Calo della Libido

Gentile staff, vi scrivo per avere consigli per il mio problema. Purtroppo i dottori a cui mi sono rivolta non mi sono stati molto “vicini” e non mi hanno aiutata molto. Spero di trovare un valido aiuto su questo sito. È da qualche anno che ormai soffro di calo della libido, ora del tutto annullato. Non ho mai voglia di intimità con il mio ragazzo, né con nessun altro. Se guardassi un film “spinto”, non avrei reazioni. Ho sottoposto il problema al mio dottore, il quale, sapendo che da anni seguivo una cura antidepressiva con il farmaco Cipralex, mi ha consigliato di andare da uno psicoterapeuta per cambiare farmaco. Sono andata e mi ha cambiato il farmaco Cipralex in Brintellix, affermando che in quest’ultimo non ci fosse la sostanza che azzerasse la libido. Ormai è da inizio gennaio che lo sto usando ma ancora non vedo né sento cambiamenti a livello sessuale e libidico. Purtroppo questo psicoterapeuta ha cambiato ospedale e non posso più contattarlo. Per questo motivo ho sentito il bisogno di scrivere qui, nella speranza che qualcuno mi possa dare un consiglio. Questo problema sta davvero prendendo il sopravvento sulla mia vita e sulla mia relazione peggiorando la situazione...

La risposta

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Penso che il calo delle libido sia anche, ma non solo, effetto del primo farmaco da Lei utilizzato. Il problema è che la libido non è un interruttore che una volta chiuso poi si apre automaticamente. Occorre ripristinare il meccanismo del desiderio che a sua vola attiva le varie reazioni sessuali. Un buon inizio sarebbe quello di “erotizzare” il Suo corpo, nel senso di prendersene cura in modo particolare, senza pensare al sesso ma per il proprio benessere (cura del corpo, abbigliamento intimo, ecc.): insomma, deve piacersi Lei per prima. Solo dopo potrà lasciare che il desiderio del piacere possa ripristinarsi. 

Domande correlate

Si può rimanere incinta senza eiaculazione interna?

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Da quello che leggo mi pare che non vi sia alcun segnale di gravidanza: piuttosto direi che varrebbe la pena, se il problema persiste, di contattare un ginecologo.

Vedi tutta la risposta

Pqura contagio hiv o epatite

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Non credo che la circostanza rappresenti un pericolo reale. Nel caso persistano però i Suoi dubbi, si rivolga al Suo ginecologo che provvederà, se riterrà il caso, a fare gli accertamenti...

Vedi tutta la risposta

Anorgasmia

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Direi che è un po’ presto per arrendersi, anche perchè, come Lei afferma, il problema non è nei 56 anni ma esiste da sempre. Io credo che, in ogni caso, Lei stia insistendo troppo con la...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio