Marker tumorali dei testicoli e farmaci

Salve, ho 38 anni e sono da un anno e mezzo monitorato attraverso cicliche ecografie e esami del sangue, per controllare la situazione dei testicoli; questo perchè durante la prima ecografia testicolare che io abbia mai fatto, mi furono riscontrate singole, millimetriche calcificazioni, una per testicolo. Inoltre mi furono riscontrate un modesto varicocele e modesta prostatite - entrambe non mi hanno mai dato sintomi, o quasi. Prima di Natale dovrò svolgere il consueto esame del sangue, che i medici che mi seguono chiamano marker tumorali per i testicoli. Sulla ricetta leggo Ldh, Gonadotropina corina (forse leggo male) e Alfa fp. Ora, da inizi ottobre a metà novembre, quindi pressappoco per un mese e mezzo, ho dovuto fare una lunga terapia antibiotica - a causa di una ciste sebacea infiammata, nella prima fase con Macladin 500mg e poi proseguita con Clavulin 875mg/125mg. Sempre assumendo i farmaci due volte al giorno. Quindi è stata una terapia molto consistente. Inoltre sto assumendo da un paio di mesi Permixon; purtroppo assumo anche altri farmaci a causa della mia allergia cronica agli acari della polvere che mi causa rinite, congiuntivite e talora manifestazione d'asma; prendo Avamys spray nasale, Betabioptal per gli occhi e talora, al bisogno, Ventolin spray oppure Valeas come inalatori. Ora, la mia domanda riguarda la possibile interazione tra i farmaci e gli esami del sangue; in particolare mi riferisco agli antibiotici. Il medico di base mi confermò che gli antibiotici potevano alterare questi valori, in modo peculiare, se non erro, l'Ldh, come lessi anche sul bugiardino di Macladin. Vero è che è passato un pochino di tempo, ma il fatto che la cura antibiotica sia stata tanto lunga e corposa può comportare qualche alterazione, o comunque falsare i valori delle analisi ematiche? E per quanto riguarda gli altri farmaci che assumo? Le altre volte in cui ho fatto questi esami erano sempre periodi in cui non prendevo farmaci, quindi non mi ero mai posto il problema. Ultima annotazione; questi esami devo svolgerli in dicembre, perchè, teoricamente, a 6 mesi dall'ecografia che feci in giugno. In realtà ho effettuato altre due eco fuori programma in agosto e settembre, a causa di mie ansie, da cui è risultato tutto perfettamente sovrapponibile alle eco precdenti. Infine vorrei anche sapere se per questo tipo di esami del sangue c'è qualche altro accorgimento da tenere presente nei giorni precedenti il prelievo. Intendo a livello alimentare o di attività fisica. Altre volte mi fu detto di no, ma chiedo comunque per ulteriore conferma. Grazie mille, mi scuso per la lunghezza del messaggio e le molte domande, ma sono una persona ansiosa ed ho bisogno di capire come comportarmi. Saluti.

La risposta

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, mi sento di rassicurarla in tutto e per tutto. Esegue l’attività fisica che ritiene più opportuno che faccia gli esami senza preoccuparsi delle interazioni, che in questo caso sono veramente irrilevanti

Domande correlate

Pressione sulla vescica e senso di incompleto svuotamento… Quali potrebbero essere le cause ?

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, potrebbe essere semplice congestione vescicale, strettamente legata all’alimentazione e allo svuotamento intestinale. Tuttavia ne parli quantomeno con il medico curante. Cordialità

Vedi tutta la risposta

Info post operatorio

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, deve parlarne con Il collega che l’ha operata

Vedi tutta la risposta

Sono un uomo di 66 anni alto 179 cm per 95 chili, di struttura scheletrica normale, qual'è il ...

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, sicuramente è necessario fare una visita urologica

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio