Farmaci biologici per l'asma

Ho letto su un quotidiano che sono disponibili due farmaci biologici cui si aggiunge un terzo chiamato benralizumab per la cura dell'asma che finora è stata trattata con puf al cortisone come succede nel mio caso che soffro di asma bronchial cronica da oltre trent'anni. Vorrei saperne di più. Grazie

La risposta

avatar Medicina Generale Dott. Franco Marchetti

Gentile lettore,effettivamente da qualche anno è disponibile un anticorpo monoclonale, omalizumab, capace di bloccare le IgE, gli anticorpi responsabile della reazione allergica e quindi coinvolti anche nell’asma. Adesso si aggiunge un nuovo anticorpo monoclonale, benralizumab, che funziona in modo diverso cioè legandosi a un recettore presente sulla superficie degli eosinofili (i globuli bianchi coinvolti nella reazione allergica). Entrambi i tipi di anticorpi sono efficaci nel controllare l’asma grave. Di fatto questi farmaci trovano indicazione nei casi di asma severo non controllato con le normali terapie. Per verificare se possono essere indicati nel suo caso dovrebbe effettuare una visita presso un centro di allergologia/pneumologia che valuti la sua situazione specifica. Cordiali salutiFranco Marchetti

Domande correlate

Info indicazioni per risolvere al meglio problemi di irritazione cutanee ecc….. grazie

avatar Naturopatia/Erboristeria Rosa Granzotto

Gentile lettrice , alle varie domande che pone vediamo di affrontare ogni domanda per volta;***crosticine dovute a irritazione cutanea ,peli incarnati, brufoletti , per cercare di risolvere questi...

Vedi tutta la risposta

Quando a proposito di sanacol si parla di tre compresse al giorno per due volte cosa si intende 6 c...

avatar Naturopatia/Erboristeria Rosa Granzotto

Gentile lettrice , il Sanacol è un prodotto che aiuta a combattere i gas intestinali e ha ridurre quindi il gonfiore. Le dosi consigliate sono 3 compresse prima dei pasti principali ( mezzogiorno...

Vedi tutta la risposta

Cellule leucemiche nel sistema centrale nervoso

avatar Medicina Generale Dott. Maurizio Hanke

Non credo che le cose stiano esattamente così, comunque è l’oncologo che deve darle una risposta anche in relazione al tipo di tumore da cui è affetta.

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio