A A

La dieta giusta contro i brufoli

La frutta rossa e arancione è un toccasana contro l’acne. Molto utili poi noci, mandorle, pesce, legumi. Cos’hanno in comune questi cibi? Sono utili contro l’infiammazione e hanno un basso indice glicemico. Ecco, secondo le ultime ricerche, cosa prevede la dieta giusta contro i brufoli



0

di Francesca Soccorsi


L'acne colpisce oltre l'80 per cento dei ragazzi, ma non risparmia molti adulti over 25. Ed è il primo motivo per cui le persone ricorrono al dermatologo. Però c'è una buona notizia: l’acne si può combattere anche a tavola e senza bisogno di eliminare il cioccolato. Uno studio condotto dall'Università Federico II di Napoli, pubblicato di recente su Clinical and Experimental Dermatology, infatti, ha dimostrato il legame fra questa patologia e la resistenza all'insulina. Continua a leggere e scopri che cosa portare a tavola se hai i brufoli.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

LA DIETA ANTI-ACNE

Per curare l'acne è importante preferire alimenti a basso indice glicemico, che modulano la risposta insulinica e non provocano impennate della glicemia: «Questi cibi, tra l'altro, riducono la produzione di due classi di sostanze, il fattore di crescita IGF1 e gli ormoni maschili androgeni, che favoriscono la comparsa dei brufoli», spiega la professoressa Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia all'Università Federico II di Napoli. La loro azione, quindi, è importantissima, visto che l'infiammazione dei follicoli pilo-sebacei e del tessuto cutaneo è dovuta anche alla presenza eccessiva di ormoni androgeni (non a caso l'acne colpisce di più i maschi) e di IGF1, un potente fattore pro-infiammatorio.

QUALI SONO I CIBI GIUSTI

I cibi giusti contro l’acne sono quelli che, oltre ad avere un basso indice glicemico, interrompono il circolo vizioso dell’infiammazione: «Le centrifughe e i succhi freschi a base di frutta arancione, che contiene betacarotene, e rossa, ricca di fitonutrienti antiossoidanti, le noci e le mandorle, che apportano selenio. Poi, i probiotici come yogurt e cereali integrali e i legumi, per via della presenza di zinco, il pesce, che contiene Omega 3, l'olio d'oliva a crudo, antinfiammatorio e antiossidante, le mele, ricche di pectina, e le fragole, che apportano tanta vitamina C. Infine, bisogna integrare la dieta con inositolo, cioè la vitamina B7, contenuta nella crusca».

ECCO GLI ALIMENTI DA EVITARE

Sono tutti quelli con un indice glicemico elevato, come i carboidrati raffinati e lo zucchero, ma anche gli alimenti pronti e il cosiddetto junk food, che favoriscono le infiammazioni. «Anche con il latte vaccino è bene non esagerare: contiene ormoni della crescita correlati all'insorgenza dell'acne», chiarisce la professoressa Fabbrocini.

Leggi anche

Acne a 30 anni? Sconfiggila in 5 passi

Acne: consigli di trattamento

Pelle, i segreti che ti mantengono giovane

Indice glicemico: perché è importante

Pubblica un commento