A A
hero image

Viverla Tutta: immagini e parole da condividere



0

Le storie di pazienti e caregiver sono il cuore della campagna di comunicazione e impegno sociale promossa da Pfizer. Quattro video trasmessi dalle reti Mediaset e sul web per uscire dal silenzio e scoprire l'importanza della condivisione della propria esperienza di malattia nel percorso di cura.


“I veri angeli non hanno le ali, o forse le hanno ben nascoste sotto il camice”. Anche parlando della sua malattia, Annalisa riesce a usare immagini di luce. È anche grazie a questa positività che lei, una donna dagli occhi verdi e dal sorriso dolcissimo, è riuscita ad affrontare un momento difficile della sua vita e a lasciarselo alle spalle. Oggi può raccontare lo sgomento, la difficoltà di parlarne con i suoi famigliari, ma anche la grande forza e la voglia di farcela, per poter tornare a vivere ogni momento con serenità.

Annalisa ha deciso di raccontare la sua storia di malattia nell'ambito di Viverla Tutta, un percorso di narrazione e condivisione nato nel 2011 che ha raccolto ad oggi circa quattromila testimonianze. E la campagna, promossa da Pfizer, si rinnova quest’anno con quattro video-testimonianze, come quella di Annalisa, che sono trasmesse da metà ottobre sulle reti Mediaset e sul web.


Con il coinvolgimento della comunità scientifica e delle istituzioni, Viverla Tutta vuole dare spazio al vissuto e alle emozioni di chi si trova ad affrontare un momento delicato della propria vita, rendendoli patrimonio comune, e promuovere l'approccio della medicina narrativa, una metodologia secondo la quale la malattia non va considerata solo come un insieme di sintomi, cause e rimedi, ma che mette al centro l'ascolto del paziente. Integrata con la medicina “tradizionale”, la medicina narrativa può offrire benefici in termini di decisioni clinico-assistenziali più complete, personalizzate ed efficaci.

La scoperta di una grave malattia non è facile da affrontare, così come ci vuole grande determinazione nell’ intraprendere con coraggio il percorso di cura. Annalisa ci è riuscita e, condividendo sentimenti e paure, oggi può guardare avanti con il sorriso e dare forza a chi sta combattendo la propria battaglia contro la malattia.

Per saperne di più e condividere una storia, visita il sito www.viverlatutta.it e la pagina Facebook.


Starbene per Viverla Tutta

Pubblica un commento