Calcoli colecisti in gravidanza

Buongiorno, ho 36 anni. durante la mia seconda gravidanza (ho partorito con TC lo scorso marzo) mi è stata diagnosticata la colecisti gravidica e mi sono stati trovati dei calcoli alla cistifellea. Durante gli ultimi due mesi di gravidanza ho avuto transaminasi e sali biliari alti, a settembre ho fatto delle analisi del sangue per controllare transaminasi, gamma Gt e sali ed erano nella norma, recentemente ho fatto un\'ecografia all\'addome che ha evidenziato \"colecisti distesa, presenta al suo interno numerosi echi brillanti con cono d\'ombra posteriore, localizzati nelle regioni declivi con calibro massimo di 6mm\". La colecisti non è infiammata, tutto il resto è nella norma. Vorrei intanto avere dei chiarimenti sul referto dell\'ecografia, il calcolo di 6 mm è considerato grande? Da questo referto si riesce a capire se si tratta di calcoli di calcio o colesterolo? Il fatto che il cono d\'ombra sia posteriore e che i calcoli siano localizzati nelle regioni declivi che cosa significa? Il dottore che mi ha fatto l\'ecografia mi ha suggerito di prendere Deursil 300 mg 2 volte al giorno per almeno 6 mesi e poi fare un altro controllo, il mio medico di base invece ritiene che debba anche consultare un chirurgo per vedere se i calcoli sono da operare (cosa che vorrei evitare). Vorrei quindi chiedere un vostro parere sul da farsi sottolineando che: 1. soffro, sporadicamente, di coliche gassose (ultima avuta in agosto 2020, prima di quest\'episodio non ne avevo più avute da anni. Queste \"coliche\" passano se sto distesa circa 20 minuti, senza dover prendere medicinali, e comunque il dottore che mi ha fatto l\'ecografia collega questi dolori più a una cattiva digestione che non direttamente ai calcoli. Quando ho questi dolori mi fa male in genere sotto al seno, sia a destra che a sinistra e mi sento molta aria nello stomaco). 2. mi capita di avere la digestione pesante o di soffrire di acidità di stomaco. 3. Nel 2018 avevo fatto un\'ecografia all\'addome completo che non aveva rilevato la presenza di calcoli alla cistifellea. Dopo il parto, infine, mi hanno fatto controllare gli isoenzimi della fosfatasi alcalina con i seguenti risultati che non riesco a interpretare e sui quali in ospedale non mi è stato detto nulla: frazione biliare 0 percento frazione epato-ossea 0 percento frazione epatica 25 percento frazione ossea 40 percento frazione placentare 35 percento frazione intestinale 0 percento Potete darmi un chiarimento anche su quest\'analisi? Grazie.

La risposta

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Le analisi sono una scansione dei valori della fosfatasi alcalina che però non ha evidenziato anomalie. Concordo con la prescrizione del Deursil fatta dal suo medico per la calcolosi biliare che potrebbe essere la responsabile delle coliche addominali..

Domande correlate

Pallina dietro la nuca

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Non deve preoccuparsi, ma la evoluzione di queste tumefazioni (cisti sebacee o lipomi) può essere quella di infiammarsi e suppurarsi per cui a quel punto occorre farle incidere dal medico o...

Vedi tutta la risposta

Portatore di anemia e sincope

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Certamente, la anemia può predisporre ad una tendenza a cali pressori con sensazioni sgradevoli di capogiri e debolezza, ma quel che lei ha avuto rientra nell’ipotesi di una crisi di ansia...

Vedi tutta la risposta

Paura sangue dal naso

avatar Medicina generale - Maurizio Hanke Dott. Maurizio Hanke

Se continuasse questa epistassi dovuta a quella piccola crosticina che lei ha notato dovrà rivolgersi ad uno specialista ORL. Il fatto che abbia ingerito il sangue versato da quella crosticina non...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio