La diagnosi di fibromialgia può essere corretta ?

Un cordiale saluto a tutto lo staff medico. Gentilmente ho bisogno di un vostro consulto in relazione ad un problema di salute che vado a descrivere nella speranza di ottenere dei chiarimenti. Sono un uomo di 49 anni che una mattina di circa 4 anni fa si è alzato dal letto con uno strano dolore localizzato alla base della colonna vertebrale che non aveva mai avuto prima. Inizialmente non ho dato molta importanza a quel dolore attribuendolo a degli sforzi fisici prolungati che avevo compiuto durante i giorni precedenti per effettuare delle pulizie in casa. Purtroppo però, nei giorni e nei mesi seguenti, quel dolore non è mai scomparso del tutto ed a quello si è aggiunto anche un dolore lombare, un dolore in corrispondenza dei muscoli paravertebrali della colonna con la sensazione di avere delle punture di spilli, un dolore dorsale esattamente sotto le scapole, un dolore al collo accompagnato raramente da scatti e lievi vertigini ed occasionalmente crampi notturni sotto i piedi e qualche volta un dolore ai polsi che poi scompare dopo un giorno. In particolare tutta questa sintomatologia è presente quando compio anche dei banali sforzi fisici ed in particolare durante il semplice cammino dove sistematicamente comincio ad avvertire un dolore costante sotto le scapole il quale poi si estende fino ad arrivare alla base della colonna vertebrale. A qual punto ho difficoltà nel continuare a mantenere la posizione eretta e ho la necessità di sedermi per riposare per far regredire il dolore. Inoltre ho un riposo notturno piuttosto leggero, incostante e non ristoratore riuscendo a riposare al massimo 5 ore per notte e la mattina al risveglio avverto una strana stanchezza che poi si ripercuote durante tutto il giorno con una costante astenia e mancanza di volontà. Avverto anche un senso di stordimento continuo e negli ultimi anni ho sofferto anche di disturbi intestinali che secondo i gastroenterologi sono riconducibili ad una sindrome del colon irritabile di presunta origine psicosomatica. Attualmente la tendenza è quella di una certa regolarità intestinale tendente alla stipsi con occasionali episodi di colite. Mi sono quindi rivolto ad un medico fisiatra il quale mi ha diagnosticato delle contratture nei punti sopra descritti prescrivendomi dei cicli di fisioterapia senza ottenere alcun miglioramento a lungo termine. Mi sono rivolto a ben due medici ortopedici i quali anche loro hanno confermato la esclusiva presenza di contratture che andrebbero trattate con la fisioterapia che non ho ripetuto visti gli scarsi risultati ottenuti in precedenza. Infine mi sono rivolto ad un medico specialista reumatologo il quale, sulla base di tutta la sintomatologia sopra descritta, dopo aver testato tutta una serie di movimenti e dopo aver tastato sui "tender points" nella sola posizione supina senza che io avvertissi alcun dolore in quei punti, mi ha diagnosticato una fibromialgia prescrivendomi una compressa al giorno da 10 mg di "Flexiban" per 4 mesi non ritenendo opportuno effettuare altri approfondimenti diagnostici (analisi del sangue specifiche) al fine di escludere altre patologie reumatiche. A questo punto vorrei sapere se, sulla base di tutta la sintomatologia sopra descritta, la diagnosi di fibromialgia può essere coerente, plausibile e corretta. Mi scuso per essermi dilungato nella esposizione ma era necessaria per inquadrare esattamente la situazione ed il malessere invalidante che vivo ormai da troppi anni a causa di una patologia cronica che se confermata dalla vostra esperienza clinica, mi porterebbe ad una convivenza molto difficile da accettare. Ringrazio di cuore tutti quelli che mi aiuteranno a capire.

La risposta

avatar Ortopedia/Fisiatria Dott. Luca Bertini

Anche se si è molto dilungato nelle spiegazioni ( ed anche bene ) la diagnosi non si può fare per mail, ci vuole l’anamnesi del paziente, la visione di tutti gli esami ematochimici, la visione diretta delle immagini… e tanta esperienza, nello specifico di un reumatologo più che di un ortopedico.Dare un parere anche per mail implica per un medico anche un lato legale, e senza una visita è proprio impossibile e soprattutto poco corretto per quanto mi riguarda.Mi spiace non aiutarla ma meglio che si faccia vedere magari da un’altro reumatologo con tutta la cartella degli esami.Un saluto

Domande correlate

Prescrizione Tac

avatar Ortopedia/Fisiatria Dott. Luca Bertini

Provi a chiedere al suo distretto asl, ci sono regole molto speciali da regione a regione.Personalmente a me non è mai capitata una situazione del genere , ma io lavoro nel privato.Mi spiace non...

Vedi tutta la risposta

Prolia

avatar Ortopedia/Fisiatria Dott. Luca Bertini

A questa domanda è bene che risponda chi ha prescritto il farmaco, medico che ti conosce e valuta i pro ed i contro. Al limite puoi chiedere una second opinion ad un’altro medico magari...

Vedi tutta la risposta

La terapia con enantone e bicalutamide puo' deteriorare la cartilagine dell'articolazione ...

avatar Ortopedia/Fisiatria Dott. Luca Bertini

La risposta te la deve dare chi avrà il piacere di averla in cura, conoscendo bene fino in fondo lo stato fisico, e con esami ed immagini radiologiche in mano, magari facendo un summit con...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio