Erezioni

Salve dottore, sono un ragazzo di 22 che ha proble con il pene. Tutto è nato una sera quando il mio pene non era in erezione come al solito, e con la masturbazione non cè stato verso di alzarlo. Nei giorni successivi il panico, è quasi un mese e mezzo due che non faccio altro che pensare al minimo sintomo corrisponda una malattia. Nella masturbazione ho un erezione ma non soddisfacentissima. Mentre con la mia ragazza riesco ad avere rapporti sessuali anche se smettiamo un attimo inizia a scendere( a sua detta son uno dei migliori), solo che per esempio quando ci baciamo si allunga molto ma riscende appena smettiamo un attimo. Svolto visita andrologica (tutto negativo)emocromo e TSH urinocoltura nella norma. Tra pochi giorni dosaggi ormonali. Pensavo di avere l’HIV risultato negativo, ora penso di avere qualcos’altro. Causa organica o psicologica?

La risposta

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Causa psicologica, senz’altro. Non deve darsene alcuna importanza e nessun peso, sono disrurbi assolutamente temporanei (che possono durare anche parecchie settimane) e comuni, e generalmente si avvitano su se stessi perchè psicologicamente si sente un peso enorme da questa situazione che si traduce in una incapacità ad avere una rapporto normale, prolungato e soddisfacente. Solo la interruzione di questo stato psicologico (con una distrazione, un viaggio o la coltivazione di altri interessi sportivi, culturali, hobbistici) può aiutare a superare il problema e la sua ragazza può aiutarla in questo contribuendo a darle motivi di distensione e di tranquillità senza alcuna preoccupazione per le possibili prestazioni non brillanti che potrebbero esserci e che non devono dare alla coppia alcun motivo di tensione o di discussione.

Domande correlate

Informazioni su farmaci contenenti pseudoededrina

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Ritengo che lei possa soffrire di una rino-sinusite cronica che va incontro a frequenti acutizzazioni stagionali. Ritengo altresì che sarebbe necessario effettuare qualche approfondimento...

Vedi tutta la risposta

Preoccupazione per Linfonodi e dolore petto

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

I linfonodi gonfi può valutarli clinicamente il suo medico di famiglia il quale potrà decidere se sia necessario un ulteriore  approfondimento diagnostico mirato su di essi. 

Vedi tutta la risposta

Preoccupazione per Linfonodi e dolore petto

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Gli accertamenti che le sono stati prescritti sono corretti ed anche una Tac del torace, a questo punto, potrà fare piena luce su questi sintomi che, in ogni caso, a mio parere derivano, in ngran...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio