A A
hero image

Lenti a contatto: problemi e soluzioni

Quando si presentano dei fastidi durante l’uso, meglio evitare il fai da te. Ecco i suggerimenti degli esperti

credits: istock



0

di Cinzia Testa

Porti da anni le lenti a contatto, finché un giorno, all’improvviso, ti sembra di avere due pezzetti di vetro negli occhi: «È il primo campanello d’allarme, il sintomo di un’irritazione che spesso può precedere la comparsa di altri disturbi», spiega il dottor Ettore Destro, responsabile dell’Unità operativa di oculistica dell’Istituto clinico Città studi a Milano.

«Se hai anche prurito, dolore, sei diventata intollerante alla luce e accusi un calo della vista, toglile subito e non insistere nel volerle riapplicare. Piuttosto, rivolgiti al più presto all’oculista o vai al pronto soccorso per avere la prescrizione dei farmaci giusti.

Evita i rimedi fai da te: rischi di peggiorare il problema e compromettere la salute dell’apparato visivo. Che cosa può scatenare reazioni del genere? Spesso sono dovute allo scarso rispetto delle regole di applicazione e manutenzione delle lenti a contatto: uno studio inglese ha dimostrato che le attenzioni calano dopo i primi 2 anni di utilizzo», specifica il dottor Destro. Ma le cause possono essere anche altre. Impara a riconoscerle in base ai sintomi e a prevenirle con i consigli del nostro esperto.


HAI LE PALPEBRE APPICCICOSE
Dagli occhi, arrossati, fuoriescono delle secrezioni

colpo d’aria Probabilmente hai un’infiammazione della membrana che riveste il bulbo oculare causata dal vento o da uno sbalzo di temperatura. Capita anche in questa stagione, per esempio, se viaggi con i finestrini aperti o tieni l’aria condizionata troppo forte. 

previenilo così Prendi l’abitudine di indossare gli occhiali da sole: riparano gli occhi anche da vento e colpi d’aria, con un effetto “parabrezza”.

TI PRUDONO GLI OCCHI
Noti un aumento della lacrimazione e una secrezione mucosa filante bianca. La congiuntiva sembra addirittura gonfia, le palpebre hanno la cute arrossata e arida. 

allergia Quasi sicuramente si tratta di una congiuntivite scatenata dai pollini delle piante, che in questo periodo sono particolarmenti concentrati nell’aria, oppure dal pelo degli animali, specialmente del gatto. 

previenila così Porta sempre con te un collirio a base di lacrime artificiali e instillalo un paio di volte al giorno: aiuta a tenere “puliti” gli occhi.

TI DÀ FASTIDIO LA LUCE
Senti il bisogno di stare al buio per evitare il dolore. Dagli occhi fuoriesce un liquido chiaro o purulento. Inoltre hai la congiuntiva di colore rosso acceso diffuso. 

infezione virale o batterica La congiuntivite può essere scatenata da un raffreddore o dal contatto con chi già soffre di questo problema. Ma i responsabili possono anche essere i germi presenti nell’acqua di mare o in piscina: magari hai nuotato con le lenti a contatto. Basta una goccia di acqua contaminata assorbita dal materiale poroso della lente a scatenare il disturbo nell’arco di 12 ore.

previenila così Se vuoi proprio usare le lenti quando nuoti, scegli le usa e getta e indossale solo per il tempo che trascorri in acqua.


HAI UN DOLORE IMPROVVISO
Avverti una fitta intensa e la zona centrale dell’occhio appare arrossata.

ulcerazione della cornea Si tratta di un disturbo frequente soprattutto in estate, perché si tende a indossare per troppe ore le lenti, soprattutto in spiaggia. Ed ecco quindi il dolore, che può essere scatenato anche da un granellino di sabbia finito nell’occhio.

previenila così Instilla le lacrime artificiali almeno 4 volte al giorno e imposta un allarme sul tuo smartphone, per ricordare di togliere le lenti all’orario giusto.


IL BRUCIORE È FORTISSIMO
Avverti la sensazione di avere qualcosa nell’occhio e i disturbi peggiorano minuto dopo minuto, con difficoltà a tenere aperta la palpebra e lacrimazione intensa, fino ad avere problemi nella visione

cheratite Questa infiammazione della cornea spesso dipende dall’uso delle lenti a contatto dopo la scadenza: se superi il limite massimo si verifica un’alterazione del materiale di cui sono composte, che apre la porta a virus e batteri. Oppure potresti aver lavato il porta lenti con acqua del rubinetto, che espone al pericolo di contaminazione batterica.

previenila così Ripassa (e poi rispetta) le regole di uso e manutenzione delle lenti. Se vai su assottica.it puoi scaricare un utile opuscolo informativo.


ATTENTA ALL'OCCHIO SECCO

Se le lenti che indossi ti sembrano rigide e sei portata a strizzare continuamente gli occhi per cercare di produrre lacrime, potresti soffrire di alterazioni lacrimali o sindrome da occhio secco. Ecco 3 regole da seguire. 

>Utilizza un collirio a base di lacrima artificiale.
>Mantieni ben umidificati gli ambienti dove abiti e lavori.
>Quando sei al computer togli lo sguardo dal video ogni quarto d’ora e ammicca per un paio di volte, come se facessi l’occhiolino.


Fai la tua domanda ai nostri esperti


Articolo pubblicato sul n.22 di Starbene in edicola dal 17/05/2016

Leggi anche

Vista: le virtù dei nuovi laser

Lenti a contatto notturne per curare miopia e astigmatismo

Chi fa sport sceglie le lenti a contatto

Proteggi la vista a tavola

Pubblica un commento