Mancanza di rapporti intimi

Buongiorno, mi chiamo Lorena e ho 43 anni. Sono sposata da due anni ma conosco il mio attuale marito da 8, abbiamo una bimba di 5 anni. Mio marito e' una persona poco affettiva (anche nei confronti di mia figlia), questa cosa mi ha allontanata sempre di piu' da lui, che dorme in un'altra camera tra l'altro, ma il problema e' che non abbiamo piu' rapporti sessuali. Non che prima andasse benissimo, diciamo una volta ogni due tre mesi, ora una volta l'anno e nemmeno riesco perche' credo che lui abbia un problema di erezione. ormai mi sembra di vivere con un fratello; sono arrivata a pensare anche che sia gay. Secondo lei c'e' possibilita' di salvare qualcosa? Sono davvero stanca di questa situazione, a 43 anni mi sembra di aver buttato via degli anni con una persona che ha problemi e non vuole curarsi. Cosa devo fare? Grazie e buona giornata

La risposta

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Per salvare qualcosa bisognerebbe essere in due. E a quanto pare il problema è solo Suo. Non penso c’entri l’arrivo della bambina, perchè anche prima i rapporti sessuali erano scarsi. Non posso sapere se è gay o se è solo affetto da basso desiderio sessuale (desiderio sessuale ipoattivo). Se poi manca anche la tendenza a gesti affettivi, la questione si complica. Non resta che parlargliene, sperando che colga l’occasione per dire quello che gli succede.

Domande correlate

Eiaculazione precoce

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Posso immaginare che alla base del problema ci sia una evidente ansia, magari non solo legata alla prestazione ma che investe tutto la tua quotidianità. Senza porti subito l’obiettivo della...

Vedi tutta la risposta

Si può rimanere incinta senza eiaculazione interna?

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Da quello che leggo mi pare che non vi sia alcun segnale di gravidanza: piuttosto direi che varrebbe la pena, se il problema persiste, di contattare un ginecologo.

Vedi tutta la risposta

Pqura contagio hiv o epatite

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Non credo che la circostanza rappresenti un pericolo reale. Nel caso persistano però i Suoi dubbi, si rivolga al Suo ginecologo che provvederà, se riterrà il caso, a fare gli accertamenti...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio