Flusso urinario debole

Buonasera dott.Galli , vorrei chiederle un consulto se possibile. Ci sentimmo qualche mese fa ma le rispiego brevemente la situazione per darle un quadro completo. Da settembre 2020, dopo aver sofferto per una buona parte di luglio e agosto di emorroidi abbastanza dolorose curate con pomate locali e farmaci venoprotettori, ho incominciato a soffrire di un rallentamento del flusso urinario. Premetto che tale fenomeno capitò, simile, nel 2019 nello stesso periodo con diagnosi di prostatite (seppur con spermiocultura negativa) curata con for prost flogo in modo efficace. Ho esuguito dunque spermiocultura e esami delle urine, negativi entrambe (urine con rare emazie e numerosi filamenti di muco considerati trascurabili). Mi è stata ridata una cura di for prost flogo, ma non ha risolto nulla. Dopo aver avuto il covid tra ottobre e novembre, e dopo il Natale, sono passato da un nuovo urologo il quale facendomi anche un ecotrus, scrive in referto: "ghiandola ecograficamente omogenea, capsula integra, margini regolari, volume di soli 20 cc. In via collaterale evidenzia di dilatazione del plesso venoso periprostatico come da varicocele pelvico". Eseguo anche uruflussometria: Flusso medio 5,3 ml/s Flusso al picco 14, 7 ml/s Tempo al picco 8,1 sec Volume votato 217,2 ml Tempo di svuotamento 40 sec. Conclude dunque che le vene gonfie sono la causa della pressione che rallenta il flusso e mi prescrive una cura di Venolen plus da assumere per 4 mesi (20 giorni al mese). Sono all'ultimo mese di cura ma di benefici ancora non ne noto. Lei che pensa? Si può temere qualcosa di preoccupante? A livello intestinale in tutto ciò non sono stato sempre regolare, ma dopo visita dal gastroenterologo questo mi ha rassicurato dicendomi che ho classici sintomi da colon irritabile e mi ha diagnosticato anche calcoli alla colecisti che sto trattando con il tudcabil. Spero che mi riesca a dare qualche informazione. P.s. Per dilatazione del plesso venoso periprostatico che si intende? Ormai son passati 9 mesi da quando soffro di flusso rallentato, per quanto la cura di venolen l'abbia iniziata da febbraio. Grazie in anticipo. Buona serata

La risposta

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, di preoccupante sicuramente no tuttavia il suo caso non è possibile valutarlo accuratamente via mail o telefono, oltre a quello che già le avevo accennato.si affidi al collega che la segue e la può visitare

Domande correlate

Paura della sieropositività

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, mi sento di tranquillizzarla. Sicuramente se il paziente avesse avuto una positività la sua tutor l’avrebbe informata, ma ad ogni modo nessuna malattia si trasmette con una goccia sulla...

Vedi tutta la risposta

Circoncisione

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, direi che la cosa più sensata è contattare il collega che ha operato suo figlio

Vedi tutta la risposta

Calcolo renali e nell'uretra

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Buongiorno, la probabilità che transiti spontaneamente è molto alta, ma direi che è stata seguita nella maniera opportuna

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio