieda...

Vedi tutta la risposta

Daparox e fertilità

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

I medici dicono sicuramente la verità. Però direi che due mesi senza che sia iniziata una gravidanza mi pare un lasso di tempo nel quale la maggior parte delle persone non riescono ad avviare il...

Vedi tutta la risposta

Orfana

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

I legami con la propria famiglia di origine spesso stentano a modificarsi, nonostante una nuova vita familiare. Ma non si tratta di far capire a Suo marito la differenza tra chi i genitori li ha e...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio