Pemfigoide bollosa

Salve. Scrivo per mio padre che ha 75 anni ed è allettato poichè ha varie patologie: parkinson, alzaimer, psoriasi, diabete. Anni fa ha avuto operazioni cardiache, alle ghiandole salivari e di conseguenza prende svariati farmaci a fronte delle innumerevoli patologie. Negli ultimi giorni, gli sono uscite svariate bolle molli e sierose che si rompono provocandogli vesciche sulla pelle e fuoriuscita di sangue e o siero. Dopo consulto col dermatologo, il quale gli ha diagnosticato pemfigoide bollosa, lo stesso gli ha vietato per il momento tutti i farinacei e graminacei facendo una sorta di tentativo provando a vedere se sono questi a scatenare il tutto, altrimenti si reintroducono ed eventualmente si elimina un'altra famiglia alimentare e così via. Gli ha prescritto per via sistemica il cortisone per almeno 1 settimana, con l'avallo del diabetologo che gliel'ha dato però aumentandogli la dose di insulina e monitorando la glicemia almeno 3 volte al dì. Il diabetologo però non ha condiviso l'eliminazione totale di carboidrati in quanto mio padre essendo diabetico e dovendo fare ricorso al cortisone e a maggiore insulina, potrebbe andare in ketoacidosi. Al massimo potrebbe ridurre solo un pochino la quantità di carboidrati. Poi ancora il dermatologo gli ha dato delle creme e della soluzione fisiologica per detergere la pelle lesionata e provata da queste manifestazioni e poi medicare applicando prima una crema sulla cute. Mio padre ha anche le gambe gonfie e la mano sinistra soprattutto. Siamo in attesa di visita cardiologica domiciliare con relativo ecocardiogramma. Inoltre il medico di base gli ha prescritto vari tipi di esami del sangue. Oltre a queste prescrizioni, quali altre regole dovremmo osservare per evitare che questa patologia degeneri ? Quali altri esami potrebbe fare mio padre a integrazione di quelli già succitati ? Può questa malattia essere scatenata da una famiglia alimentare come ipotizzato dal dermatologo ? Oppure potrebbe più essere qualche farmaco visto che mio padre ne prende tanti ? O un problema di circolazione visto che ha vari gonfiori e pelle scura diciamo sulla parte dove resta più tempo girato nel letto ? Andrebbe potenziata la cura di cui sopra oppure per il momento va bene quanto prescrittogli ? Inutile sottolinearvi l'ansia, le paure e le preoccupazioni che ci stanno assalendo negli ultimi giorni. Grazie. Cordiali Saluti.

La risposta

avatar Dermatologia e Medicina estetica - Elisabetta Fulgione Dott.ssa Elisabetta Fulgione

Gentile lettore il pemfigoide bolloso è una  patologia su base autoimmune ,diversi sono i fattori scatenanti tra cui alcuni farmaci quali la furosemide che possono agire modificando la risposta immunitaria o alterando le proprietà antigeniche della membrana basale dell’epidermide .La diagnosi si basa sulle caratteristiche cliniche della patologia e viene confermata con biopsia cutanea e successivo esame istopatologico. Tra i casi più frequenti di induzione quelli documentati in letteratura sono legati ad altri agenti fisici (ad esempio, radioterapia, radiazioni ultraviolette, ustioni termiche o elettriche, procedure chirurgiche, trapianti) Un ruolo che contribuisce a indurre pemfigoide bollosa è stato suggerito per le infezioni, in particolare le infezioni da virus herpes (HHV) (citomegalovirus, virus Epstein-Barr e HHV-6), ma anche virus dell’epatite B e C, Helicobacter pylori e Toxoplasma gondii. A differenza del pemfigo, non vi sono molte evidenze nella correlazione tra pemfigoide e dieta tuttavia credo che, nel caso di suo padre, una volta confermata la diagnosi sia necessaria l’interazione tra il diabetologo e il dermatologo per riuscire a controllare le varie patologie di cui soffre suo padre essendo la terapia del PB sopratutto basata su utilizzo del cortisone Credo che l’interazione tra il diabetologo e il dermatologo sia fondamentale per poter seguire la patologia di suo padre essendo la terapia basata sopratutto sull’utilizzo di cortisonici. Cordialità 

Domande correlate

Prurito piedi

avatar Dermatologia e Medicina estetica - Elisabetta Fulgione Dott.ssa Elisabetta Fulgione

Gentile lettore/ lettrice nella sua mail riferisce che il prurito al dorso del piede non è associato a lesioni cutanei per cui potrebbe essere anche semplicemente causato da xerosi locale. Provo...

Vedi tutta la risposta

Alopecia areata?

avatar Dermatologia e Medicina estetica - Elisabetta Fulgione Dott.ssa Elisabetta Fulgione

Gentile lettore le riporto la risposta che già le ho dato qualche giorno fa rimarcando la necessità sdi una consulenza dallo specialista perchè, come già detto nella risposta precedente (che...

Vedi tutta la risposta

Dolore ai capelli

avatar Dermatologia e Medicina estetica - Elisabetta Fulgione Dott.ssa Elisabetta Fulgione

Gentile lettore/tricela sensazione che descrive  di dolore avvertita sulla superficie del cuoio capelluto e l’irritazione /prurito percepita come un fastidio non ben definito alla...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio