Sensazioni di vuoto mentale

Buonasera, scrivo per cercare di capire e dare un nome a quello che ogni tanto mi succede: Questa cosa che andrò a descrivere mi può succedere all'improvviso e durare 3/4 ore, una giornata intera oppure 4/5 giorni e poi sparire per dei mesi senza che io ci abbia trovato un collegamento a qualche mia azione o stato d'animo. Si tratta di una sensazione come di vuoto mentale, avere la testa poco concentrata su quello che sto facendo o come se non avessi il pieno controllo della situazione cioè di avvertire che sto tralasciando qualcosa senza però sapere che cosa. Avverto come una certa difficoltà a pensare in modo più ampio e passare da un pensiero all'altro. A volte anche nelle parole degli altri avverto il senso dopo qualche attimo...come di poca lucidita mentale. Bisogna dire che sono una persona molto ansiosa, sensibile e mi allarmo per nulla. Sono senza lavoro da circa 8 anni (maledetta crisi) e questo mi pesa moltissimo, non solo da un punto di vista economico ma soprattutto per una mancanza di motivazioni e appagamento personale. Il medico (psichiatra) che 1 o 2 volte all'anno consulto per controllo, mi ha detto che la cosa dipende dalla mia situazione personale di precarietà e di grande incertezza generale, che mi porta ad avvertire questi stati d'animo. Io però nutro sempre qualche dubbio quando mi succede. Per precisare meglio la cosa, posso aggiungere questo: Sono sempre stato abituato a programmare i miei impegni (anche quando lavoravo) e il pensare a quello che avrei dovuto fare il giorno dopo e questo probabilmente mi ha sempre aiutato a gestire la mia ansia. Adesso quando vivo questi momenti di vuoto, è come se non riuscissi a vedere la mia agenda settimanale. Avendo una mente molto iperattiva, (rimugino spesso su molte cose), potrebbe forse essere che in questi momenti, la mia mente è come se entrasse in stand by e si prendesse una pausa a causa di troppa attività mentale e conseguenti elevati livelli di ansia e stress? Mi rendo conto non sia facile descrivere questa sensazione, però risulta molto sgradevole anche perchè si accompagna sempre ad un senso di irrequietezza, un qualcosa che crea un' interferenza nella mia mente. Ringrazio e saluto. Germano

La risposta

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro Germano, effettivamente non è facile inquadrare la condizione che descrive. Potrebbe essere sia conseguenza di un disturbo d’ansia che una sindrome da derealizzazione. Ne parli con il suo psichiatra che conosce la sua condizione clinica in maniera più approfondita. Cordiali saluti

Domande correlate

Riduzione tavor

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Cara Lettrice, la sua condizione sembra essere complessa, le consiglio di parlarne con il suo psichiatra e se non trovasse una soluzione le consiglio di chiedere un secondo consulto. Cordiali...

Vedi tutta la risposta

Ansia

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro lettore/lettrice può capitare ma solo una valutazione specialistica può darle una risposta. Saluti

Vedi tutta la risposta

Ho smesso di prendere zarelis. Per quanto tempo avrò capogiri?

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Perdoni il ritardo nel risponderle. Se non fosse già passato è il caso di parlare con lo specialista psichiatra. Cordiali saluti

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio