Esiste un farmaco che rende felici?

Salve, le scrivo anche se non sono sicuro che lei potrà darmi delle risposte, ma non sapevo a chi altro scrivere. Ho visto su internet che esistono dei farmaci capaci di rendere felice, che hanno come principio attivo l'ossitocina, non so se è vero, ma lo chiedo a voi che siete persone competenti. Esistono farmaci i cui effetti siano quelli di portare un soggetto ad essere felice? Niente cose omeopatiche, parlo di farmaci effettivi e vorrei sapere se potessi acquistarli senza prescrizione medica.

La risposta

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro Lettore, non penso esisteranno mai farmaci capaci di rendere felici. La felicità è un traguardo che dipende da molti fattori e si costruisce impegnandosi a cercare di vivere in sintonia con se stessi. I farmaci quello che possono  fare e ridare una serenità di fondo a chi è colpito da un disturbo mentale e questa serenità può essere una bae su cui ognuno può costruire la propria felicità. L’ossitocina è una sostanza naturale che ha molte funzioni, non tutte positive e comunque deve ancora essere studiata con attenzione per valutarne gli effetti con completezza. C’è un grande interesse sull’ossitocina e tanti studi effettuati e in corso ma non certo come molecola della felicità….

Domande correlate

Interruzione gocce dropaxin

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

la sospensione della paroxetina deve essere decisa e guidata dallo psichiatra che saprà darle in consiglio più giusto nel suo caso personale. In generale dopo che ha ripreso una cura con...

Vedi tutta la risposta

Disturbo ossessivo compulsivo

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro Lettore il neuropsichiatra infantile segue le persone fino a i 18 anni, lo psichiatra generalmente in età adulta. La scelta di seguire un paziente in età adulta dipende sia dalla struttura...

Vedi tutta la risposta

Palpitazioni

avatar Psichiatria - Giampaolo Perna Prof. Giampaolo Perna

Caro lettore, è possibile che la sua reazione cardiologica sia legata a una vulnerabilità al disturbo di panico. Chieda il parere di uno psichiatra esperto in ansia. Cordiali saluti

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio